Enrico I di Werle

Signore di Werle-Güstrow
Enrico I di Werle
Signore di Werle-Güstrow
Stemma
In carica 1277-1291
Predecessore Nicola I di Werle
Successore Enrico II di Werle
Nicola di Werle-Güstrow
Morte 8 ottobre 1291
Luogo di sepoltura Duomo di Doberan
Casa reale Casato di Meclemburgo
Padre Nicola I
Religione cristiana

Enrico I di Werle (... – Saal, 8 ottobre 1291) è stato un principe di Meclemburgo signore di Werle e di Werle-Güstrow.

BiografiaModifica

 
Memoriale della casata di Werle nel duomo di Doberan

Enrico I era figlio di Nicola I di Werle. Alla morte del padre, nel 1277, Enrico e suo fratello Giovanni I governarono insieme la signoria di Werle fino al 1281, poi suddivisero la signoria. Enrico diede luogo alla linea Werle-Güstrow e Giovanni alla linea Werle-Parchim.[1]

Enrico fu ucciso l'8 ottobre 1291, durante una battuta di caccia, dai suoi figli Enrico II e Nicola, nati dal suo primo matrimonio, che vedevano la loro eredità minacciata a causa del secondo matrimonio del padre con Matilde di Brunswick-Lünebug.[2]

L'uccisione di Enrico I fornì al nipote Nicola II l'occasione per muovere guerra ai cugini e preendersi così la loro parte della signoria di Werle. Egli riuscì nell'intento nel 1294 in cui Enrico II e Nicola furono spodestati e la signoria di Werle riunifica.[1]

Enrico è sepolto nel Duomo di Doberan.

Enrico I è stato sposato due volte.[3] Il primo matrimonio fu nel 1262 con Rikissa Birgersdotter (morta nel 1288), da cui ebbe tre figli:[4]

Il secondo matrimonio fu nel 1291 con Matilde di Brunswick-Lüneburg (morta nel 1302), figlia di Giovanni di Brunswick, duca di Luneburg.[3]

NoteModifica

  1. ^ a b Wieden, Op. citata, pag. 589
  2. ^ Wigger, Op. citata, pag. 224-226
  3. ^ a b Wigger, Op. citata, pag. 224
  4. ^ Wigger, Op. citata, pag. 226-228

BibliografiaModifica

  • (DE) Helge Bei der Wieden, Mecklenburg, su deutsche-biographie.de, Bayerischen Staatsbibliothek.
  • (LA) Arnoldo di Lubecca, Arnoldi Cronica Slavorum, Scriptores rerum Germanicarum in usum scholarum separatim editi, Hannover 1868, Monumenta Germaniae Historica. URL consultato il 22 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 26 settembre 2015).
  • Helmold di Bosau, Chronica Slavorum, Scriptores rerum Germanicarum in usum scholarum separatim editi, Hannover 1937, Monumenta Germaniae Historica. URL consultato il 22 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2019).
  • (DE) Friedrich Wigger, Stammtafeln des Großherzoglichen Hauses von Meklenburg, in Jahrbücher des Vereins für Mecklenburgische Geschichte und Altertumskunde, Band 50 (1885), Duncker & Humblot, Leipzig 1876, p. 111-326 (archiviato il 3 luglio 2012).

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN81301673 · CERL cnp01163865 · GND (DE137058756