Apri il menu principale

Arabo egiziano

varietà di lingua araba
Arabo egiziano
Parlato inEgitto Egitto
Locutori
Totale76 milioni
Tassonomia
FilogenesiLingue afroasiatiche
 Lingue semitiche
  Semitiche Centrali
   Arabo
    Centrale
Codici di classificazione
ISO 639-1ar
ISO 639-2ara
ISO 639-3arz (EN)
Glottologegyp1253 (EN)
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti umani, art. 1
الإعلان العالمي لحقوق الإنسان، المادة الأولانية البني أدمين كلهم مولودين حرين ومتساويين في الكرامة والحقوق. إتوهبلهم العقل والضمير، والمفروض يعاملوا بعض بروح الأخوية.
Traslitterazione
’il-madda ’il-’awwalaniyya ’il-bani’admiin kulluhum mawluudiin ħurriin wi mitsawwyiin fil-karama wil-ħu’uu’. ’itwahab-luhum ’il-‘a’l wiḍ-ḍamiir wil-mafruuḍ yi‘amlu ba‘ḍ bi-ruuħ ’il-’uxuwiyya.
Árabe egipcio.PNG

L'arabo egiziano è la varietà di lingua araba parlata in Egitto. Deriva dall'arabo parlato, giunto in Egitto in seguito alla conquista musulmana nel VII secolo, unito a elementi della preesistente lingua egizia e modificato successivamente dall'influenza di turco, italiano, francese e inglese. A causa della grande influenza dei mass media e del sistema scolastico e universitario egiziano nel mondo arabo, l'arabo egiziano è la varietà di arabo più parlata al mondo, e svolge il ruolo di lingua franca per il Nordafrica e il Medio Oriente.

L'arabo egiziano varia localmente secondo un continuum di dialetti, il più importante dei quali è quello del Cairo, che viene spesso considerato convenzionalmente la forma standard o principale dell'arabo egiziano.

Indice

Differenze notevoli rispetto all'arabo classicoModifica

PronunciaModifica

VerboModifica

Formazione del negativoModifica

Assenza del dualeModifica

EspressioniModifica

Libri in dialetto egizianoModifica

GrammaticheModifica

  • Giulio Soravia, Manuale di arabo parlato basato sul dialetto egiziano, Bologna, Clueb, 2007.
Controllo di autoritàGND (DE4112460-1