Apri il menu principale

Bob ai XXII Giochi olimpici invernali - Bob a quattro maschile

Bandiera olimpica Bobsleigh pictogram.svg
Bob a quattro maschile
Soči 2014
Informazioni generali
Luogo Krasnaja Poljana
Periodo 22 e 23 febbraio
Partecipanti 122 da 19 nazioni
Podio
Medaglia d'oro Oskars Melbārdis
Arvis Vilkaste
Daumants Dreiškens
Jānis Strenga
Lettonia Lettonia
Medaglia d'argento Steven Holcomb
Steven Langton
Curtis Tomasevicz
Christopher Fogt
Stati Uniti Stati Uniti
Medaglia di bronzo John James Jackson
Bruce Tasker
Stuart Benson
Joel Fearon
Regno Unito Regno Unito
Edizione precedente e successiva
Vancouver 2010 Pyeongchang 2018

La gara di bob a quattro maschile dei XXII Giochi olimpici invernali si è disputata il 22 e il 23 febbraio 2014 sulla pista Sanki, a Krasnaja Poljana.

Gli statunitensi erano i campioni olimpici uscenti: Steven Holcomb e Curtis Tomasevicz, insieme a Steve Mesler e Justin Olsen avevano infatti conquistato l'oro nella precedente edizione di Vancouver 2010 sopravanzando nell'ordine il team tedesco formato da André Lange, Kevin Kuske, Alexander Rödiger e Martin Putze e quello canadese costituito da Lyndon Rush, David Bissett, Lascelles Brown e Chris le Bihan.

In questa edizione la medaglia d'oro era stata inizialmente vinta dall'equipaggio russo formato da Aleksandr Zubkov, Dmitrij Trunenkov, Aleksej Negodajlo e Aleksej Voevoda ma il 24 novembre 2017 il CIO ha decretato la squalifica del pilota Zubkov, il 29 novembre successivo quella dei frenatori Trunenkov e Negodajlo e il 22 dicembre seguente anche quella di Voevoda, a seguito della vicenda doping che ha coinvolto numerosi atleti russi tramite il noto rapporto della Agenzia Mondiale Antidoping (WADA) presentato da Richard McLaren nel luglio 2016, per cui la medaglia d'oro è stata loro revocata.[1][2][3] Il 1º febbraio 2018 il Tribunale Arbitrale dello Sport, dopo aver preso in esame il ricorso presentato dai quattro atleti russi, ha confermato le squalifiche comminate dal CIO a Zubkov e Voevoda, annullando tuttavia il divieto di partecipare a future edizioni delle olimpiadi; vennero invece cancellate tutte le sanzioni nei confronti di Trunenkov e Negodajlo[4]. Alle loro spalle si erano piazzati il team lettone composto da Oskars Melbārdis, Arvis Vilkaste, Daumants Dreiškens e Jānis Strenga, e quello statunitense di Steven Holcomb, Steven Langton, Curtis Tomasevicz e Christopher Fogt.

Il 29 novembre 2017 Aleksandr Kas'janov, Il'vir Chuzin, Aleksej Puškarëv e il 22 dicembre successivo anche l'altro frenatore Maksim Belugin, classificatisi quarti, sono stati squalificati per lo stesso motivo[5][6]. Il 1º febbraio 2018 il Tribunale Arbitrale dello Sport, dopo aver preso in esame il ricorso presentato da Kas'janov, Chuzin e Puškarëv, ha confermato tutte le squalifiche comminate loro dal CIO, annullando tuttavia il divieto di partecipare a future edizioni delle olimpiadi; Belugin invece non presentò alcun ricorso[4].

Il 28 marzo 2019 il CIO mise fine alla vicenda ratificando ufficialmente le squalifiche degli equipaggi coinvolti e confermando la riassegnazione delle medaglie, in accordo con i risultati ufficiali aggiornati dalla Federazione Internazionale di Bob e Skeleton già in data 20 luglio 2018.[7]

Il titolo olimpico è quindi andato ai lettoni Oskars Melbārdis, Arvis Vilkaste, Daumants Dreiškens e Jānis Strenga, la medaglia d'argento agli statunitensi Steven Holcomb, Steven Langton, Curtis Tomasevicz e Christopher Fogt e quella di bronzo ai britannici John James Jackson, Bruce Tasker, Stuart Benson e Joel Fearon.

RisultatiModifica

Pos. Nazione Atleti 1ª manche 2ª manche 3ª manche 4ª manche Totale Distacco
01     Lettonia (LAT-1) Oskars Melbārdis
Arvis Vilkaste
Daumants Dreiškens
Jānis Strenga
55"10 55"13 55"15 55"31 3'40"69
02     Stati Uniti d'America (USA-1) Steven Holcomb
Steven Langton
Curtis Tomasevicz
Christopher Fogt
54"89 55"47 55"30 55"33 3'40"99 +0"30
03     Regno Unito (GBR-1) John James Jackson
Bruce Tasker
Stuart Benson
Joel Fearon
55"26 55"27 55"31 55"26 3'41"10 +0"41
04 4   Germania (GER-1) Maximilian Arndt
Alexander Rödiger
Marko Hübenbecker
Martin Putze
54"88 (TR) 55"47 55"47 55"60 3'41"42 +0"73
05 5   Germania (GER-3) Thomas Florschütz
Kevin Kuske
Joshua Bluhm
Christian Poser
55"06 55"42 55"50 55"53 3'41"51 +0"82
06 6   Svizzera (SUI-1) Beat Hefti
Jürg Egger
Alex Baumann
Thomas Lamparter
55"21 55"34 55"60 55"60 3'41"75 +1"06
07 7   Canada (CAN-2) Lyndon Rush
David Bissett
Lascelles Brown
Neville Wright
55"35 55"43 55"60 55"38 3'41"76 +1"07
08 8   Germania (GER-2) Francesco Friedrich
Gregor Bermbach
Jannis Bäcker
Thorsten Margis
55"15 55"43 55"81 55"41 3'41"80 +1"11
09 9   Paesi Bassi (NED-1) Edwin van Calker
Sybren Jansma
Bror van der Zijde
Arno Klaassen
55"55 55"57 55"82 55"75 3'42"69 +2"00
10 10   Stati Uniti d'America (USA-2) Nick Cunningham
Johnny Quinn
Justin Olsen
Dallas Robinson
55"61 55"48 55"97 55"64 3'42"70 +2"01
11 11   Canada (CAN-1) Christopher Spring
James McNaughton
Timothy Randall
Bryan Barnett
55"50 56"70 55"88 55"76 3'42"84 +2"15
12 12   Lettonia (LAT-2) Oskars Ķibermanis
Helvijs Lūsis
Raivis Broks
Vairis Leiboms
55"68 55"52 55"97 55"81 3'42"98 +2"37
13 13   Russia (RUS-3) Nikita Zacharov
Nikolaj Chrenkov
Pëtr Moiseev
Maksim Mokrousov
55"74 55"53 55"88 55"91 3'43"06 +2"46
14 14   Repubblica Ceca (CZE-1) Jan Vrba
Dominik Dvořák
Dominik Suchý
Michal Vacek
55"95 55"47 55"95 55"80 3'43"17 +2"48
15 15   Francia (FRA-1) Loïc Costerg
Florent Ribet
Romain Heinrich
Elly Lefort
55"82 55"68 55"91 55"77 3'43"18 +2"49
16 16   Italia (ITA-1) Simone Bertazzo
Samuele Romanini
Simone Fontana
Francesco Costa
55"78 55"73 56"06 55"88 3'43"45 +2"76
17 17   Regno Unito (GBR-2) Lamin Deen
Andrew Matthews
John Baines
Ben Simons
55"91 55"60 56"06 55"95 3'43"52 +2"83
18 18   Corea del Sud (KOR-1) Won Yun-jong
Jun Jung-lin
Suk Young-jin
Seo Young-woo
56"12 55"97 56"25 55"88 3'44"22 +3"53
19 19   Austria (AUT-1) Benjamin Maier
Markus Sammer
Stefan Withalm
Angel Somov
Sebastian Heufler
56"25 56"11 56"27 2'48"63
20 20   Australia (AUS-1) Heath Spence
Duncan Harvey
Gareth Nichols
Lucas Mata
56"20 56"21 56"23 2'48"64
21 21   Francia (FRA-2) Thibault Godefroy
Vincent Ricard
Jérémy Baillard
Jérémie Boutherin
56"37 56"27 56"35 2'48"99
22 22   Romania (ROU-1) Andreas Neagu
Paul Muntean
Florin Cezar Crăciun
Dănuț Moldovan
Bogdan Laurentiu Otava
56"25 56"16 56"62 2'49"03
23 23   Slovacchia (SVK-1) Milan Jagnešák
Lukáš Kožienka
Petr Narovec
Juraj Mokráš
56"56 56"37 56"51 2'49"44
24 24   Giappone (JPN-1) Hiroshi Suzuki
Shintaro Sato
Toshiki Kuroiwa
Hisashi Miyazaki
56"41 56"42 56"63 2'49"46
25 25   Polonia (POL-1) Dawid Kupczyk
Michal Kasperowicz
Daniel Zalewski
Paweł Mróz
56"57 56"45 56"47 2'49"49
26 26   Corea del Sud (KOR-2) Kim Dong-hyun
Kim Sik
Kim Kyung-hyun
Oh Jea-han
56"98 56"77 56"89 2'50"64
27 27   Brasile (BRA-1) Edson Bindilatti
Edson Martins
Odirlei Pessoni
Fábio Gonçalves Silva
56"86 56"74 57"11 2'50"71
28 28   Canada (CAN-3) Justin Kripps
Cody Sorensen**
Jesse Lumsden
Ben Coakwell**
Luke Demetre
Graeme Rinholm
55"17 59"91* 55"72 2'50"80
29    Russia (RUS-1) Aleksandr Zubkov[1][7]
Dmitrij Trunenkov[2][4][7]
Aleksej Negodajlo[2][4][7]
Aleksej Voevoda[3][7]
DSQ[1][2][3][7]
30    Russia (RUS-2) Aleksandr Kas'janov[5][7]
Maksim Belugin[6][7]
Il'vir Chuzin[5][7]
Aleksej Puškarëv[5][7]
DSQ[5][6][7]

*Canada 3 ha avuto un incidente nella manche.[8]
**Nella 3ª manche Cody Sorensen e Ben Coakwell sono stati sostituiti da Luke Demetre e Graeme Rinholm.

Data: sabato 22 febbraio 2014
Ora locale 1ª manche:
Ora locale 2ª manche:
Data: domenica 23 febbraio 2014
Ora locale 3ª manche:
Ora locale 4ª manche:
Pista: Sanki

Legenda:

  • in grassetto il miglior tempo di manche
  • DNS = non partiti (did not start)
  • DNF = prova non completata (did not finish)
  • DSQ = squalificati (disqualified)
  • Pos. = posizione

NoteModifica

  1. ^ a b c (ENFR) IOC sanctions four russian athletes as part of Oswald Commission findings, su olympic.org, CIO, 24 novembre 2017 (archiviato il 26 novembre 2017).
  2. ^ a b c d (ENFR) IOC sanctions five russian athletes and publishes first full decision as part of the Oswald Commission findings, su olympic.org, CIO, 27 novembre 2017 (archiviato il 27 novembre 2017).
  3. ^ a b c (ENFR) IOC sanctions one russian athlete, and closes one case as part of Oswald Commission findings, su olympic.org, CIO, 18 dicembre 2017 (archiviato il 18 dicembre 2017).
  4. ^ a b c d (EN) The Court of Arbitration for Sport (CAS) delivers its decisions in the matter of 39 russian athletes V/ the IOC: 28 appeals upheld, 11partially upheld (PDF), Losanna, Tribunale Arbitrale dello Sport, 1º febbraio 2018. URL consultato il 4 febbraio 2018 (archiviato il 1º febbraio 2018).
  5. ^ a b c d e (ENFR) IOC sanctions three russian athletes as part of Oswald Commission findings, su olympic.org, CIO, 29 novembre 2017 (archiviato il 29 novembre 2017).
  6. ^ a b c (ENFR) IOC sanctions 11 russian athletes as part of Oswald Commission findings, su olympic.org, CIO, 22 dicembre 2017 (archiviato il 22 dicembre 2017).
  7. ^ a b c d e f g h i j k (ENFR) IOC executive board concludes a three-day meeting in Lausanne, su olympic.org, CIO, 28 marzo 2019. URL consultato il 3 luglio 2019 (archiviato il 29 marzo 2019).
  8. ^ Canadian bobsled piloted by Justin Kripps crashes during Winter Games heat, su theglobeandmail.com, 22 febbraio 2014.

Collegamenti esterniModifica