Air Caraïbes

Air Caraïbes
Logo
Air Caraïbes Atlantique, Airbus A350-941, F-HNET.jpg
StatoFrancia Francia
   Guadalupa Guadalupa
Forma societariaSociété anonyme
Fondazione1969 a Les Abymes
Sede principaleLes Abymes
GruppoGroupe Dubreuil[1]
Controllate
  • Air Caraïbes Atlantique
  • Air Caraïbes Industrie
  • French Bee
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Fatturato 379 milioni (2016)
Dipendenti1900 (2019)
Slogan«Haute en Couleurs»
Sito webwww.aircaraibes.com
Compagnia aerea standard
Codice IATATX
Codice ICAOFWI
Indicativo di chiamataFRENCH WEST
Primo vololuglio 2000
HubPointe-à-Pitre
Frequent flyerPréférence
Flotta15 (nel 2020)
Destinazioni14[2] (nel 2020)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

Air Caraïbes è una compagnia aerea francese di Guadalupa, con base presso l'aeroporto di Pointe-à-Pitre-Le Raizet, a Pointe-à-Pitre. Nel 2012 era la nona compagnia aerea francese per traffico passeggeri, con 1,18 milioni di passeggeri trasportati.[3]

StoriaModifica

La compagnia è stata originariamente creata nel 1988 col fine di servire i dipartimenti francesi nei Caraibi usando turboelica Britten-Norman BN2-A Islander e Cessna Caravan.

Nel luglio del 2000 essa rinacque dalla fusione delle compagnie locali Air Guadeloupe, Air Martinique, Air Saint-Barthélemy e Air Saint-Martin. È una compagnia del gruppo vendéen Dubreuil.[1]

La compagnia Air Caraïbes assicura più di un centinaio di voli giornalieri e serve le seguenti destinazioni dalla Francia metropolitana: Guadalupa, Martinica, Guyana francese, St. Lucia, St. Martin, St. Barthelemy, la Repubblica Dominicana e Haiti. Le coincidenze sono ottimizzate per facilitare il trasferimento dei passeggeri provenienti dalla Métropole.

Dal 12 dicembre 2003, Air Caraïbes effettua voli transatlantici (a lungo raggio) e offre voli regolari da Parigi-Orly a Pointe-à-Pitre e Fort-de-France con il marchio Air Caraïbes Atlantique.

Dal dicembre 2007, in accordo con un tour-operator scandinavo, Air Caraïbes ha operato voli settimanali da Stoccolma e Copenaghen a Pointe-à-Pitre. Dalla fine del 2008 opera voli diretti da Parigi-Orly a Cayenne (Guyana).

A partire dal 12 dicembre 2009, Air Caraïbes ha aperto una nuova linea transatlantica Parigi-Orly ↔ St Martin-Juliana ↔ Port-au-Prince con il suo Airbus A330, 2 volte a settimana il martedì e il sabato.

Nel marzo 2016 è lanciato il marchio "Air Caraïbes Simply" per i voli a corto e medio raggio tra le isole caraibiche.

Il 20 dicembre 2016 entra in servizio il primo ATR 72-600 (F-OSIX) e il 2 marzo 2017 entra in servizio il primo Airbus A350-900 (F-HHAV).

Accordi commercialiModifica

Ad aprile 2020 Air Caraïbes ha accordi di codeshare con le seguenti compagnie:[4]

FlottaModifica

 
Un ATR 72-500 di Air Caraïbes
 
Un Airbus A330-200 a Fort-de-France, Martinica nella vecchia livrea
 
Un Airbus A350-900 di Air Caraïbes

A settembre 2020 la flotta Air Caraïbes risulta composta dai seguenti aerei:[5]

Aereo In flotta Ordini Passeggeri Note
J Y+ Y Totale
Airbus A330-200 3 12 24 267 303
318 318
Airbus A330-300 3 12 35 307 354
Airbus A350-900 3 18 45 326 389
Airbus A350-1000 1 2 24 45 360 429
ATR 72-600 3 74 74
Totale 13 2

Flotta storicaModifica

Nel corso degli anni Air Caraïbes ha operato con i seguenti modelli di aeromobili:[6]

Flotta storica
Aereo Anno Introduzione Anno ritiro Note
ATR 42-500 2000 2007
Boeing 737-200 2000 2001
Embraer ERJ-145 2000 2008
Embraer ERJ-175 2006 2008
Embraer ERJ-190 2007 2013

NoteModifica

  1. ^ a b (FR) Groupe Dubreuil, nos activités dans le transport aérien, su groupedubreuil.com. URL consultato il 24 agosto 2017 (archiviato dall'url originale l'8 settembre 2017).
  2. ^ (FR) Air Caraibes_com - Carte des destinations desservies, su aircaraibes.com. URL consultato il 24 agosto 2017.
  3. ^ (FR) Bulletin statistique DGAC pour l’année 2012 (PDF), in http://www.developpement-durable.gouv.fr/Bulletin-statistique.html, Direction Générale de l'Aviation Civile, p. 21. URL consultato il 22 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2013).
  4. ^ Code share | Air Caraïbes, su www.aircaraibes.com. URL consultato il 23 aprile 2019.
  5. ^ (EN) Air Caraïbes Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 1º aprile 2020.
  6. ^ (EN) Air Caraïbes Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 23 aprile 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica