Apri il menu principale

StoriaModifica

La piccola località rurale di Bolgiano, di antica origine, costituiva un comune compreso nella Pieve di San Donato, parte del Ducato di Milano, e confinava con Foramagno a nord, Zeloforamagno e Robbiano ad est, Carpianello a sud e San Donato ad ovest. Al censimento del 1751 la località fece registrare 129 residenti.

In età napoleonica, nel 1805, la popolazione era salita a 250 unità, ma quattro anni dopo il Comune di Bolgiano venne soppresso e aggregato al limitrofo municipio di San Donato[1], a sua volta unito a Viboldone nel 1811; tutti i centri recuperarono comunque l'autonomia con l'istituzione del Regno Lombardo-Veneto.[2] Al censimento del 1853 Bolgiano contava 336 abitanti, a quello del 1861 il numero era salito a 387.[3]

Il comune venne infine soppresso ed annesso a San Donato Milanese nel 1870 riprendendo l'antico modello napoleonico.[4]

In tempi recenti il quartiere di Bolgiano è diventato prevalentemente residenziale. Dal 30 ottobre 1996 nella ex-scuola elementare ospita la sede principale dell'Università della Terza Età di San Donato e San Giuliano dei Lions, in collaborazione con il comune di San Donato Milanese.[5]

NoteModifica

  1. ^ Decreto 4 novembre 1809 a
  2. ^ Notificazione 12 febbraio 1816
  3. ^ Comune di Bolgiano
  4. ^ Regio Decreto 9 giugno 1870, n. 5722
  5. ^ UTE-Chi siamo, su www.utesandonatosangiuliano.org. URL consultato il 9 settembre 2017.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia