Apri il menu principale

Angelo Pasquini

giornalista e sceneggiatore italiano

BiografiaModifica

Fondatore delle riviste satiriche Zut e Il Male, di cui è stato anche vicedirettore, dalla fine degli anni ottanta si è completamente dedicato all'attività di sceneggiatore cinematografico e televisivo, arrivando anche alla regia con il dramma carcerario Santo Stefano (1997), presentato alla Mostra del Cinema di Venezia.

Ha insegnato Teoria e tecnica della sceneggiatura presso la Facoltà di lettere e filosofia della Sapienza. Ha tenuto per diversi anni un laboratorio di sceneggiatura al Centro Sperimentale di Cinematografia e attualmente è uno dei docenti del master in Sceneggiatura "Carlo Mazzacurati" presso l'Università di Padova. È stato giurato del Premio Solinas.

Nel 2013, assieme a Roberto Andò, è stato premiato con il David di Donatello per la migliore sceneggiatura, il Nastro d'argento alla migliore sceneggiatura e il Ciak d'oro alla migliore sceneggiatura, per il film Viva la libertà.

Nel 2019 ha curato la mostra "Gli anni del Male. 1978-1982" che ha rievocato l'esperienza creativa del più popolare settimanale satirico italiano del dopoguerra.

FilmografiaModifica

NoteModifica


Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN304327157 · ISNI (EN0000 0004 0990 5375 · LCCN (ENnr94041516 · GND (DE1136338675 · BNF (FRcb141268228 (data) · WorldCat Identities (ENnr94-041516