Apri il menu principale
Emblema della Chiesa d'Oriente.

ʿAmr ibn Mattā (in arabo: عمرو إبن متى‎; Ṭīrhān, ... – floruit XIV secolo) è stato un teologo e scrittore siro di religione cristiana e lingua araba.

Cenni biograficiModifica

Fu chiamato anche "Mattai al-Ṭīrhānī", e in latino "Amrus". Non si conosce niente della sua vita, ma il luogo di nascita è evidente dalla sua nisba (cfr. onomastica araba). Appartenne alla Chiesa d'Oriente.

OpereModifica

ʿAmr ibn Mattā fu l'autore dell'opera Il libro della torre (in arabo: Kitāb al-Majdal li-l-Istibṣār wa-l-Jadal), basata sull'omonima opera Il libro della torre dello scrittore nestoriano del XII secolo Mari ibn Sulayman[1].

In seguito, ma sempre nel XIV secolo, un altro sacerdote siro nestoriano, Sliwa bar Yuhanna, basò la prima parte della sua opera Il libro dei misteri (in arabo: Asfār al-asrār) o Il libro delle cronache (in arabo: Kitāb al-Tawārikh) sul quinto capitolo (o quinto "livello") de Il libro della torre di Mari ibn Sulayman[1].

All'opera di Ibn Mattā venne dedicata un'ampia voce nell'enciclopedia ecclesiastica La lampada delle tenebre (in arabo: Kitāb miṣbāḥ al-ẓulma wa īḍāḥ al-khidma) di Shams al-Ri'āsa Abū al-Barakāt ibn Kabar (o in breve "Ibn Kabar"), sacerdote e scrittore cristiano copto di lingua araba.

NoteModifica

  1. ^ a b (ARLA) Maris Amri et Slibae. De patriarchis nestorianorum commentaria, Ex codicibus Vaticanis edidit ac Latine reddidit Henricus Gismondi S.J.: Pars prior - Maris textus Arabicus, Romae 1899; Pars prior - Maris versio Latina, Romae 1899.

BibliografiaModifica

  • (DE) Georg Graf, Geschichte der christlichen arabischen Literatur (Storia della letteratura araba cristiana) [5 Voll.], Roma, Biblioteca apostolica vaticana, 1944-53
  • (FR) Éphrem-Isa Yousif, Les chroniqueurs syriaques (I cronisti siriaci), Paris, L'Harmattan, 2002
  • (IT) AA.VV., La letteratura arabo-cristiana e le scienze nel periodo abbaside (750-1250 d.C.), Torino, Silvio Zamorani editore, 2009, ISBN 978-8871581637

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica