Apri il menu principale
Enea Silvio Recagno
ENEA SILVIO RECAGNO.jpg
Enea Silvio Recagno
11 gennaio 1900 – 15 aprile 1936
Nato aCogoleto
Morto aGenova
Cause della morteIncidente di volo
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armataRegia aeronautica
GradoMaggiore
voci di militari presenti su Wikipedia

Enea Silvio Recagno (Cogoleto, 11 gennaio 1900Genova, 15 aprile 1936) è stato un aviatore italiano. Maggiore della Regia Aeronautica, partecipò nelle Crociere Atlantiche organizzate da Italo Balbo.

Fu capitano nella marina mercantile; nel 1925 decisa di entrare nella neonata Regia Aeronautica. Collaudò diversi tipi di aeromobili: nel 1926 effettuò lanci di idrovolanti con catapulte ad aria compressa, mentre l'anno successivo, con Prospero Freri, testò un nuovo tipo di paracadute, il "Salvador".

Nel 1929 partecipò alla Crociera Aerea nel Mediterraneo Orientale, durante il quale toccò Odessa, Costanza e Istanbul. Fece poi parte, su richiesta di Italo Balbo, della prima squadra atlantica nella crociera aerea transatlantica Italia-Brasile e successivamente nella Crociera aerea del Decennale, come comandante di squadriglia.

Promosso maggiore, fu per breve tempo imbarcato sulla nave appoggio aerei Giuseppe Miraglia; in seguito assunse in Libia il comando dell'aeroporto militare di Mellaha.

Morì il 15 aprile 1936, per un guasto al motore dell'aereo da turismo col quale stava decollando da Genova. Italo Balbo gli dedicò l'aeroporto di Castel Benito, a circa 25 km a sud di Tripoli.

BibliografiaModifica

  • Diego Recagno, Vita di Enea Silvio Recagno, Editore Lega Navale C.V.C. (1983)