Apri il menu principale
Šumšu
Шумшу
Demis-Shumshu (Shumushu).png
Geografia fisica
LocalizzazioneMare di Okhotsk
Coordinate50°45′N 156°21′E / 50.75°N 156.35°E50.75; 156.35Coordinate: 50°45′N 156°21′E / 50.75°N 156.35°E50.75; 156.35
ArcipelagoIsole Curili
Superficie231,4 km²
Dimensioni30 × 20 km
Altitudine massima189 m s.l.m.
Geografia politica
StatoRussia Russia
Circondario federaleEstremo Oriente
Oblast'Sachalin Sachalin
RajonFlag of Severo-Kurilsk (Sakhalin oblast).png Severo-Kuril'skij
Cartografia
Kuriles Shumshu.PNG
Mappa di localizzazione: Distretto Federale dell'Estremo Oriente
Šumšu
Šumšu
voci di isole della Russia presenti su Wikipedia

Šumšu (in russo Шумшу; in giapponese 占守島, Shumushu-tō) è un'isola russa che fa parte dell'arcipelago delle Isole Curili, situata tra il Mare di Ochotsk e l'Oceano Pacifico settentrionale. Amministrativamente fa parte del Severo-Kuril'skij rajon dell'oblast' di Sachalin, nel Circondario federale dell'Estremo Oriente. Il suo nome in lingua ainu significa "buona isola".

L'isola non ha una popolazione permanente, quella sedentaria si è spostata su Paramušir[1], ci sono solo i guardiani del faro che si trova su Šumšu[1]; in precedenza esistevano gli insediamenti di Bajkovo, Šutovo, Šumnyj (a ovest), Babuškino, a sud, e Kurbatovo, a nord, (Байково, Шутово, Шумный, Бабушкино, Курбатово)[1].

GeografiaModifica

L'isola si trova nella parte nord delle isole Curili ed è la più settentrionale. Šumšu è separata da Paramušir dallo stretto Vtoroj Kuril'skij (Второй Курильский пролив), di soli 2 km di larghezza; la sua punta nord, capo Kurbatova (мыс Курбатова), dista 11 km da capo Lopatka (мыс Лопатка), l'estremità sud della Kamčatka, da cui è separata dallo stretto Pervyj Kuril'skij. La sua superficie è di 231,4 km²[2], è lunga 30 km e larga 20 km, e raggiunge un'altezza massima di 189 m s.l.m. sul monte Macugo (гора Мацуго)[2], nella parte meridionale dell'isola. Il terreno, composto da rocce vulcaniche, è collinare e l'isola ha numerosi corsi d'acqua ed è costellata da molte paludi e laghi; il lago più grande si trova vicino alla costa occidentale.

StoriaModifica

Šumšu era abitata dal popolo degli Ainu, la cui sopravvivenza era garantita dalla pesca abbondante e dalla presenza di mammiferi marini.

L'isola appare su una mappa ufficiale dei territori del clan Matsumae, un dominio feudale del periodo Edo in Giappone (1644)[3].

Nel 1711, Šumšu fu esplorata dalla spedizione del cosacco jakuto Ivan Petrovič Kozyrevskij[4][5] e frequentata dai commercianti russi di pellicce. Nonostante il dominio Matsumae sull'isola, questa è di fatto rimasta al di fuori del controllo giapponese. La sovranità dell'Impero russo su Šumšu è stata confermata dai termini del Trattato di Shimoda nel 1855[3][6].

Nel 1875, la sovranità fu trasferita all'Impero giapponese con il Trattato di San Pietroburgo[7] insieme al resto delle isole Curili[3].

La sua occupazione da parte sovietica avvenne alla fine della seconda guerra mondiale (il 18 agosto 1945), occupazione che si estese fino a Urup (la più meridionale delle Curili) il 27 dello stesso mese[3].

Šumšu è attualmente parte della Federazione Russa.

NoteModifica

  1. ^ a b c (RU) Северо-курильский остров Шумшу обживают медведи
  2. ^ a b (RU) Šumšu
  3. ^ a b c d (EN) The Kurile Islands Dispute Archiviato il 9 giugno 2012 in Internet Archive.
  4. ^ (RU) Козыревский Иван Петрович Archiviato il 15 maggio 2013 in Internet Archive.
  5. ^ (RU) Россия и Япония становятся соседями
  6. ^ Giappone, isole Curili e pudore di Stalin. [collegamento interrotto], su javelina.altervista.org. URL consultato il 9 novembre 2017.
  7. ^ Le Isole Curili – la vecchia contesa tra la Russia e il Giappone, su jointhewip.com. URL consultato il 7 aprile 2012 (archiviato dall'url originale l'8 novembre 2017).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Mappa russa: M-56 (JPG), su maps.vlasenko.net. URL consultato l'8 novembre 2017.
Controllo di autoritàVIAF (EN254475093 · NDL (ENJA00639366 · WorldCat Identities (EN254475093