Apri il menu principale
Il sacrificio di Isacco
Antonio Filocamo 2.jpg
AutoreAntonio Filocamo
Data1712
Tecnicaolio su tela
Dimensioni99×123 cm
UbicazionePinacoteca Zelantea, Acireale

Antonio Filocamo (Messina, 1669Messina, 1743) è stato un pittore italiano.

Indice

BiografiaModifica

Operò a Messina in una bottega insieme ai fratelli Paolo e Gaetano dove avviò una accademia d'arte. La sua pittura fu caratterizzata spesso dalla drammaticità delle figure rappresentate e da una certa influenza data dalla attività di affrescatore. Pietro Paolo Vasta, noto artista nella ricostruzione dei primi decenni del Settecento del Val di Noto, fu il più noto apprendista della bottega dei Filocamo.

Gran parte della produzione pittorica dei Filocamo che fu realizzata per la decorazione di monumenti a Messina è andata perduta a causa delle distruzioni dei terremoti del 1783 e del 1908. Alcune delle loro opere sono oggi visibili ad Acireale, sia nella cattedrale (Assunzione della Vergine nell'abside e affreschi nella cappella di Santa Venera) che nella Pinacoteca Zelantea ed a Palermo nella chiesa di Santa Caterina e nella cattedrale.

Contagiato dalla peste, morì tragicamente insieme ai fratelli durante l'epidemia del 1743.

OpereModifica

Catania e provinciaModifica

Messina e provinciaModifica

MessinaModifica

Monforte San GiorgioModifica

 
Madonna della Lettera, Cattedrale di Palermo.
  • 1705, Sposalizio mistico di Santa Rosa, dipinto, opera custodita nel duomo di San Giorgio.

Santa Lucia del MelaModifica

  • 1718, Madonna col Bambino e Santi, olio su tela, opera custodita nella chiesa del Sacro Cuore.
  • 1718, Madonna del Carmelo, olio su tela, opera custodita nella chiesa del Sacro Cuore.

Palermo e provinciaModifica

Siracusa e provinciaModifica

IncisioniModifica

  • 1716, Sette Rami, incisioni, opere presenti nel Poema del Santo Natale di Antonio Russo.[1]
  • 1716, Samaritana con architetture.[1]
  • 1716, Vergine e San Giuseppe, di Paolo Filocamo.[1]
  • 1718, Vedute, incisioni, opera firmata Paolo su attacchi e battaglie dal titolo Vera e distinta relazione de' progressi delle armi spagnuole.[1]
  • 1701, Frontespizio, incisioni autografe, opere presenti nelle acclamazioni per Messina di Filippo V.[1]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f Grano - Hackert, pp. 214
  2. ^ "ACCADEMIA DI SCIENZE LETTERE E BELLE ARTI DEGLI ZELANTI E DEI DAFNICI DI ACIREALE" - "Brevi note sulla pittura in Acireale", Elenco e dislocazione opere. [1]
  3. ^ a b c d Grano - Hackert, pp. 212
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m n o Grano - Hackert, pp. 213
  5. ^ a b Giuseppe La Farina, pp. 53
  6. ^ Caio Domenico Gallo, pp. 156
  7. ^ Giuseppe Fiumara, pp. 17
  8. ^ Giuseppe La Farina, pp. 31
  9. ^ Giuseppe La Farina, pp. 57
  10. ^ Giuseppe Fiumara, pp. 18
  11. ^ Giuseppe La Farina, pp. 102
  12. ^ Giuseppe Fiumara, pp. 16

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN60249962 · ISNI (EN0000 0000 6688 2342 · GND (DE13269848X · ULAN (EN500072122 · CERL cnp01096108