Apri il menu principale
Diocesi di Ji-Paraná
Dioecesis Giparanensis
Chiesa latina
Suffraganea dell' arcidiocesi di Porto Velho
Regione ecclesiastica Noroeste
Sede vacante
Vescovi emeriti Bruno Pedron, S.D.B.
Sacerdoti 51 di cui 24 secolari e 27 regolari
9.686 battezzati per sacerdote
Religiosi 37 uomini, 34 donne
Diaconi 1 permanente
Abitanti 821.000
Battezzati 494.000 (60,2% del totale)
Superficie 81.390 km² in Brasile
Parrocchie 23
Erezione 3 gennaio 1978
Rito romano
Cattedrale San Giovanni Bosco
Indirizzo C.P. 182, Rua Marechal Rondon 400, 76900-036 Ji-Paraná, RO, Brazil
Sito web www.diocesedejiparana.org.br
Dati dall'Annuario pontificio 2017 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Brasile

La diocesi di Ji-Paraná (in latino: Dioecesis Giparanensis) è una sede della Chiesa cattolica in Brasile suffraganea dell'arcidiocesi di Porto Velho appartenente alla regione ecclesiastica Noroeste. Nel 2016 contava 494.000 battezzati su 821.000 abitanti. La sede è vacante.

Indice

TerritorioModifica

La diocesi comprende la parte centrale dello Stato brasiliano di Rondônia e l'estremo nord-ovest del Mato Grosso, per un totale di 29 comuni: Alta Floresta d'Oeste, Alto Alegre dos Parecis, Alvorada d'Oeste, Cacoal, Castanheiras, Espigão d'Oeste, Governador Jorge Teixeira, Jaru, Ji-Paraná, Ministro Andreazza, Mirante da Serra, Nova Brasilândia d'Oeste, Nova União, Novo Horizonte do Oeste, Ouro Preto do Oeste, Parecis, Pimenta Bueno, Presidente Médici, Primavera de Rondônia, Rolim de Moura, Santa Luzia d'Oeste, São Felipe d'Oeste, Teixeirópolis, Theobroma, Urupá, Vale do Paraíso, Vilhena, Chupinguaia e Rondolândia (MG).[1]

Sede vescovile è la città di Ji-Paraná, dove si trova la cattedrale di San Giovanni Bosco.

Il territorio si estende su una superficie di 81.390 km² ed è suddiviso in 23 parrocchie, raggruppate in 6 regioni pastorali.

StoriaModifica

La prelatura territoriale di Vila Rondônia fu eretta il 3 gennaio 1978 con la bolla Tametsi munus di papa Paolo VI, ricavandone il territorio dalle prelature territoriali di Porto Velho (oggi arcidiocesi) e di Guajará-Mirim (oggi diocesi).

Originariamente suffraganea dell'arcidiocesi di Manaus, il 4 ottobre 1982 entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Porto Velho.

Il 19 febbraio 1983 in forza della bolla Ab ipsa Ecclesiae di papa Giovanni Paolo II la prelatura territoriale è stata elevata a diocesi e ha assunto il nome attuale.

Il 23 dicembre 1997 ha ceduto una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Juína.

Cronotassi dei vescoviModifica

StatisticheModifica

La diocesi nel 2016 su una popolazione di 821.000 persone contava 494.000 battezzati, corrispondenti al 60,2% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1980 231.000 352.000 65,6 13 13 17.769 16 21 30
1990 400.000 500.000 80,0 43 7 36 9.302 44 69 20
1999 486.500 695.435 70,0 34 7 27 14.308 14 28 20
2000 457.500 750.000 61,0 60 15 45 7.625 57 70 20
2001 426.000 700.000 60,9 47 15 32 9.063 37 82 19
2002 500.000 700.000 71,4 51 16 35 9.803 39 71 19
2003 500.000 700.000 71,4 45 16 29 11.111 34 74 19
2004 480.000 709.938 67,6 48 21 27 10.000 31 63 19
2006 409.000 733.000 55,8 49 24 25 8.346 36 67 19
2013 455.000 801.000 56,8 59 32 27 7.711 38 38 22
2016 494.000 821.000 60,2 51 24 27 9.686 1 37 34 23

NoteModifica

  1. ^ Elenco dei comuni dal sito web della diocesi.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica