Congregazione Lauretana

(Reindirizzamento da Congregazione lauretana)
Congregazione Lauretana
Congregatio Lauretana
Emblem of the Holy See usual.svg
Governo e amministrazione del Santuario di Loreto
Santuario di Loreto - panoramio.jpg
Eretto10 agosto 1698 da papa Innocenzo XII
Soppresso29 giugno 1908 da papa Pio X
Santa Sede · Chiesa cattolica
I dicasteri della Curia romana

La Congregazione Lauretana (latino: Congregatio Lauretana), anche detta Congregazione di Loreto, era un organismo della Curia romana, oggi soppresso.

Storia e funzioniModifica

Creato da papa Innocenzo XII con la costituzione apostolica Sacrosancta Redemptionis del 10 agosto 1698 per esentare l'amministrazione della Santa Casa dai conflitti di giurisdizione fra il cardinale protettore e il vescovo di Loreto (la diocesi fu creata da Sisto V attraverso la costituzione Pro excellenti praeminentia del 17 marzo 1586 e successivamente unita a quella di Recanati da Clemente VIII attraverso la costituzione Aequum reputamus dell'8 febbraio 1592) e per metterla sotto l'immediata giurisdizione della Santa Sede, la congregazione di Loreto riceve la missione di supervisionare l'amministrazione spirituale (affidata all'ordinario locale) e temporale (affidata a un governatore residente) del santuario e delle sue proprietà.

Papa Gregorio XVI pubblicò anche un regolamento per l'amministrazione della giustizia nella città di Loreto (21 novembre 1831) che affidò a un gruppo di dodici prelati votanti per il civile e il penale divisi in due turni un turno di appello e un turno di cassazione (20 febbraio 1832). La congregazione perse le sue funzioni dopo l'occupazione delle Marche da parte delle truppe italiane nel 1860. Fu annessa alla Congregazione del Concilio dalla costituzione Sapienti consilio (29 giugno 1908) di papa Pio X e definitivamente soppressa quando il Codice di diritto canonico fu promulgato nel 1917. L'amministrazione della Santa Casa è restituita alla Santa Sede dall'Articolo 27 dei Patti Lateranensi stipulati l'11 febbraio 1929.

All'alba della Restaurazione, la congregazione comprendeva un cardinale prefetto (l'incarico era affidato al cardinale segretario di stato pro tempore), dei membri cardinali, un segretario (incarico affidato al sottodatario), prelati, un un assessore e un giudice relatore. La segreteria della congregazione aveva sede presso il palazzo del Quirinale.

Con la riforma del 20 febbraio 1833, il prefetto della congregazione era il Segretario di Stato per gli Affari Interni.

Cronotassi dei prefettiModifica

La carica di prefetto era ricoperta dal Cardinale segretario di stato fino al 1833, per la cronotassi vedi:

 Lo stesso argomento in dettaglio: Segretario di Stato (Santa Sede).

Con la riforma del 20 febbraio 1833 il prefetto divenne il Segretario di Stato per gli Affari Interni:

Cronotassi dei segretariModifica

La carica di Segretario era riservata al sottodatario della Dataria apostolica; vedi:

 Lo stesso argomento in dettaglio: Dataria apostolica § Cronotassi dei sottodatari.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo