Chiesa ortodossa macedone

La Chiesa ortodossa autocefala macedone (in macedone Македонска православна црква?), comunemente nota come Chiesa ortodossa macedone, è una Chiesa ortodossa autocefala diffusa in Macedonia del Nord. Occupa il 14º posto nel dittico delle Chiese ortodosse.[1] Il suo primate ha il titolo di arcivescovo di Ocrida e di tutta Macedonia del Nord. Essa si considera l'erede dell'Arcidiocesi di Acrida.

Chiesa ortodossa macedone
Македонска православна црква – Охридска архиепископија
ClassificazioneChiesa ortodossa
DiffusioneBandiera della Macedonia del Nord Macedonia del Nord
LinguaMacedono, slavo
Sito ufficialewww.mpc.org.mk/

Storia modifica

 
Belgrade, 19.5.2022.

La scissione della "MPC" fu sobillata dal regime comunista titino e dalla Lega dei Comunisti di Jugoslavia e di Macedonia.

La stessa costituzione della "MPC" fu redatta dal criminale di guerra croato Antun Jerkov[2], che venne temporaneamente graziato dal regime comunista, che gli diede quest'incarico, essendo egli stato fra i promotori della "Chiesa ortodossa croata", durante la seconda guerra mondiale nello Stato Indipendente di Croazia. Attualmente in Macedonia del Nord la "MPC" gode di una certa tolleranza presso le autorità, nonostante la Chiesa serba rimanga comunque forte nella regione.

Nel novembre del 2017 la Chiesa ortodossa macedone ha avviato un percorso di avvicinamento alla Chiesa ortodossa bulgara, al fine di riconoscerla come propria Chiesa madre.[3]

Organizzazione modifica

 
Mappa delle otto eparchie della Chiesa ortodossa macedone

Eparchie nella Repubblica di Macedonia modifica

Eparchie all'estero modifica

Note modifica

  1. ^ Nel dittico del Patriarcato di Mosca è indicata al 12º posto
  2. ^ (SR) Р Арсенић, Пешић, М, Хрватски православци на темељима „ендехазије“, Политика, 23 dicembre 2009. URL consultato il 5 gennaio 2010.
  3. ^ (FR) Décision du Saint-Synode de l’Église orthodoxe bulgare concernant l’Église orthodoxe de Macédoine. URL consultato il 28 novembre 2017.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN132692012 · ISNI (EN0000 0000 9581 332X · LCCN (ENn84052597 · GND (DE81870-7 · BNF (FRcb11966851n (data) · J9U (ENHE987007264956205171 · WorldCat Identities (ENlccn-n96016733