Apri il menu principale
Centro Universitario Sportivo Verona A.S.D.
Colori sociali600px bordered Blue HEX-161384 Red HEX-FF0000.svg Blu · rosso
SimboliScala
Dati societari
CittàVerona
SedeViale Università 4
I-37129 Verona
PaeseItalia Italia
FederazioneCONI
Fondazione1947
PresidenteItalia Danilo Zantedeschi
Discipline
  • calcio a 5
  • canoa
  • kendo
  • hockey in-line
  • pallacanestro
  • pallavolo
  • pattinaggio artistico a rotelle
  • scherma
  • triathlon
 cusverona.it

Il CUS Verona è il centro sportivo dell'Università degli Studi di Verona.

Fu fondato nel 1947 e vanta diverse discipline agonistiche le principali delle quali sono canoa, kendō, hockey in-line, pallacanestro, pallavolo, pattinaggio artistico a rotelle, scherma e triathlon. Fino al 2016 era attiva anche una sezione di rugby a 15, il CUS Verona Rugby, il cui titolo sportivo è stato rilevato da un'altra società cittadina, il Verona Rugby[1].

Indice

DisciplineModifica

Tra le discipline di squadra che maggiormente hanno contraddistinto l'attività del CUS Verona figurano la pallamano, l'hockey in-line e il rugby a 15[2]; nella prima la polisportiva vanta i suoi migliori risultati assoluti a livello nazionale, avendo vinto lo scudetto della pallamano maschile nel 1971-72[2].

Nell'hockey in-line invece, la squadra, benché di relativamente recente costituzione (è nata nel 1996), ha sempre condotto campionati di vertice nelle serie inferiori, riuscendo nel 2012 a raggiungere la seconda divisione e, l'anno dopo, la prima. A conferma delle buone prestazioni della squadra, già nel 2014-15 il CUS Verona giunse alla finale scudetto persa in gara-4 contro l'Hockey Club Milano 24[3] e ancora due stagioni più tardi, nel 2016-17, giunse alle semifinali di play-off per il titolo[4], vedendosi chiusa la corsa verso lo scudetto di nuovo da Milano.

Per quanto riguarda il rugby a 15 invece, pur non avendo mai raggiunto la massima divisione, il CUS Verona ha militato per diversi anni nella divisione cadetta e nel nuovo millennio si è di massima stabilizzata in tale categoria, riuscendo nel recente passato (2015 e 2017) a giungere fino agli spareggi di promozione in prima divisione; dal 2016 il titolo sportivo del CUS Verona è di proprietà del Rugby Verona S.S.D. che ha ereditato anche il terreno di gioco Gavagnin-Nocini[1]; il trasferimento ad altra società aveva lo scopo di accorpare in un solo club tutte le attività seniores, juniores e femminili[1].

 Lo stesso argomento in dettaglio: Verona Rugby S.S.D..

ImpiantiModifica

  • centro polifunzionale "Fiorito" (Centro fitness scienze motorie)
  • palestra scuola media Duca d'Aosta (corsi di Trx e Kettlebell, cross cardio, yoga)
  • residenza Esu Borgo Roma (corsi fitness)
  • palestra san Bernardino (arti marziali)
  • centro sportivo Avesani (pattinaggio, hockey in-line)
  • palazzetto Gavagnin (basket maschile e femminile e minibasket)
  • palestra Scienze Motorie di Via Casorati (basket maschile e femminile e minibasket)

OnorificenzeModifica

  Stella d'argento al merito sportivo
«Per merito sportivo»
— 1990[5]

NoteModifica

  1. ^ a b c Il rugby di Verona: una grande avventura sportiva, su veronarugby.it, Verona Rugby S.S.D.. URL consultato il 6 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2017).
  2. ^ a b Alla scoperta di CUS Verona, in UniVR Magazine, Università degli Studi di Verona, 28 aprile 2014. URL consultato il 7 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2017).
  3. ^ Il Milano Quanta si laurea Campione d'Italia, su fisr.it, Federazione Italiana Sport Rotellistici, 2 maggio 2015. URL consultato il 7 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2017).
  4. ^ Verona passa in semifinale dopo aver vinto gara 3 dei quarti contro Asiago, su fisr.it, Federazione Italiana Sport Rotellistici, 20 aprile 2017. URL consultato il 7 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2017).
  5. ^ CUS Verona: chi siamo, su cusverona.it, CUS Verona. URL consultato il 7 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2017).

Collegamenti esterniModifica