Alpi della Lechtal

Alpi della Lechtal
ContinenteEuropa
StatiAustria Austria
Catena principaleAlpi Calcaree Nordtirolesi (nelle Alpi)
Cima più elevataParseierspitze (3.040 m s.l.m.)

Le Alpi della Lechtal (in tedesco Lechtaler Alpen) sono una sottosezione delle Alpi Calcaree Nordtirolesi. La vetta più alta è il Parseierspitze[1] che raggiunge i 3.040 m s.l.m.

Si trovano in Austria (Vorarlberg e Tirolo).

Prendono il nome dalla Lechtal, valle percorsa dal fiume Lech e che le delimita a nord.

ClassificazioneModifica

 
Le Alpi della Lechtal secondo l'AVE sono individuate dal numero 3b.
 
Cartina dettagliata del gruppo montuoso.

Secondo la SOIUSA le Alpi della Lechtal sono una sottosezione alpina ed hanno la seguente classificazione:

Secondo l'AVE costituiscono il gruppo n. 3b di 75 nelle Alpi Orientali.

DelimitazioniModifica

Confinano:

SuddivisioneModifica

 
Il Parseierspitze, montagna più alta.

Secondo la SOIUSA le Alpi della Lechtal si suddividono in due supergruppi, sei gruppi e diciassette sottogruppi[2]:

  • Catena del Parseier (A)
    • Catena Valluga-Stanskogel (A.1)
      • Gruppo del Valluga (A.1.a)
        • Costiera principale del Valluga (A.1.a/a)
        • Gruppo del Monzabon (A.1.a/b)
        • Costiera del Bocksbach (A.1.a/c)
        • Costiera del Krabach (A.1.a/d)
        • Costiera dello Schmalzgruben (A.1.a/e)
      • Gruppo dello Stanskogel (A.1.b)
        • Costiera principale dello Stanskogel (A.1.b/a)
        • Costiera del Vallesin (A.1.b/b)
    • Catena Feuerspitze-Freispitze (A.2)
      • Gruppo del Feuerspitze (A.2.a)
        • Costiera principale del Vorderseespitze (A.2.a/a)
        • Costiera del Feuerspitze (A.2.a/b)
        • Costiera del Rotschrofen (A.2.a/c)
        • Costiera del Fallenbacher (A.2.a/d)
      • Gruppo del Freispitze (A.2.b)
        • Costiera principale del Rotspitze (A.2.b/a)
        • Costiera del Freispitze (A.2.b/b)
    • Catena Parseierspitze-Leiterspitze (A.3)
      • Gruppo del Parseier (A.3.a)
        • Costiera del Parseier (A.3.a/a)
        • Costiera del Gatschkopf (A.3.a/b)
      • Medriol (A.3.b)
        • Costiera principale del Medriol (A.3.b/a)
        • Costiera del Kreuzjoch (A.3.b/b)
      • Gruppo del Torspitz (A.3.c)
        • Costiera del Torspitz (A.3.c/a)
        • Costiera del Ruitelspitz (A.3.c/b)
        • Costiera dello Schafkarspitz (A.3.c/c)
    • Catena Parzinn-Muttekopf (A.4)
      • Gruppo Parzinn-Steinkar (A.4.a)
        • Costiera principale dello Schlenker (A.4.a/a)
        • Costiera del Bergwerks (A.4.a/b)
        • Costiera del Kogelsee (A.4.a/c)
      • Gruppo del Lichtspitze (A.4.b)
      • Gruppo del Muttekopf (A.4.c)
        • Costiera principale del Muttekopf (A.4.c/a)
        • Costiera del Larsenn (A.4.c/b)
  • Gruppo del Namloser (B)
    • Catena Heiterwand-Wetterspitze (B.5)
      • Gruppo dell'Heiterwand (B.5.a)
        • Costiera dell'Habart (B.5.a/a)
        • Heiterwand (B.5.a/b)
        • Massiccio del Kienberg (B.5.a/c)
        • Massiccio del Rauchberg (B.5.a/d)
      • Gruppo del Rudiger (B.5.b)
      • Gruppo del Fallerschein (B.5.c)
      • Gruppo del Liegfeist (B.5.d)
    • Catena Loreakopf-Gartnerwand (B.6)
      • Loreagruppe (B.6.a)
      • Thanellergruppe (B.6.b)
      • Gartnerwandgruppe (B.6.c)

VetteModifica

Le Alpi della Lechtal possiedono le vette più alte di tutte le Alpi Nord-orientali. Le montagne principali sono:

NoteModifica

  1. ^ È anche la vetta più alta di tutta la sezione alpina delle Alpi Calcaree Nordtirolesi.
  2. ^ Tra parentesi sono indicati i codici SOIUSA dei supergruppi, gruppi e sottogruppi. Si tenga presente che molti sottogruppi sono ulteriormente suddivisi in settori di sottogruppo e quindi vi è un'altra lettera nel codice.

BibliografiaModifica

  • Sergio Marazzi, Atlante Orografico delle Alpi. SOIUSA, Pavone Canavese, Priuli & Verlucca, 2005.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN237692766 · GND (DE4034959-7
  Portale Montagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di montagna