Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Curti (disambigua).
Curti
comune
Curti – Stemma Curti – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Campania-Stemma.svg Campania
ProvinciaProvincia di Caserta-Stemma.png Caserta
Amministrazione
Data di istituzione1806
Territorio
Coordinate41°04′34.18″N 14°16′49.4″E / 41.07616°N 14.28039°E41.07616; 14.28039 (Curti)Coordinate: 41°04′34.18″N 14°16′49.4″E / 41.07616°N 14.28039°E41.07616; 14.28039 (Curti)
Altitudine40 m s.l.m.
Superficie1,69 km²
Abitanti7 085[1] (30-6-2017)
Densità4 192,31 ab./km²
Comuni confinantiCasapulla, Macerata Campania, San Prisco, Santa Maria Capua Vetere
Altre informazioni
Cod. postale81040
Prefisso0823
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT061032
Cod. catastaleD228
TargaCE
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitanticurtesi
Patronosan Rocco
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Curti
Curti
Curti – Mappa
Posizione del comune di Curti nella provincia di Caserta
Sito istituzionale

Curti (Curtë in campano[2]) è un comune italiano di 7 085 abitanti della provincia di Caserta in Campania.

Indice

Geografia fisicaModifica

Il paese, attiguo alla città di Santa Maria Capua Vetere e parte integrante della conurbazione casertana, è posto a 41 metri sul livello del mare e deve la sua notorietà ad un celebre monumento dell'antichità che ne rappresenta ormai il simbolo più evidente: la Conocchia.

EtimologiaModifica

Le tesi etimologiche sull'origine del nome del Comune sono varie: se alcuni ritengono che esso derivi da Coorti, unità dell'esercito romano addestrantisi in un galoppatoio del posto, lo storico Teti, riferendosi ad alcune epigrafi latine, alquanto arbitrariamente, sostiene che tale origine etimologica è da ricercarsi nel significato letterale della "Corte" che vuol dire "aia", spiazzo per bacchiare il grano antistante la casa rurale. La tesi più convincente, tuttavia, è quella che si ricollega al modo in cui l'area in questione andò nel tardo antico differenziandosi dall'antica Capua (della quale fino allora era stata parte integrante pur se periferica), acquisendo una propria fisionomia identitaria. All'epoca della presa della metropoli campana i conquistatori Longobardi si installarono in una ben determinata porzione della città occupata, ivi istituendo la "corte" (che non suppone necessariamente la presenza di un re ma anche solo di un duca o, come in questo caso, un conte). Tale fenomeno è tipico del Longobardi in Italia: i nuovi padroni andarono occupando una porzione delle città fisicamente separata dai residenti romani; quella porzione, relativamente a Capua, formò il primo nucleo dell'attuale comune. Esempi più celebri di quello di Curti ma paralleli, il cordusio di Milano e la cortalta di Verona: per l'appunto riconosciuti come i quartieri di stanziamento longobardo nelle rispettive città.

A conferma della tesi sta la posizione decentrata di Curti rispetto alla città antica, il nome stesso - come spiegato - e non ultima l'intestazione della chiesa parrocchiale a S. Michele Arcangelo, a testimoniare la persistenza ab antiquo e in loco di un Culto micaelico come noto particolarmente praticato dai Longobardi.

 
San Rocco. Santo patrono di Curti

StoriaModifica

La storia di Curti, chiamato nelle fonti pergamenacee a partire dal XIII sec. Villa Curtium, Villa delle Curti, e poi Le Curti, si confonde e si mescola con la storia plurisecolare dell'antica Capua, della quale fu uno dei quartieri. Tale origine è documentata dai resti di antichi monumenti che si trovano sul suo territorio, oltre alla ricordata Conocchia.

Solo con l'avvento dell'occupazione francese del 1806 Curti, così come gli altri casali della Città di Capua, assume proprie funzioni amministrative autonome acquistando in seguito un proprio stemma.

Un breve profilo più compiuto è quello steso nel 1961 da Don Pietro Iulianiello, parroco della Chiesa di S. Michele Arcangelo, patrono di Curti, in occasione del IV centenario della fondazione della suddetta chiesa parrocchiale, sorta nel 1561.

Ma in quest'anno si avrà avuto certamente una nuova fondazione di questa, se consideriamo che già nel 1327 la chiesa di S. Michele di Curti figura tra quelle che pagano la Decima alla chiesa di Capua.

La somma posta a carico dell'ecclesia di S. Michele di Curti ascende ad un tarì e mezzo.

Anche lo storico capuano Francesco Granata spende poche righe per Curti nel II volume della Storia Sacra della Chiesa Metropolitana di Capua.[3]

Il Granata ci ricorda che in quest'anno la chiesa di Curti conta 1456 anime.

Le Congregazioni presenti al suo interno sono quelle di S. Michele fondata nel 1780, del SS. Corpo di Cristo fondata nel 1778, della Madonna SS. Del Rosario, fondata nel 1720, di S. Rocco fondata nel 1902 e il sodalizio del Sacro Cuore di Gesù fondato nel 1908.

Oltre alla chiesa madre nel paese si contano altre piccole chiese e cappelle di beneficio familiare, come quella della Purità di Maria Santissima, la chiesa della Madonna delle Grazie, la cappella di S.Pasquale Baylon, La cappella di S.Antonio di Padova.

Lo StemmaModifica

Vi sono diverse figure araldiche naturali (stella, luna, sole, leone, braccio umano). Sulla sinistra un leone rampante di colore rosso, con la lingua da fuori, di cui non si intravede la parte finale del corpo, pronto ad attaccare l'avversario. Esso è sormontato dalla crescente voltata. Al centro una stella. A destra un braccio armato che impugna un pugnale, uscente dalla parte destra dello stemma e piegato ad angolo, cui sopra si erge il sole. Sotto un ponte senza fiume che scorre sotto. Intorno una corona civica formato da un ramo di alloro e di uno di foglie di quercia con ghiande e di un fiocco rosso al centro. Sopra una corona comitale con sette perle.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

 
La Conocchia, simbolo di Curti

ArcheologiaModifica

Il mausoleo della ConocchiaModifica

Il Mausoleo della Conocchia, o semplicemente la Conocchia, è il principale monumento del paese. Si tratta di un monumento funerario che si erge imponente e maestoso sul percorso dell'antica Via Appia; il nome popolare deriva dalla forma che ricorda la conocchia (o fuso), oggetto usato per filare.

Eccezionale testimonianza del barocco antico[senza fonte], risalente presumibilmente al II secolo d.C., il sepolcro è dotato di undici nicchie ove si posavano le urne cinerarie. Secondo la tradizione vi fu sepolta anche Flavia Domitilla, la matrona romana nipote di Vespasiano, perseguitata da Domiziano perché cristiana.

La Conocchia può dirsi fra i più significativi monumenti che siano giunti fino a noi conservando "quasi intero" il loro carattere plastico; giacché i notevoli restauri apportati al tempo di Ferdinando IV di Borbone e ancora più tardi hanno preservato le strutture fatiscenti ma hanno alterato in qualche particolare l'aspetto originario.

Piazza SeplasiaModifica

E lungo la Via Appia, sempre in territorio di Curti, al tempo dell'antica Capua esisteva la "Piazza Seplasia" con botteghe di artigiani che preparavano unguenti odorosi e belletti per le donne capuane. Gli scavi eseguiti nella zona tra il 1845 ed il 1873, con i rinvenimenti di vasi, anfore e mortai con pestelli portavano principalmente alla luce un santuario monumentale che si ritiene risalente al IV secolo a.C. dedicato alla "Mater Matuta", dea della fecondità venerata a Capua. In quella occasione furono ritrovati un altare rettangolare di tufo, una dozzina di altri altari sempre di tufo, ma di dimensioni minori, numerosi blocchi di tufo, forse appartenenti alla struttura perimetrale; altre 600 terrecotte datate IV e III secolo a.C., circa 150 grandi statue di tufo di "Matres" che reggono in braccio da 1 a 12 neonati risalenti, le più antiche, fino al VII secolo a.C., collezione unica al mondo conservata oggi nel Museo campano di Capua.

La primitiva Curti sarebbe nata, secondo lo scrittore Nicola Teti, sotto i Longobardi, e come sobborgo dell'antica Capua; ma in genere gli studiosi solo marginalmente ne hanno parlato, riferendo che era un Casale della Regia Città di Capua, col nome di "Villa delle Curti". Sembra che Curti ebbe in comune con l'antica Capua il governo, la storia e i privilegi; divenendo Comune a sé ai principi dell'Ottocento ed acquistando solo in seguito un proprio stemma.

Architetture religioseModifica

La Chiesa di San Michele ArcangeloModifica

Le epigrafi della Chiesa di San Michele Arcangelo

1) 1886-CURTI-1986 NEL BICENTENARIO DEL CULTO A S. ROCCO DI MONTPELLIER INVOCATO CELESTE PATRONO DAL POPOLO AFFLITTO DA TREMENDO MORBO PESTILENZIALE CHE STRONCO' 135 VITE UMANE CELEBRATO CON SOLENNI FESTEGGIAMENTI CON L'INTERVENTO DI. ECC. MI VESCOVI E DI S. E. MONS. LUIGI DILIGENZA ARCIVESCOVO DI CAPUA PROMOTORI PARROCO D. PIETRO IULIANIELLO AUTORITA' E POPOLO CON DEVOZIONE A PERENNE RICORDO POSERO 13-23 SETTEMBRE P.G. 2) QUI SOSTA L'URNA COL CORPO DI S. ROBERTO BELLARMINO CARD.ARCIVESCOVO DI CAPUA DAL 1602 AL 1605 A RICORDO DELLA PIA PERECRINAZIONE NEL MILLENNIO DELL'ARCHIDIOCESI CURTI 12-13 APRILE 1967 3) ETERNITA' PARADISO ETERNO INFERNO ETERNO PAROLE MISTERIOSE MEDITIAMOLE R.P.B.1906 4) 1561-CURTI-1961 NEL QUARTO SECOLO DI VITA DI QUESTA PARROCCHIA DI S. MICHELE ARCANGELO SOLENNEMENTE COMMEMORATO IL PRESENTE MARMO RICORDA ALLE GENERAZIONI PRESENTI E FUTURE LA SUA EREZIONE CANONICA LO SVOLGERE FECONDO E LA MEMORIA DEI SUOI FIGLI UMILI E ILLUSTRI PER SAPERE VIRTU' E DIGNITA' EPISCOPALE MONITO AI POSTERI DI RICALCARE LE VESTIGIA AVITE NELLA FEDE E NEI COSTUMI SOMMO PONTEFICE GIOVANNI XXIII AUSPICE SALVATORE BACCARINI ARCIVESCOVO METROPOLITA DI CAPUA IL PARROCO D. PIETRO IULIANIELLO ED I FEDELI RELIGIOSAMENTE POSERO 7-14-MAGGIO

La chiesa di San Michele Arcangelo è sita nel centro di Curti (CE), lungo il Corso Piave. Il primo impianto, in stile romanico, risale all’anno 1000; all’epoca, questo primo luogo di culto era poco più che una cappella rurale. Le documentazioni certe, inerenti la presenza in paese di un luogo di culto dedicato a san Michele, si ritrovano una prima volta in una “Carta permutationis” del 1280 e più volte, in seguito, nel registro delle decime pagate dai presbiteri alla Chiesa di Roma concernenti gli anni 1308-1310. Anche il Granata riferisce che nel 1327 il presbitero Leonardo versava, pro cappellania S. Michaelis ad Curtim, la decima alla chiesa di Capua. Secondo il parroco don Pietro Iulianiello l’istituzione della chiesa come parrocchia si data all’anno 1561, deducendo questa affermazione dalla prima registrazione annotata nel Libro dei matrimoni. In chiesa si accede dalla piazza antistante la facciata principale che, con un ampio frontale baroccheggiante, risulta ornata di statue di stucco raffiguranti al centro San Michele cui fanno corona, ai lati, S. Giuseppe, San Rocco e San Luigi Gonzaga. Sul lato destro si erge il campanile, di modesta altezza, con tre campane e un orologio. L’interno della chiesa, dalla linea sobria e classicheggiante, è a croce latina con tre navate. La navata centrale, basata su massicci pilastri in muratura e archi a tutto sesto, ha la volta affrescata. Nella navata destra, leggermente più piccola della sinistra, si contano tre altari. La navata sinistra presenta decorazioni classicheggianti nelle volte, un fonte battesimale di rame all’ingresso, la sacrestia ed un altare dedicato a S. Antonio da Padova. Il transetto ha nei bracci (destro e sinistro) due altari e nella parte centrale una grossa cupola con lanterna. Nel braccio sinistro è installato un altare in stile barocco dedicato alla Madonna SS. Del Rosario con una delicata scultura nella parte anteriore. Alle spalle del transetto è presente una zona absidale sormontata da volta a botte. Davanti al fonte battesimale s’intravede, consunto dal tempo, un frammento di epigrafe, che segnalava l’accesso a uno degli antichi sepolcreti della chiesa. Sottostante all’ex oratorio del Monte dei Morti, si sviluppa - con un’identica pianta coperta dalla volta a botte ribassata - un’altra cripta. In seguito al restauro della cripta (1989), i resti mortali dei defunti, ivi sepolti prima del secolo XVIII, hanno avuto degna sepoltura come riferisce la lapide posta sulla parete di fondo della cripta.

Tempio dello Spirito Santo =Modifica

Il 25 aprile del 1990 si ebbe la benedizione della prima pietra e dopo 7 anni la chiesa fu ultimata e consacrata. La moderna struttura formale della facciata è segmentata in blocchi regolari. L’impianto strutturale converge verso il campanile la cui cella campanaria ospita 8 campane elettrificate. L’interno ha come fulcro il presbiterio che presenta caratteri decorativi e architettonici sobri ed essenziali. L’area è arricchita da un mosaico policromo raffigurante il tema religioso dello Spirito Santo cui è dedicata la chiesa.

Monumento ai caduti della Prima e della Seconda Guerra MondialeModifica

Il monumento ai caduti della Prima e della Seconda Guerra Mondiale è composto da due lapidi contenente una i nomi dei caduti della Prima Guerra Mondiale e l'altra i nomi dei caduti della Seconda Guerra Mondiale. Inoltre c'è un esemplare di cannone della Prima Guerra Mondiale.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[4]

 

Il complesso bandistico "Città di Curti"Modifica

Nell'ottobre del 2002 il prof.re Guglielmo Penta, docente di musica alla scuola media "Goffredo Mameli" di Curti, istituì la "Banda Musicale Scuola Media G.Mameli", che si esibì nel 2003. Grazie alla collaborazione dell'Amministrazione Comunale, dell'Associazione A.M.I.C.A ed il M° Penta che diede vita alla delibera della giunta comunale del 24/11/2004, nasce la banda musicale cittadina "Complesso Bandistico Città di Curti", che si servirà anche dei colori dello stendardo comunale. Una dei più celebri concerti si ebbe nel gennaio 2006, al Palapartenope di Napoli con la famosissima canzone "Mentre tutto scorre" dei Negramaro, di cui c'era stato il concerto. Un'altra illustre esibizione si ebbe nel 2008 a Montesilvano, in provincia di Pescare, per la prima festa di quartiere organizzata dal comitato "Il Pellicano". A livello umanitario si esibì nel 2009, dopo i tragici avvenimenti relativi al terremoto in Abruzzo, nel comune di Poggio Picenze, in provincia dell'Aquila, alla festa patronale. In ambito religioso, nel 2011 la banda accompagnò la santa processione del Venerdì sull'Isola di Capri. P. G.

CulturaModifica

  • Cinema "Fellini"

AmministrazioneModifica

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2017.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 244.
  3. ^ Storia sacra della chiesa metropolitana di Capua, Napoli, 1766 ( disponibile online, su books.google.it. URL consultato il 7 febbraio 2009.)
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Caserta: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di caserta