Apri il menu principale

Andrej Antonovič Grečko

generale sovietico
Andrej Antonovič Grečko
Andrei Grechko 6.jpg

Ministro della difesa dell'Unione Sovietica
Durata mandato 12 aprile 1967 –
26 aprile 1976
Predecessore Rodion Jakovlevič Malinovskij
Successore Dmitrij Fëdorovič Ustinov

Deputato del Soviet dell'Unione del Soviet Supremo dell'URSS
Legislature II, III, IV, V, VI, VII, VIII, IX
Circoscrizione Oblast' di Kiev (II, III), Circoscrizione militare (IV, V, VI), Oblast' di Chmel'nickij (VII), Mosca (VIII, IX)

Dati generali
Partito politico Partito Comunista dell'Unione Sovietica
Professione Militare, Politico
Firma Firma di Andrej Antonovič Grečko
Andrej Antonovič Grečko
Гречко Андрей Антонович, 1930-е годы.jpg
Andrej Antonovič Grečko nel 1930
NascitaGolodaevka, 17 ottobre 1903
MorteMosca, 26 aprile 1976 (72 anni)
Luogo di sepolturaNecropoli delle mura del Cremlino
Dati militari
Paese servitoFlag of the Russian Soviet Federative Socialist Republic (1918–1937).svg RSFS Russa
Flag of the Soviet Union (dark version).svg Unione Sovietica
Forza armataRed Army flag.svg Armata Rossa
Communist star with golden border and red rims.svg Esercito Sovietico
Anni di servizio1919-1976
GradoMaresciallo dell'Unione Sovietica
GuerreGuerra civile russa
Seconda guerra mondiale
Invasione del Patto di Varsavia della Cecoslovacchia
CampagneFronte orientale (1941-1945)
Comandante di18ª Armata
1ª Armata della Guardia
Distretto militare di Kiev
Ministro della difesa dell'Unione Sovietica
(1967-1976)
DecorazioniEroe dell'Unione Sovietica
Ordine di Lenin
Ordine della Bandiera Rossa
Ordine di Suvorov di I Classe
Ordine di Suvorov di II Classe
Ordine di Kutuzov di I Classe
Altre carichePolitico
"fonti citate nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

Andrej Antonovič Grečko (in russo Андре́й Анто́нович Гречко́) (Golodaevka, 17 ottobre 1903Mosca, 26 aprile 1976) è stato un generale e politico sovietico. Ebbe anche il grado di Maresciallo dell'Unione Sovietica; alla fine della sua carriera divenne nel 1960 Comandante supremo del Patto di Varsavia e infine ricoprì, dal 1967 alla morte nel 1976, l'incarico di Ministro della difesa dell'URSS, esercitando una notevole influenza sulle decisioni politiche militari della dirigenza sovietica.

BiografiaModifica

Origini, prime esperienze belliche e formazioneModifica

Nacque in una cittadina nei pressi di Rostov sul Don da una famiglia di contadini ucraini. Entrò nell'Armata Rossa nel 1919 e combatté durante la Guerra civile russa nella famosa Cavalleria di Budënnyj. Dopo la fine della guerra civile entrò nella Sesta scuola di Cavalleria nella città di Taganrog, dove si laureò nel 1926. Due anni dopo si iscrisse nel Partito Comunista ed entrò nell'Accademia Militare di Frunze, completando gli studi nel 1936. Successivamente entrò nell'Accademia per lo Stato Maggiore Sovietico, terminando i corsi nel 1941, poche settimane prima dell'inizio dell'Operazione Barbarossa.

La Seconda Guerra MondialeModifica

Il primo comando di Grečko durante la Grande Guerra Patriottica fu la 34ª Divisione di Cavalleria, che combatté coraggiosamente nella città di Kremenchug, in Ucraina vicino a Kiev. Il 15 gennaio 1942 venne promosso a capo di tutto il V Corpo di Cavalleria. Tra il 15 aprile seguente e il 6 ottobre 1943 comandò la 12ª Armata, la 47ª, la 18ª e la 56ª, tutte schierate sul Fronte Nord del Caucaso, distinguendosi sempre per il suo comando.

Nell'ottobre del 1943 venne promosso Vice Comandante in Capo del Primo Fronte Ucraino. Successivamente, il 14 dicembre dello stesso anno, venne destinato al comando della Prima Armata della Guardia, posizione che mantenne fino alla fine del conflitto. Questa Armata era parte del Quarto Fronte Ucraino, comandato dal Colonnello Generale Ivan Petrov. Grečko guidò la sua Armata in numerose operazioni offensive, soprattutto in Ungheria e Austria.

Il dopoguerraModifica

Dopo la guerra, divenne Comandante del Distretto Militare di Kiev, posto che mantenne fino al 1953. Successivamente e fino al 1957 ricoprì la carica di Comandante del Forze Sovietiche nella Repubblica Democratica Tedesca. L'11 marzo 1955, insieme ad altri cinque alti ufficiali, tutti decorati durante la Grande Guerra Patriottica, venne promosso Maresciallo dell'Unione Sovietica. Tra il 1957 e il 1960 fu Comandante in Capo delle Truppe di Terra e tra il 1960 e il 1967 fu Comandante in Capo delle truppe del Patto di Varsavia. Il 12 aprile 1967 divenne Ministro della Difesa, al posto del Maresciallo Rodion Jakovlevič Malinovskij. Rimase in carica fino alla sua morte, avvenuta il 26 aprile del 1976. Durante gli anni settanta fu Presidente della commissione editoriale che scrisse la storia ufficiale Sovietica della Seconda guerra mondiale.

Attività di governoModifica

Grečko fu anche un membro attivo del Partito Comunista, sedendo nel Politburo. Come Ministro della Difesa, partecipò alla modernizzazione delle Forze Armate sovietiche e fu responsabile del mantenimento della potenza militare sovietica e della sua egemonia sull'Europa dell'Est. Le sue ceneri furono seppellite nella necropoli delle mura del Cremlino a Mosca.

OnorificenzeModifica

Onorificenze sovieticheModifica

  Eroe dell'Unione Sovietica (2)
— 1º febbraio 1958 e 16 ottobre 1973
  Ordine di Lenin (6)
— dicembre 1942, 1945, 1º febbraio 1958, ottobre 1963, 22 febbraio 1968 e 16 ottobre 1973
  Ordine della Bandiera Rossa (3)
— 1941, 1944 e 1950
  Ordine di Suvorov di I Classe (2)
— 1944 e 1945
  Ordine di Kutuzov di I Classe (2)
— 1943 e 1944
  Ordine di Bogdan Khmelnitsky di I Classe
— 1944
  Ordine di Suvorov di II Classe
— 1943
  Medaglia commemorativa per il giubileo dei 100 anni dalla nascita di Vladimir Il'ich Lenin
  Medaglia per la difesa di Mosca
  Medaglia per la difesa di Kiev
  Medaglia per la difesa del Caucaso
  Medaglia per la vittoria sulla Germania nella grande guerra patriottica 1941-1945
  Medaglia per il giubileo dei 20 anni della vittoria della grande guerra patriottica del 1941-1945
  Medaglia per il giubileo dei 30 anni della vittoria della grande guerra patriottica del 1941-1945
  Medaglia per lo sviluppo delle terre vergini
  Medaglia per il giubileo dei 20 anni dell'Armata Rossa dei lavoratori e dei contadini
  Medaglia per il giubileo dei 30 anni dell'esercito e della marina sovietica
  Medaglia per il giubileo dei 40 anni delle forze armate dell'Unione Sovietica
  Medaglia per il giubileo dei 50 anni delle forze armate dell'Unione Sovietica

Onorificenze straniereModifica

  Eroe della Repubblica Socialista Cecoslovacca (Cecoslovacchia)
— 5 ottobre 1969
  Stella d'Oro dell'Ordine Militare del Leone Bianco (Cecoslovacchia)
  Ordine di Klement Gottwald (Cecoslovacchia)
  Croce militare cecoslovacca (Cecoslovacchia)
  Gran Croce e Stella dell'Ordine Virtuti Militari (Polonia)
  Ordine della Croce di Grunwald di I Classe
  Medaglia della vittoria e della libertà (Polonia)

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN14770675 · ISNI (EN0000 0001 2121 3978 · LCCN (ENn50035566 · GND (DE124360769 · BNF (FRcb119058844 (data) · WorldCat Identities (ENn50-035566