Apri il menu principale

BiografiaModifica

Ha fatto il suo debutto cinematografico a 14 anni come protagonista nel film Caterina va in città (2003), regia di Paolo Virzì, per cui riceve vari premi tra cui il Guglielmo Biraghi del Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani (SNGCI). Nel film interpreta il ruolo di "Caterina Iacovoni", figlia di un professore dalle grandi ambizioni (Sergio Castellitto) che trascina la famiglia nella metropoli romana, credendo di migliorare la propria posizione sociale. "Caterina", timida, ingenua e semplice, disorientata di fronte al grande cambiamento, è vittima sia delle pressioni del padre, che la spinge costantemente a rapportarsi con i giovani della "Roma bene", sia dei difficili rapporti con i compagni di classe, ragazzi traviati dai vizi e dalla mondanità che le sono estranei.

Paolo Virzì ha effettuato una lunga selezione nelle scuole romane per scegliere la ragazza giusta per Caterina va in città ed ha scelto Alice Teghil per il suo "sano disinteresse per la cinepresa", in linea con il personaggio di "Caterina", discreto e riservato.

Nel 2006 partecipa a una puntata della sesta stagione di Distretto di polizia.

Successivamente gira due cortometraggi Un attimo di respiro (2007), diretto da Sara Colangelo, in cui interpreta il ruolo di "Nora" che accompagna il protagonista, fidanzato della sorella, nella sua fuga dalla campagna verso la città e Gemelline (2006), diretto da Filippo D'Antoni nel quale interpreta "Viola", ragazza viziata che insieme a un'amica accusa ingiustamente un extracomunitario di tentata violenza per nascondere la bocciatura.

Nel 2008 debutta sul piccolo schermo con la miniserie TV I liceali, regia di Lucio Pellegrini, con Claudia Pandolfi e Giorgio Tirabassi, dove ha il ruolo di "Lucia Manetti" che torna ad interpretare nel 2009. Le due stagioni della miniserie sono andate in onda in anteprima su Joi di Mediaset Premium e poi successivamente su Canale 5.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

CortometraggiModifica

Premi e riconoscimentiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN95103980 · ISNI (EN0000 0001 1578 626X · SBN IT\ICCU\RAVV\392808 · LCCN (ENno2006058093 · WorldCat Identities (ENno2006-058093