Apri il menu principale

L'Aria (Ἀρ(ε)ὶα, Latino Aria, antico Persiano Haraiva, avestico Haraeuua) era una regione orientale dell'Impero persiano.

GeografiaModifica

L'Aria era un'antica regione dell'impero achemenide, che si estendeva sulla valle del fiume Hari (Greco Ἄρ(ε)ιος, eponimo dell'intera terra secondo Arriano[1]). In antichità era considerata una terra particolarmente fertile e ricca di vigneti. La regione di Aria confinava con la catena montuosa del Paropamiso a oriente, la Partia a occidente e la Margiana e Ircania a nord, mentre un deserto la separava dalla Carmania (attuale regione di Kerman in Iran) e Drangiana a sud. Venne descritta in modo molto dettagliato da Tolomeo e da Strabone[2] e corrisponde, secondo queste descrizioni, alla provincia di Herat dell'odierno Afghanistan. In questo senso il termine è usato correttamente da alcuni scrittori, come Erodoto (3.93.3, dove gli Areioi vengono menzionati insieme ai Parti, Corasmi, e Sogdiani); Diodoro Siculo (17.105.7; 18.39.6); Strabone (2.1.14; 11.10.1, cf. anche 11.8.1 e 8; 15.2.8 e 9); Arriano (Anabasis 3.25.1); Pomponio Mela (1.12, dove leggiamo "la [regione] più vicina all'India è Ariane, cioè Aria").

La sua prima capitale fu Artacoana (Ἀρτακόανα)[3] o Articaudna (Ἀρτικαύδνα) secondo Tolomeo. Nelle sue vicinanze venne costruita una nuova capitale, Alexandria Ariana (Ἀλεξάνδρεια ἡ ἐν Ἀρίοις, l'odierna Herat), da Alessandro Magno stesso o dai suoi successori. Tolomeo cita altre città importanti come Aria, Susia, Candace, Bitaxa, Sotera, Nisibis e Sarmatina.

StoriaModifica

Il distretto persiano achemenide di Aria è menzionato nelle liste provinciali che sono incluse in varie iscrizioni reali, come ad esempio nelle iscrizioni di Bisotun di Dario I (circa 520 a.C.).

Al tempo di Alessandro Magno, Aria era un importante distretto. Era amministrata da un satrapo, chiamato Satibarzane, che era uno dei tre principali ufficiali persiani della parte Orientale dell'Impero, insieme al satrapo Besso di Battria e Barsente di Arachosia. Nel 330 a.C. Alessandro Magno, conquistò l'Aria. La provincia fece parte dell'Impero seleucide, venendo in seguito conquistata dai Parti nel 167 a.C. L'Aria divenne poi una provincia dell'Impero Sasanide.

NoteModifica

  1. ^ Arriano, Anabasis 4.6.6
  2. ^ Tolomeo, 6.17; Strabone, 11.10.1
  3. ^ Arriano, Anabasis 3.25