Augusto Scala

calciatore italiano
Augusto Scala
AugustoScala.JPG
Scala all'Atalanta negli anni 1970
Nazionalità Italia Italia
Altezza 175 cm
Peso 68 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Mezzapunta
Ritirato 1982
Carriera
Squadre di club1
1969-1972 Bologna 60 (3)
1972-1973 Cesena 35 (3)
1973-1974 Bologna 0 (0)
1974-1981 Atalanta 158 (33)
1981-1982 Fano 4 (1)
Nazionale
1969 Italia Italia U-21 3 (0)
1971 Italia Italia U-23 1 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Augusto Scala (Bagno di Romagna, 30 gennaio 1949) è un ex calciatore italiano, di ruolo mezzapunta.

Indice

Caratteristiche tecnicheModifica

Centrocampista dai "piedi buoni" aveva i suoi punti di forza nella precisione del passaggio con cui liberava i compagni davanti alla porta, e nella potenza del tiro che sfruttava soprattutto nell'esecuzione dei calci di punizione.

CarrieraModifica

In carriera ha totalizzato complessivamente 90 presenze e 11 reti in Serie A e 151 presenze e 24 reti in Serie B, conquistando due promozioni in massima serie (con il Cesena nella stagione 1972-1973 e con l'Atalanta nella stagione 1976-1977.

 
Scala (accosciato, primo da destra) al Bologna nel 1969-1970

Nei sette anni di permanenza a Bergamo fu sempre osteggiato dai "senatori" della stampa locale che lo accusavano, a torto, di scarsa professionalità. "Gusto", come lo chiamavano i tifosi, è stato invece sempre molto amato dal popolo atalantino: come uomo, per la sua semplicità e affabilità e come giocatore per la classe di cui era dotato.

Furono 36 le reti da lui realizzate in maglia nerazzurra nelle competizioni ufficiali: 33 in campionato, 2 in Coppa Italia e 1 nello spareggio di Genova del 29 giugno 1977 contro il Cagliari, quella del definitivo 2-1 che sancì la promozione in Serie A degli orobici.

In suo sostegno l'Associazione Italiana Calciatori effettuò il primo sciopero della storia del calcio italiano, dopo che era stato messo fuori rosa per avere rifiutato il trasferimento dal Bologna all'Avellino, il 14 aprile 1974. Tale sciopero si concretizzò in un ritardo di dieci minuti nell'inizio degli incontri.[1]

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica

Bologna: 1969-1970, 1973-1974

Competizioni internazionaliModifica

Bologna: 1970

NoteModifica

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica