2ª Armata carri della Guardia

2ª Armata carri della Guardia
2-я гвардейская танковая армия
2. GTA Porta di Brandenburgo.jpg
Carri JS II della 2ª Armata carri della Guardia davanti alla Porta di Brandeburgo, al termine della battaglia di Berlino
Descrizione generale
Attivagennaio 1943 - 1993
NazioneUnione Sovietica
ServizioArmata Rossa
Tipocorazzato
DimensioneArmata carri (1943-1993)
EquipaggiamentoNel corso del tempo:

T-34
T-70
T-60
JS-II
T-54/55
ISU-122
SU-100
SU-85
T-62
T-64
T-72
T-80

Battaglie/guerreOffensiva Voronež-Kastornoe
Battaglia di Kursk
Operazione Kutuzov
Battaglia di Smolensk
Battaglia di Korsun'
Offensiva Uman'-Botoșani
Battaglia di Kam"janec'-Podil's'kyj
Offensiva Lublino-Brest
Battaglia di Radzymin
Operazione Vistola-Oder
Battaglia di Berlino
DecorazioniUnità della Guardia (novembre 1944)
Simboli
simbolo delle forze corazzate e meccanizzate dell'Armata RossaRAF A emb-Armoured forces1936.gif
simbolo delle unità della Guardia dell'Armata RossaSoviet Guards Order.png
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La 2ª Armata carri della Guardia (in russo: 2-я гвардейская танковая армия) era una formazione corazzata dell'Armata Rossa che partecipò con un ruolo spesso decisivo ad alcune delle grandi battaglie durante la campagna sul fronte orientale della seconda guerra mondiale.

Costituita da due corpi carri e un corpo meccanizzato, era totalmente motorizzata e disponeva di un numero di mezzi corazzati variabile tra i 600 e gli 800. Durante la guerra i suoi carri armati percorsero oltre 6 000 chilometri e liberarono 3 750 centri abitati, tra cui 49 grandi città; l'armata rivendicò la distruzione nel corso della guerra di circa 3 700 carri e cannoni d'assalto tedeschi.

StoriaModifica

Costituita nel gennaio 1943 nel quadro del grande programma di ricostituzione e riorganizzazione delle forze meccanizzate dell'Armata Rossa, partecipò, al comando del generale Aleksej Grigor'evič Rodin, alla fase finale dell'offensiva invernale sovietica del 1942-43 ma non ottenne inizialmente grandi successi. Durante la battaglia estiva di Kursk, contribuì a fermare l'offensiva dei mezzi corazzati tedeschi nel settore settentrionale del saliente. A partire dal 1944, sotto il comando dell'abile generale Semën Il'ič Bogdanov, divenne una delle formazioni mobili più efficienti sovietiche e si distinse nelle grandi offensive invernali nel settore meridionale del fronte. In particolare i carri della 2ª Armata corazzata guidarono la grande offensiva del 2º Fronte Ucraino del maresciallo Ivan Konev, la famosa "marcia del fango", superarono ogni ostacolo e attraversarono una serie di grandi fiumi tra cui il Bug Orientale e il Dniestr, raggiungendo all'inizio di aprile 1944 il confine con la Romania[1].

 
Il generale Semën Il'ič Bogdanov, comandante della 2ª Armata carri della Guardia dall'agosto 1943 alla fine della guerra

Nell'estate 1944 l'armata corazzata, potenziata con un gran numero di carri armati moderni, venne trasferita nel settore centrale del Fronte orientale, alle dipendenze del 1º Fronte Bielorusso del generale Konstantin Rokossovskij e partecipò alla rapida avanzata successiva all'operazione Bagration. Nel corso della cosiddetta offensiva Lublino-Brest la 2ª Armata corazzata, sempre guidata dal generale Bogdanov ed equipaggiata con oltre 750 carri, avanzò a grande velocità e occupò con una brillante manovra Lublino arrivando fino alla porte di Varsavia, dove però venne costretta a passare sulla difensiva per contrastare il contrattacco delle riserve mobili tedesche. Dopo pesanti scontri e ingenti perdite, l'armata riuscì a bloccare la controffensiva nemica alle porte della capitale polacca e venne temporaneamente ritirata nelle retrovie per essere riequipaggiata. In queste battaglie lo stesso generale Bogdanov venne seriamente ferito e temporaneamente sostituito dal capo di stato maggiore generale Aleksej Radzevskij. Nel novembre 1944, in riconoscimento dei suoi brillanti successi nella campagna dell'estate 1944, ricevette il titolo onorifico di unità "della Guardia".

Nell'ultimo anno di guerra la 2ª Armata carri della Guardia, tornata sotto il controllo del generale Bogdanov, divenne una delle due formazioni di punta, insieme alla 1ª Armata carri della Guardia, del 1º Fronte Bielorusso, passato al comando del maresciallo Georgij Žukov, guidando la travolgente avanzata dell'operazione Vistola-Oder e prendendo parte a tutte le fasi della battaglia di Berlino. I carri armati del generale Bogdanov avanzarono fino alla periferia settentrionale della città, contribuirono al suo accerchiamento e infine presero parte ai difficili combattimenti nell'area urbana. I mezzi corazzati dell'armata furono i primi a entrare dentro Berlino nel settore nord e finirono vittoriosamente la guerra raggiungendo il Tiergarten e la Porta di Brandeburgo.

Dopo la seconda guerra mondiale, la 2ª Armata corazzata della Guardia rimase sul suolo tedesco nell'ordine di battaglia del Gruppo di forze sovietiche in Germania per tutta la Guerra fredda e costituì sempre una delle formazioni più potenti e preparate dello schieramento del Patto di Varsavia, equipaggiata con i materiali più moderni e pronta a sferrare l'attacco nel settore settentrionale della Bassa Sassonia. Dopo la fine della guerra fredda l'armata venne richiamata in patria dove fu ufficialmente sciolta nel 1993.

Ordine di battaglia nel 1945[2]Modifica

NoteModifica

  1. ^ J. Erickson, The road to Berlin, pp. 184-187.
  2. ^ C. C. Sharp, The Soviet Order of battle World War II, vol. III: Red Storm, p. 94.

BibliografiaModifica

  • J. Erickson - The road to Berlin, Cassel 1983.
  • D. Glantz - La grande guerra patriottica dell'Armata Rossa, LEG edizioni 2010
  • C. C. Sharp - The Soviet Order of battle, volume II e III, publ. G. F. Nafziger 1995.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Seconda guerra mondiale: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della seconda guerra mondiale