Apri il menu principale

Biancoblù Basket Bologna

squadra di pallacanestro di Bologna
Biancoblù Basket Bologna
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Logo Fortitudo Bologna 1901.png
Segni distintivi
Uniformi di gara
Kit body basketballblankborder.png
Kit body basketball.png
Kit shorts blanksides.png
Kit shorts.svg
Casa
Kit body basketballwhiteborder.png
Kit body basketball.png
Kit shorts whitesides.png
Kit shorts.svg
Trasferta
Colori sociali Bianco e Blu.svg Bianco e blu
Simboli Aquila, lettera F
Dati societari
Città Bologna
Nazione Italia Italia
Confederazione FIBA Europe
Federazione FIP
Fondazione 2011
Scioglimento 2013
Denominazione Biancoblù Basket Bologna (2011-2013)
Impianto PalaDozza
(5,570 posti)
Sito web www.fortitudobologna.it

La Biancoblù Basket Bologna[1] è stata una società sportiva professionistica di pallacanestro con sede a Bologna.

È nata dall'acquisizione della società Basket Club Ferrara. Nel giugno 2011 Giulio Romagnoli, assieme ad altre persone facenti parte di una holding denominata «Fortitudo 2011», rilevò la società ferrarese il cui numero di affiliazione FIP è 43885, spostandole la sede sociale a Bologna.[2] Le intenzioni iniziali di Romagnoli erano di riportare nel basket professionistico la storica Fortitudo Pallacanestro Bologna che, fondata nel 1932, non disputava alcun campionato dal 2010.

Squadra 2012-2013 nel prepartita, accolta dai tifosi.

Romagnoli cambiò il nome della società da «Pallacanestro Ferrara» a «Società Cestistica Fortitudo Bologna» e stabilì la sede nella storica Via San Felice 103,[3] sede della Società Ginnastica Fortitudo (la Casa Madre). Una serie di controversie dipanate dalla Federazione Italiana Pallacanestro però ha fatto fare al Presidente una retromarcia. Infatti il 4 agosto 2011, durante una conferenza stampa, pronunciò queste parole: "(...) il nostro progetto si pone non come continuazione di Fortitudo Pallacanestro ma come trasferimento nel professionismo di S.G. Fortitudo (...)".[4]

La squadra durante un time-out.

La Biancoblù Basket Bologna non va confusa con la Eagles Basket Bologna, altra squadra fondata nel 2011 (con codice di affiliazione FIP 052578) e che ha militato in Divisione Nazionale B FIP 2011-2012, avendo acquisito il titolo sportivo del Gira Ozzano.[5] Nel novembre 2012 è stata esclusa dal campionato di Divisione Nazionale A a causa di inadempienze economiche.

Il logo della Biancoblù è la storica "Effe Scudata", simbolo sia della Fortitudo Pallacanestro che della Casa Madre, con l'aggiunta, sotto il logo, di "1901", anno di nascita della Società Casa Madre. Questo perché il marchio storico, portato a conoscenza del grande pubblico dalla Pallacanestro, è attualmente di proprietà di So.Ge.Ma. Fortitudo S.r.l. (Società Gestione Marketing), una società scorporata da Fortitudo Pallacanestro ma di proprietà di Gilberto Sacrati. Sul logo pendono ricorsi al tribunale su chi ne detiene i diritti di utilizzo.[6]

StoriaModifica

La Biancoblù Basket Bologna si è costituita dopo l'acquisizione, appoggiata dalla Società Ginnastica Fortitudo (la "Casa Madre"), del titolo sportivo del Basket Club Ferrara, società militante nel Campionato di Legadue. Dopo lunghe trattative il 30 giugno 2011, nella sede della Società Ginnastica Fortitudo a Bologna, è stata ufficializzata l'acquisizione del titolo di Legadue.[7]

A capo della società vi è Giulio Romagnoli, affiancato dal vicepresidente Marco Scapoli e da oltre 14 imprenditori tra cui anche alcuni soci del Bologna F.C. Inizialmente la nuova società fu denominata "Società Cestistica Fortitudo Bologna" ed anche "Effe Biancoblù Basket Bologna".

Già nel 2010 la casa madre ha sostenuto lo stesso Romagnoli nell'operazione di apparentamento con la squadra di Serie B Dilettanti della Pallacanestro Budrio. Nella stagione 2010-2011 infatti la Pallacanestro Budrio scendeva in campo con le maglie Bianco Blu (colori storici della Fortitudo) e, grazie ad un accordo[8] con il proprietario di Fortitudo Pallacanestro Bologna Gilberto Sacrati, esibiva il simbolo storico della Fortitudo. Per questa stagione la Pallacanestro Budrio affiancata al nome della Casa Madre aveva come sponsor la catena di supermercati Conad, sponsor che poi ha continuato a dare il suo appoggio anche alla Biancblù Basket Bologna nella stagione 2011-2012

Il 16 giugno 2011 il Consiglio Federale ha approvato la richiesta di trasferimento di sede del Basket Club Ferrara a Bologna, mentre ha espresso parere negativo riguardo al cambio di denominazione. Sempre nello stesso Consiglio Federale, a proposito della scissione del Gira Ozzano, si è dichiarato disponibile ad autorizzare un trasferimento d'attività e ha comunque deliberato di non accettare qualsiasi denominazione che possa generare confusione con quella della società Fortitudo Bologna, regolarmente affiliata alla FIP.[9]

Il Presidente FIP Dino Meneghin, in una intervista a proposito di quel Consiglio Federale disse: "Vorrei ricordare che non siamo nel far west e che quando ci si affilia alla FIP si accettano anche i suoi regolamenti. A Bologna esiste una società di pallacanestro che si chiama “Fortitudo Pallacanestro” e che ha diritto di esistere avendo saldato tutti quei debiti sportivi che ne mettevano in dubbio l'affiliazione. Non era, quindi possibile concedere ad altri quel nome perché avremmo solamente generato confusione."[10] Tutto ciò significò nei mesi successivi che la denominazione della squadra di Giulio Romagnoli e della Casa Madre divenne appunto Biancoblù Basket Bologna mentre per la nuova Società creata da Gilberto Sacrati si abbandonò il nome iniziale di 103 e divenne Eagles Bologna.

Per la situazione paradossale creatasi nell'universo cestistico della Bologna biancoblù, sono state avviate alcune trattative tra Gilberto Sacrati e Giulio Romagnoli per cercare di trovare una sintesi, che possa riproporre la Fortitudo Pallacanestro Bologna ad alti livelli. Dopo vari tentativi andati sempre a vuoto si è arrivati a un'asta che ha visto Giulio Romagnoli unico concorrente che ha acquistato anche la Fortitudo Basket.

A termine della stagione 2012-2013, la Biancoblù Bologna cede il titolo sportivo di Legadue all'Azzurro Napoli Basket 2013[11] terminando la propria attività, poiché dalla stagione successiva tornerà ufficialmente la Fortitudo Pallacanestro Bologna.[12]

CronistoriaModifica

 
Riscaldamento prima di una partita contro Fulgor Libertas Forlì 2012-2013.
Cronistoria della Biancoblù Basket Bologna
Ottavi di finale di Coppa Italia di Legadue.
  • 2012-2013 · 9ª in Legadue,   cessione del titolo sportivo all'Azzurro Napoli Basket 2013.
Ottavi di finale di Coppa Italia di Legadue.

Rosa 2012-2013Modifica

Naz. Ruolo Sportivo Anno
5   PG Ricky Harris 1987 188 86
6   AC Matteo Guidetti 1994
8   PG David Cournooh 1990 187 83
9   AP Patrizio Verri 1988 195 90
10   PG Andrea Pecile 1980 187 87
11   G Giovanni Gasparin 1991 187 76
14   P Matteo Montano 1992 183 80
19   AP Donato Cutolo 1987 198 92
20   AG Giovanni Pini 1988 200 92
22   AC Francesco Infante 1992 200 103
31   G Michele Vitali 1991 196 89
33   AG Ðorđe Drenovac 1992 209 105
42   C William Mosley 1989 202 100

NoteModifica