Apri il menu principale

CaratteristicheModifica

Il Breithorn Occidentale è la più occidentale delle vette del monte Breithorn. La Sella (4.081 m) lo separa dal Breithorn Centrale.

Dal versante italiano si presenta come un facile rilievo coperto da neve; dal versante svizzero invece appare come una ripida parete alta più di 1.500 m.

La prima ascensione del Breithorn Occidentale fu compiuta il 13 agosto 1813 da Henry Maynard, Joseph-Marie Couttet, Jean Gras, Jean-Baptiste Hérin e Jean-Jacques Hérin.[1]

Salita alla vettaModifica

 
Vetta del Breithorn occidentale. Sullo sfondo il massiccio del Monte Rosa.

Il Breithorn Occidentale è considerato generalmente il 4000 delle Alpi più facile da salire. Lo si deve alla funivia del Piccolo Cervino, che facilita gli alpinisti portandoli a 3.870 m. di quota. Il percorso classico (fianco S-SO), si sviluppa su un ghiacciaio pressoché pianeggiante, detto Grande Ghiacciaio di Verra, prima di procedere verso la vetta con una pendenza lievemente più accentuata che non va mai oltre i 35°.

La via precedente può essere raggiunta al Plan de Verra partendo dal Plateau Rosa, stazione di arrivo della funivia proveniente da Cervinia, a circa 3.450 m.

La semplicità del percorso non deve tuttavia indurre a sottovalutare i pericoli che possono insorgere in caso di brutto tempo o di scarsa visibilità.

Per gli alpinisti esperti la traversata dal Breithorn Occidentale al Breithorn Centrale rappresenta un percorso di alta quota particolarmente remunerativo.

Più difficile e pericolosa è invece la parete Nord, che precipita per 1.500 metri sul bacino glaciale del ghiacciaio del Gorner. Alcune vie estreme la percorrono, ma la difficoltà dei passaggi rocciosi e il dedalo dei seracchi sospesi da affrontare, rendono le salite assolutamente ostiche e raramente percorribili anche in condizioni ideali.

L'ascensione al Breithorn rappresenta una meta classica dello scialpinismo, riservata, per la discesa diretta della parte sommitale, a sciatori esperti.

NoteModifica

  1. ^ Saglio e Boffa, p. 110.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica