Colpi di timone

film del 1942 diretto da Gennaro Righelli
Colpi di timone
Vlcsnap-2014-08-04-21h44m38s70.png
Dina Sassoli e Gilberto Govi in una scena del film
Titolo originaleColpi di timone
Paese di produzioneItalia
Anno1942
Durata95 min
Dati tecniciB/N
Generecommedia
RegiaGennaro Righelli
Soggettodalla commedia Colpi di timone di Enzo La Rosa
SceneggiaturaGennaro Righelli, Ettore Maria Margadonna, Enzo La Rosa, Alessandro De Stefani
ProduttoreLux Film
Produttore esecutivoValentino Brosio
FotografiaMario Albertelli
MontaggioDuilio Lucarelli
MusicheFelice Montagnini
ScenografiaGastone Medin. Arredamento Gino Brosio
CostumiBianca Emanuele
Interpreti e personaggi

Colpi di timone è un film di Gennaro Righelli del 1942. Si tratta del debutto cinematografico di Gilberto Govi, attore teatrale genovese.

TramaModifica

1940, il Capitano Giovanni Bevilacqua, piccolo armatore genovese di 55 anni, scapolo, onesto e schietto che è anche Sindaco della Provveditoria Ligure, andando per mare, mentre governa una delle sue navi, a causa del mare agitato, riceve un ritorno di barra e il timone lo colpisce al petto; dopo qualche mese, accusando sempre dolore, si fa fare una radiografia dalla quale il medico, il professor Brunelli deduce che gli rimangono tre mesi di vita.

Egli decide allora di prendersi alcune soddisfazioni dicendo in faccia alla gente quello che pensa, non dovendosene preoccupare data la sua situazione e comincia proprio dai dirigenti della Provveditoria Ligure accusati di volersi approfittare dei lavoratori del porto. Ed esordisce proprio all'assemblea degli azionisti, dicendo tutto quello che pensa, prendendosela soprattutto con l'amministratore delegato, il Commendator Felice Precordi, accusandolo, fra l'altro, di adulterio ed abbandonando la seduta. Scoppia lo scandalo alla Provveditoria Ligure.

Al ritorno nel suo studio, la segretaria, signorina Paola fa accomodare due azionisti della Provveditoria che sono venuti a fargli firmare il bilancio, ma lui non firma perché vuole controllare i conti, non fidandosi. Da lì in avanti una serie di situazioni tragicomiche fino a quando il dottore gli comunica che c'è stato uno scambio nella consegna delle radiografie. Finale scoppiettante tra comico e drammatico.

NoteModifica

  • Girato negli stabilimenti Cinecittà di Roma per gli interni e a Camogli (GE) per gli esterni.
  • Aiuto regia: Gennaro Balistrieri.
  • Fonico: Venanzio Lisca.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema