Apri il menu principale

Andrew Harrison

cestista statunitense
Andrew Harrison
Andrew Harrison with Iowa.JPG
Harrison in azione con la maglia degli Iowa Energy.
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 198 cm
Peso 98 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Playmaker
Squadra No flag.svg Free agent
Carriera
Giovanili
2009-2013Travis High School
2013-2015Kentucky Wildcats
Squadre di club
2015-2016Iowa Energy46 (849)
2016-2018Memphis Grizzlies129 (960)
2018Cleveland Cavaliers10 (43)
2018-2019N. Orleans Pelicans6 (9)
2019Chimki4 (9)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'11 giugno 2019

Andrew Michael Harrison (San Antonio, 28 ottobre 1994) è un cestista statunitense.

BiografiaModifica

È il fratello gemello di Aaron Harrison, anch'egli cestista.[1]

CarrieraModifica

Iowa Energy e Memphis Grizzlies (2015-2018)Modifica

 
Harrison a Kentucky

Dopo due stagioni in NCAA con i Kentucky Wildcats (di cui l'ultima chiusa con oltre 9 punti di media) viene scelto alla quarantaquattresima chiamata del Draft 2015 dai Phoenix Suns, successivamente viene ceduto ai Memphis Grizzlies in cambio di Jon Leuer.[2]

Viene parcheggiato per un anno agli Iowa Energy, all'epoca squadra satellite della franchigia del Tennessee, con cui firmò un contratto pluriennale (parzialmente garantito) il 12 luglio 2016.[3]

Il 30 novembre 2016, contro i Toronto Raptors, mise a referto 21 punti in 35 minuti partendo da titolare, complice l'infortunio di Mike Conley.[4][5]

Dopo aver trovato molto spazio il primo anno (72 partite giocate), andando anche a sostituire in alcuni casi l'infortunato Conley, il secondo anno fu più spesso titolare della squadra. Il 1º novembre 2018, dopo avere disputato una sola partita in stagione, venne tagliato dai Grizzlies che andarono così a risparmiare 1,5 milioni dollari sul cap visto che il suo contratto non era garantito.[6]

Cleveland Cavaliers (2018)Modifica

Il 9 novembre firmò un two-way contract con i Cleveland Cavaliers bisognosi di un playmaker per via dell'infortunio del titolare George Hill.[7][8] Il 3 dicembre 2018, dopo 10 partite disputate con la franchigia dell'Ohio, venne tagliato.[9]

New Orleans Pelicans (2018-2019)Modifica

Il 6 dicembre siglò un nuovo two-way contract, questa volta con i New Orleans Pelicans.[10] Il 9 gennaio, dopo sole 6 presenze in 1 mese, venne tagliato.[11]

Chimki (2019-)Modifica

Il 27 febbraio 2019 sbarcò in Europa firmando per il Chimki.[12]

Premi e riconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) The Harrison Twins Embrace The Next Chapter Of Their Careers, su NBA G League. URL consultato il 20 dicembre 2018.
  2. ^ Phoenix Suns Trade Grade: Andrew Harrison For Jon Leuer, su Valley of the Suns, 25 giugno 2015. URL consultato il 17 aprile 2017.
  3. ^ (EN) Grizzlies sign Andrew Harrison to multi-year contract | Memphis Grizzlies, in Memphis Grizzlies. URL consultato il 9 novembre 2018.
  4. ^ DownToBuck, Andrew Harrison 21 Points Full Highlights (11/30/2016), 30 novembre 2016. URL consultato il 17 aprile 2017.
  5. ^ Harrison scores career-high 21 points, su Memphis Grizzlies. URL consultato il 17 aprile 2017.
  6. ^ I Memphis Grizzlies rinunciano ad Andrew Harrison | Nba Passion, in NBA PASSION: News, Mercato NBA, 1º novembre 2018. URL consultato il 9 novembre 2018.
  7. ^ Cavs: in arrivo Andrew Harrison con un two-way contract, su Sportando. URL consultato il 9 novembre 2018.
  8. ^ (EN) Rob Goldberg, Report: Andrew Harrison, Cavaliers Agree to Contract After George Hill Injury, in Bleacher Report. URL consultato il 9 novembre 2018.
  9. ^ (EN) Cavs Sign Jalen Jones and Jaron Blossomgame to Two-Way Contracts, su Cleveland Cavaliers. URL consultato il 20 dicembre 2018.
  10. ^ (EN) Pelicans sign Andrew Harrison to two-way contract, su CatsPause. URL consultato il 20 dicembre 2018.
  11. ^ (EN) Andrew Lopez, New Orleans Pelicans waive two-way player Andrew Harrison, su nola.com, 8 gennaio 2019. URL consultato il 2 marzo 2019.
  12. ^ UFFICIALE - Andrew Harrison firma con il Khimki Mosca, se ne va Dee Bost, su Basketinside.com, 27 febbraio 2019. URL consultato il 2 marzo 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica