Apri il menu principale

Geografia fisicaModifica

 
Il ghiacciaio e il lago del Corno Gries

Bedretto è posto in Val Bedretto, parte occidentale della Val Leventina. I laghetti alpini del Corno[2] e di Cave delle Pigne[3] sono di proprietà del patriziato di Bedretto[senza fonte].

StoriaModifica

La vicinia della Val Bedretto risulta separata dalla comunità di Airolo prima del 1227[4]. La comunità della valle apparteneva alla rodaria di Intus Montem con Airolo, Quinto, la sua frazione di Ambrì e Prato Leventina; con queste comunità aveva il monopolio[senza fonte] dei trasporti attraverso i passi di San Giacomo e della Novena[4]. In questo ambito sono pervenuti un documento del 1407 dove si stipulano accordi con le vicinie di Prato Leventina, Faido, Chiggiogna e Giornico, per la gestione di alcuni alpeggi della valle, e una convenzione del 1451 stipulata con gli abitanti della Val Formazza[senza fonte].

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

  • Chiesa dei Santi Maccabei in località Villa (1594, ricostruita nel XIX secolo)[4];
  • Oratorio dei Santi Sebastiano Rocco in località Bedretto, attestata nel 1570[senza fonte];
  • Oratorio di Sant'Antonio abate in località Ronco (XVII secolo)[senza fonte];
  • Casa Rossi in località Ossasco (1759)[senza fonte].
  • Alpe Cioss Prato (1 572 m s.l.m.), di proprietà del patriziato di Bedretto[senza fonte];
  • Alpe Valleggia (1 1753 m s.l.m.), di proprietà del patriziato di Bedretto[senza fonte].

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

L'evoluzione demografica è riportata nella seguente tabella[4]:

Abitanti censiti

 

AmministrazioneModifica

Ogni famiglia originaria del luogo fa parte del cosiddetto comune patriziale e ha la responsabilità della manutenzione di ogni bene ricadente all'interno dei confini del comune. La fondazione del comune patriziale risale al 1761[senza fonte].

NoteModifica

  1. ^ DIZIONARIO LEVENTINESE, su sites.google.com. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  2. ^ Corno, su www4.ti.ch. URL consultato l'8 settembre 2017.
  3. ^ Pigne, su www4.ti.ch. URL consultato l'8 settembre 2017.
  4. ^ a b c d Mario Fransioli, Bedretto, in Dizionario storico della Svizzera, 17 maggio 2004. URL consultato l'8 settembre 2017.

BibliografiaModifica

  • Luigi Lavizzari, Escursioni nel Cantone Ticino, Lugano 1859-1863.
  • Johann Rudolf Rahn, I monumenti artistici del medio evo nel Cantone Ticino, Tipo-Litografia di Carlo Salvioni, Bellinzona 1894, (Ronco) 263.
  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Arte e monumenti della Lombardia prealpina, Istituto grafico Casagrande, Bellinzona 1967, 203-204, 299, 374.
  • Emilio Motta, Effemeridi ticinesi, ristampa, Edizioni Metà Luna, Giubiasco 1991.
  • Flavio Maggi, Patriziati e patrizi ticinesi, Pramo Edizioni, Viganello 1997.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 148.
  • Marina Bernasconi Reusser, Monumenti storici e documenti d'archivio. I «Materiali e Documenti Ticinesi» (MDT) quali fonti per la storia e le ricerche sull'architettura e l'arte medievale delle Tre Valli, in Archivio Storico Ticinese, seconda serie, 148, Casagrande, Bellinzona 2010.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN313447713 · GND (DE1065641540
  Portale Ticino: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ticino