Apri il menu principale

Don Bosco (film 1935)

film del 1935 diretto da Goffredo Alessandrini
Don Bosco
Paese di produzioneItalia
Anno1935
Durata90 min
Dati tecniciB/N
Generebiografico
RegiaGoffredo Alessandrini
SoggettoOnorato Castellino, Rufillo Uguccioni
SceneggiaturaGoffredo Alessandrini, Sergio Amidei, Aldo Vergano
Casa di produzioneLux Film
FotografiaArturo Gallea
MontaggioGiorgio Simonelli
MusicheGiorgio Federico Ghedini, Gian Francesco Malipiero
ScenografiaTeonesto De Abate
Interpreti e personaggi

Don Bosco è un film del 1935, diretto dal regista Goffredo Alessandrini.

TramaModifica

Appartenente ad una famiglia contadina di una frazione collinare del Monferrato, Giovannino Bosco, grazie all'interessamento del cappellano don Calosso viene avviato agli studi ginnasiali, ed in seguito seminariali, a Chieri, dove stringe amicizia in particolare con Luigi Comollo, la cui dipartita lo segnerà profondamente.

Ordinato sacerdote nel 1841, don Bosco frequenta le carceri, e si interessa dei ragazzi disagiati, con i quali fonda il suo primo oratorio, che lo porterà a diverse contrapposizioni con il vicinato e le autorità locali, per l'irruenza dei suoi ragazzi. In esso chiamerà in aiuto la madre Margherita.

Seguono l'avvio delle scuole professionali ed agricole, e, nel 1859, la fondazione dei Salesiani, coadiuvato da 22 compagni, fra i quali il compaesano Giovanni Cagliero. Dopo aver dato l'avvio nel 1872 alla controparte femminile dell'ordine, le Figlie di Maria Ausiliatrice, don Bosco inizia ad organizzare l'attività missionaria, che porterà ad un'espansione dei Salesiani in tutto il mondo.

Affidata la propria successione a Michele Rua, Giovanni Bosco si spegne nel 1888 a Valdocco. Nel 1934 Papa Pio XI eleva il sacerdote piemontese all'onore degli altari.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema