Discussione:Laico

Discussioni attive

Rollback?Modifica

La voce, credo esauriente e ben definita, dallo sviluppo organico e coeso, è stata solo di recente pesantemente rimareggiata, creandone una sostanzialmente diversa, caotica e imprecisa. In più credo sia molto facile vedere un intento pubblicitario di tal professore Pecora... Suggerisco Rollback all'ultima versione sviluppata organicamente, quella di Alec. Saluti --78.14.170.215 (msg) 01:50, 3 ott 2008 (CEST)


Frasi tolte perché riferentesi più al laicismo:Modifica

Il laicismo è formalmente vietato nelle forme di Stato teocratico come la Città del Vaticano ed alcuni paesi musulmani, in cui le leggi cui devono sottostare gli uomini sono diretta emanazione della legge divina e non sono ammesse deroghe o separazioni di alcun genere.
La laicità dello Stato è tema spesso dibattuto sia in Italia che in Europa in seguito all'approvazione della Costituzione Europea.

No stubModifica

Inserimento di testo tradotto da en.wikipedia; alcune parti riferite a buddismo, chiese metodiste e chiese episcopali mancano per mia ignoranza, le potete trovare come testo commentato all'interno della voce.

Il testo presistente è stato spostato alla voce "Ateismo" che credo sia la collocazione corretta (vedi [1]), insomma... laici e chierici esistono nel buddismo e nel cristianesimo qualche millennio prima dell'illuminismo, quindi direi che il termine "laico" sia di proprietà religiosa e non vada confuso con "affiliato a ideologie laiciste" o con "ateo"; se non siete d'accordo scrivete qua che ne discutiamo--Riccardov 12:32, 2 feb 2006 (CET)

Non NPOVModifica

Ho aggiunto il template Non-NPOV perché manca la definizione di Laico come "chi si ispira al laicismo". --Fiaschi 15:00, 2 mar 2006 (CET)

Beh, basta metterla, che problema c'è? don Paolo - dimmi che te ne pare 02:30, 3 mar 2006 (CET)
Beh certo :) però finché non si mette non è NPOV --Fiaschi 03:10, 3 mar 2006 (CET)
La frase è stata messa (certo che pigrizia su Wikipedia) ;).--Tantalas (Perdete ogni speranza o voi che entrate) 14:02, 3 mar 2006 (CET)

Qualche criticaModifica

Vedo definito il termine laico secondo i cristiani e secondo gli atei. Mi pare piuttosto comico, le due definizioni sono della lingua italiana, parlata da credenti e atei, e questa differenziazione mi pare fuoriluogo se non ridicola. Insomma io sono ateo, parlo italiano e anche per me "laico" significa non appartenente al clero, così come per un credente che parli italiano "laico" significa "chi rispetta la laicità dello stato" e etc...

Il termine "calcio" è definito come uno sport, come un colpo di piede e come un elemento chimico, ma non è che assume un significato per i calciatori, uno per i picchiatori e uno per i chimici. Sia per i chimici, sia per i calciatori, il termine calcio assume significati diversi.

Visto che c'è una confusione pazzesca tra i termini "laico", "laicità" e "laicismo", io propongo una cosa, di fare un redirect tra laicità e laico (tanto laicità è la qualità o la condizione di chi o ciò che è laico per ambedue le definizioni di laico), fare una disambigua che spieghi le due definizioni e creare due voci separate così da evitare di fare confusione nella stessa voce. Poi si discute di che farne di laicismo. --Fiaschi 14:52, 3 mar 2006 (CET)

  • +1 quoto Fiaschi (che sta diventando meno pigro....)--Tantalas (Perdete ogni speranza o voi che entrate) 16:25, 3 mar 2006 (CET)
  • -1 nella lingua italiana "laico" ha decine di significati diversi e sono elencati in testa all'articolo, il primo significato in ordine cronologico è "non appartenente al clero" e su questo significato si possono fare distinzioni per le varie confessioni religiose e scrivere un articolo; tutti gli altri significati sono della forma "non appartenente a gruppo X" e su gran parte di questi non serve un articolo ma due righe (come quella "laico = che si ispira al laicismo"); "laicità" è anche essa una parola che ha più significati, su quelli concernenti "separazione tra stato e chiesa" si può fare un articolo; su "condizione di chi è laico" bastano due righe... Tutto questo discorso per dire che laicità e laico conviene stiano su articoli diversi (ps: "calcio" fuori dal contesto è una parola con più significati, in un contesto ne assume uno solo, laico detto in chiesa non significa "laicista", ve lo posso assicurare ;) laico detto alla riunione del PCI non significa non appartenente al clero, ne sono ragionevoltmente certo) --Riccardov 01:14, 4 mar 2006 (CET)

testo alla voce "ateismo" eliminato visto che era un duplicato di laicismo, riguardo al "rispetto per la laicità dello stato" la sovranità in italia appartiene al popolo e non al clero, per cui la laicità dello stato è rispettata, ora voi mi urlerete dietro ma qui chiudiamo che wikipedia non è un forum di discussione --Riccardov 09:44, 4 mar 2006 (CET)

è? Ma cosa ci fa un fascista su wikipedia? --Fiaschi 12:58, 4 mar 2006 (CET)
non è meglio concentrarci sulla proposta "redirect di laicità su laico"? (ho spiegato bene perché non sono d'accordo?) --Riccardov 01:52, 5 mar 2006 (CET)

http://www.etimo.it/?term=laico spiega che laico viene da laos, che ha a che fare con popolo. Non so se il primo significato è quello del laico="non chierico", ma sicuramente è anteriore a laico="non confessionale". Direi... don Paolo - dimmi che te ne pare 19:14, 4 mar 2006 (CET)

NPOV?Modifica

dunque... correntemente quale è il motivo per cui questa voce viene considerata POV? vedo che laico->laicismo c'è, cosa manca?--Riccardov 00:27, 9 mar 2006 (CET)

Proposta antilitigiModifica

se non riusciamo a trovare un accordo spostiamo il significato religioso della voce "laico" a "laicato" (insieme dei laici) e rendiamo "laico" una disambiguation page con i significati presi dal dizionario di italiano che in soldoni dovrebbero essere

  • non appartenente al clero
  • monaco non prete
  • in Italia: non cattolico
  • teista, non aderente a nessuna confessione religiosa specifica
  • non religioso, ateo o agnostico
  • sostenitore del laicismo nello stato
  • generico: non facente parte di un gruppo X

ovviamente a me la voce come è ora va bene, ma se volete spostate pure --Riccardov 00:27, 9 mar 2006 (CET)

manca la definizione di "laico: non religioso" e "laico: monaco non prete", sono state tolte intenzionalmente? se no le reinserisco, se si perché? --Riccardov 19:02, 21 mar 2006 (CET)

Ragazzi, per favore mi potete fornire una fonte in cui il termine è usato secondo questa accezione: "Laico è anche una persona priva di pregiudizi. Ragionare laicamente è un'espressione usata per indicare un ragionamento che non parte da presupposti aprioristici e non sfocia in prese di posizione immodificabili" ? (Luca)

Scorporato uso religiosoModifica

ho scorporato l'uso religioso del termine laico in laicato, auspico però che questa voce non sia riempita con temi che meglio stanno in laicismo o laicità che dir si voglia

non dovrei aver fatto male a nessuno, mi date il bollino di laicità alla voce? --Riccardov 18:18, 27 mar 2006 (CEST)

restituiamo il vero significato alla parola LAICOModifica

Perchè non restituire il vero significato alla parola laico, cioé "fedele non appartenente al clero"? Riengo che tutti, compresi quelli che dicono di fare cultura - anzi soprattutto loro!, dovrebbero usare le parole per quello che vogliono dire e non inventarle, storpiandone il significato. Se la contrapposizione che si vuole indicare è tra il cittadino credente e quello non credente, chiamiamo i primi "laico" come è giusto che sia!, e i secondi "non credenti". Infatti il laico è un fedele non appartenente al clero di qualsiasi religione non solo quella cattolica. Credo che una volta per tutte sia necessario che l'italiano sia rispettato. Io sono laico nel vero senso della parola e non mi riconosco affatto nelle definizioni che si tenta in questi ultimi tempi di far passare solo per scopi propagandistici.

il problema è proprio di natura politica, il significato della parola laico è "non ordinato", di solito però la gente non conosce il significato vero di questa parola, mentre sa benissimo che vuol dire la parola ateo, quando i politici si dicono laici lo fanno per "confondere" l'elettore credente, che sa con certezza cosa significa ateo ma non sa esattamente cosa significa la parola laico, in poche parole è un modo più soft di definirsi ateo...laici sono tutti tranne i sacerdoti, in questi rientrano anche suore e monaci, che come sappiamo sono sicuramente credenti. Delle altre religioni non vi so dire perchè non le conosco, però penso che la stessa cosa valga ad esempio per gli imam...direi quindi che sia più corretto dire cosa significa la parola laico attenendoci al significato dei dizionari e non dalle ideologie politiche visto che la lingua italiana non deve essere cambiata a piacimento per motivi futili come quello di cercare di prendere più voti




Non esiste un "vero significato" di una parola. Il significato di una parola è l'uso che se ne fa. E non è neanche vero che il primo significato della parola laico è quello di non ecclesiastico, giacché laico per la lingua greca è chi non appartiene a una comunità chiusa. Parola usata ben prima della nascita di Cristo e del formarsi dell'organizzazione ecclesiastica.

Se poi qualcuno vuol farsi i vocabolari a testa propriA può anche scriverli e tenerseli in casa, ma non può farlo in una enciclopedia pubblica e libera.

Segnalo che continuamente avvengono vandalismi dai soliti ignoti che cancellano parti della voce senza firmarsi.

Forse sarebbe opportuno chiudere la voce ai non iscritti.

Mazzamauriello (msg) 11:29, 6 gen 2010 (CET)

Mi associo alla richiesta di Mazzamauriello, mi sembra sensata ed aperta comunque alle modifiche, ma di persone rintracciabili.

Ritengo che l'italiano sia una lingua viva, e mi ritengo laico. --Lungoleno (msg) 10:55, 10 gen 2010 (CET)

massoneria e laicitàModifica

nella definizione data, chi è in massoneria può proclamarsi laico, in quanto non si sottomette ad autorità di tipo monastico, ma devo solo conformarsi alle regole come in qualsiasi altra comunità, altrimenti non dovrebbe proclamarsi laico nessuno che abbia un tessere anche del supermecato.--Mosaico (msg) 23:11, 11 ott 2011 (CEST)

CategorizzazioneModifica

Controllare la categorizzazione, vedere Discussioni categoria:Personalità religiose#Personalità religiose, vago e lascia fuori vari argomenti

"non ordinato sacerdote o non appartenente a congregazioni religiose"Modifica

Nella voce leggo: "Nel significato puro ed originario del termine, ancora utilizzato in ambito religioso invece, il laico è un fedele della religione cattolica non ordinato sacerdote o non appartenente a congregazioni religiose. "

Quindi un chierico che fosse diacono o suddiacono o di uno degli ordini minori era considerato laico?

E perché solo che apparteneva a una congregazione religiosa era considerato non laico? Chi apparteneva a un ordine religioso cattolico o più in generale a un istituto religioso che non fosse una congregazione religiosa era considerato laico? --Meridiana solare (msg) 18:37, 8 apr 2021 (CEST)

Ritorna alla pagina "Laico".