Apri il menu principale
Otricoli
Sede vescovile titolare
Dioecesis Otriculana
Chiesa latina
Arcivescovo titolare Mirosław Adamczyk
Istituita 1968
Stato Italia
Regione Umbria
Diocesi soppressa di Otricoli
Eretta ?
Soppressa VII secolo
aggregata alla diocesi di Narni
Dati dall'annuario pontificio
Sedi titolari cattoliche

La diocesi di Otricoli (in latino: Dioecesis Otriculana) è una sede soppressa e sede titolare della Chiesa cattolica.

Indice

StoriaModifica

Ocriculum, antico municipio romano nei pressi dell'odierna Otricoli, fu sede di un'antica diocesi dell'Umbria, attestata tra il V e il VII secolo.

Il primo vescovo documentato di Otricoli è Erculeo (o Erculio), che prese parte al concilio lateranense indetto da papa Felice III nel 487, sulla disciplina da adottare nei confronti dei vescovi e del clero africani che, a causa delle persecuzioni di Unnerico, avevano abiurato la fede cattolica. Il suo nome è associato ad una decretale dello stesso papa dell'anno successivo, in cui vengono affrontati i casi dei cristiani che hanno ricevuto dagli ariani un secondo battesimo. Una epigrafia scoperta a Narni ricorda la deposizione del vescovo Pancrazio il 5 ottobre 493, figlio di un altro vescovo, Pancrazio senior di sede ignota, e fratello di Erculeo, molto probabilmente il vescovo di Otricoli.[1]

Alla fine del V secolo è noto il vescovo Costantino, che prese parte nel 499 al concilio romano indetto da papa Simmaco nella basilica di San Pietro in Vaticano, dove furono stabilite delle norme per l'elezione del pontefice. Nel concilio indetto da papa Gelasio I nel 495 presero parte i vescovi Costanzo e Costantino, ma senza indicazione della sede di appartenenza; non è da escludere che uno di questi sia il vescovo di Otricoli documentato nel 499.[2]

Il VI secolo ha visto la presenza del santo vescovo Fulgenzio, vissuto all'epoca di Totila, re degli Ostrogoti, e ricordato nei Dialoghi di papa Gregorio Magno. Al santo si deve la scoperta delle reliquie di san Vittore, martire e patrono di Otricoli.[3]

Alla fine del secolo il vescovo Domenico prese parte al concilio romano indetto nel 595 da Gregorio Magno, e dove furono affrontati problemi relativi all'organizzazione e alla vita interna della Chiesa romana.[4]

Infine l'ultimo vescovo conosciuto è Marcello, il cui nome appare in una iscrizione di un architrave scoperta nei pressi di Otricoli, databile tra VI e VII secolo, e dove il vescovo (chiamato in questa occasione sacerdos) consacra un battistero.[5]

In seguito, della diocesi non si hanno più notizie, probabilmente scomparsa nello stesso periodo tra VI e VII secolo[6], ed il suo territorio fu inglobato in quello della diocesi di Narni.

Dal 1968 Otricoli è una sede vescovile titolare della Chiesa cattolica; l'attuale arcivescovo, titolo personale, titolare è Mirosław Adamczyk, nunzio apostolico a Panama.

Cronotassi dei vescoviModifica

Cronotassi dei vescovi titolariModifica

NoteModifica

  1. ^ Charles Pietri, Luce Pietri (ed.), Prosopographie chrétienne du Bas-Empire. 2. Prosopographie de l'Italie chrétienne (313-604), Roma, École française de Rome, 1999, vol. I, p. 980.
  2. ^ Pietri, Prosopographie de l'Italie chrétienne, I, p. 470.
  3. ^ Pietri, Prosopographie de l'Italie chrétienne, I, p. 878.
  4. ^ Pietri, Prosopographie de l'Italie chrétienne, I, p. 584.
  5. ^ Charles Pietri, Luce Pietri (ed.), Prosopographie chrétienne du Bas-Empire. 2. Prosopographie de l'Italie chrétienne (313-604), Roma, École française de Rome, 2000, vol. II, p. 1379.
  6. ^ Andrea Czortek, Una presenza che fa storia. La Chiesa in Umbria dalle origini alla metà del XX secolo, Cittadella Editrice, Assisi 2012, p. 22.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi