Apri il menu principale

Episodi di Boris (seconda stagione)

lista di episodi della seconda stagione

1leftarrow blue.svgVoce principale: Boris (serie televisiva).

Logo di Boris 2

La seconda stagione della serie televisiva Boris – intitolata Boris 2 – è stata trasmessa in prima visione in Italia sul satellite da Fox dal 12 maggio al 28 luglio 2008, ed in chiaro sul digitale terrestre da Cielo dal 5 febbraio al 26 febbraio 2010.

Titolo Prima TV Italia
1 La mia Africa (prima parte) 12 maggio 2008
2 La mia Africa (seconda parte) 12 maggio 2008
3 Chi si salverà? 19 maggio 2008
4 Il travestimento è saltato 26 maggio 2008
5 L'affaire Martellone 2 giugno 2008
6 No logo 9 giugno 2008
7 A morte il conte 16 giugno 2008
8 Il cielo sopra Stanis 23 giugno 2008
9 La figlia di Mazinga 30 giugno 2008
10 Un tuzzo 7 luglio 2008
11 L'Italia che lavora 14 luglio 2008
12 Usa la forza, Ferretti 21 luglio 2008
13 Il sordomuto, il senatore e gli equilibri del Paese (prima parte) 28 luglio 2008
14 Il sordomuto, il senatore e gli equilibri del Paese (seconda parte) 28 luglio 2008

La mia Africa (prima parte)Modifica

TramaModifica

La serie televisiva Gli occhi del cuore continua a far registrare dati di ascolto molto buoni e questo genera euforia nella troupe. Nel frattempo la direzione di rete comunica che la protagonista Corinna non farà più parte del cast in quanto destinata ad una nuova fiction su Madre Teresa di Calcutta. Di conseguenza in questa puntata della serie, ambientata in Africa, si organizza l'uscita di scena di Corinna. Durante le riprese lo stagista Alessandro ha un incidente piuttosto serio, ma viene "esortato" a continuare la sua attività sul set tra mille difficoltà ed inconvenienti. Infatti per un malinteso manda via Cristina, la nuova attrice protagonista della serie, senza che nessuno si accorga del grave errore. Inoltre, ancora frastornato, entra sbadatamente in campo rovinando una scena che René tentava faticosamente di portare a termine. Per questo si attira l'ira del regista e di tutta la troupe.

La mia Africa (seconda parte)Modifica

TramaModifica

Alessandro si trova in un mare di guai per i problemi che sta creando alla realizzazione della fiction. In più sente la responsabilità del fatto di aver allontanato per errore la nuova protagonista della serie, Cristina, che tutti stanno aspettando per terminare la giornata di riprese, la quale è figlia di un influente industriale di cui tutti hanno timore. Dopo una lunga ricerca e molte supposizioni da più parti, si riesce finalmente a contattare la ragazza e a convincerla a tornare negli studi di registrazione. Al suo arrivo Sergio scopre qual è stato il vero motivo della sua assenza e decide di punire severamente lo stagista, ma la nuova attrice si dimostra molto comprensiva con quest'ultimo e lo perdona. Si può così terminare la scena in cui Corinna passa idealmente il testimone alla nuova protagonista della serie. Infine Alessandro afflitto dalla situazione è pronto a rinunciare al proprio incarico ma Arianna, nascondendo un certo debole per lui, lo avvisa che quel posto non glielo toglierà nessuno

Chi si salverà?Modifica

TramaModifica

Lopez informa René della volontà della rete di ridurre la troupe, lasciando quindi al regista il compito e la responsabilità di scegliere la persona da licenziare. Si offre di aiutarlo Sergio, che, dopo aver verificato l'inoperosità ed il pressappochismo di gran parte della troupe, si rende conto che l'unica persona a non avere una raccomandazione, e quindi l'unica licenziabile, è la truccatrice Gloria, che scoppia in lacrime dopo aver ricevuto la notizia.

In questa puntata vi è inoltre l'esordio (dopo una brevissima apparizione nella puntata precedente) nella serie di Corrado Guzzanti, che interpreta Mariano Giusti, attore con disturbi della personalità che all'interno de Gli occhi del cuore ricopre il ruolo del Conte, il malvagio proprietario della clinica in cui è ambientata la fiction. Mariano, dopo avere causato enormi problemi a tutta la troupe durante le riprese della stagione precedente, ha avuto una visione religiosa che gli ha suggerito di abbandonare Gli occhi del cuore e che lo spinge, invano, a cercare a tutti i costi di convincere Lopez a sceglierlo per la parte del protagonista della fiction su Padre Frediani che la rete si accinge a produrre. Nella puntata viene alla luce il carattere violento, irascibile e instabile di Mariano, e a farne le spese sarà Alessandro, il quale viene incaricato da Arianna di seguirlo durante tutta la giornata per evitare che causi eccessivi danni.

Il travestimento è saltatoModifica

TramaModifica

La direzione di rete vuole introdurre nella fiction un elemento di sensualità rappresentato dall'affascinante Karin, nel ruolo di un commissario molto provocante. Quest'ultima entra subito in contrasto con la personalità di Arianna, mettendo in difficoltà il regista René Ferretti che deve districarsi tra le due. Intanto la truccatrice Gloria è infuriata per avere perso il posto di lavoro a causa dell'allontanamento dell'ex protagonista, quindi si raccomanda con René per trovare un nuovo posto di lavoro e questi l'aiuta. Anche Biascica ha dei problemi interiori che cerca di risolvere in modo insolito con la psicoanalisi. Alessandro confida ad Arianna di voler lasciare la propria ragazza e di nutrire qualcosa per lei, ma riceve una brusca risposta. Durante le riprese si accentua lo scontro tra Karin e René a causa della presenza di Arianna sul set. Il regista e l'attrice hanno una lite nella quale Karin minaccia rappresaglie nei confronti del povero René.

L'affaire MartelloneModifica

TramaModifica

Il personaggio comico della serie, Nando Martellone, è protagonista di uno scandalo in cui, a seguito di un festino a base di alcol e droga tenutosi in casa sua, una transessuale cade in overdose e lui viene indagato. Gli sceneggiatori decidono di far morire nella fiction il notaio interpretato da Martellone, il quale però tenta in tutti i modi di rientrare in gioco. E grazie ad una delle innumerevoli sotto-trame della storia rimaste in sospeso per le quali la sua presenza è indispensabile, riesce a non farsi cacciare completamente dal cast, così invece di morire viene destinato soltanto ad una situazione di "coma". Comunque la produzione ha in serbo per lui un nuovo ruolo in un reality chiamato la "Casa Senza Bagno", nella quale riscuoterà grande successo. Intanto Stanis continua a provarci con la nuova attrice Cristina, ma rimedia soltanto brutte figure, anche se ha costretto Alessandro a fare una scommessa con lui sul successo delle sue avances.

Modifica

TramaModifica

René Ferretti e il produttore Sergio si mettono d'accordo con Glauco per inserire in una puntata della fiction della pubblicità occulta. Il vero regista dell'operazione è proprio Glauco che con l'occasione partecipa attivamente alle riprese incriminate, avendo una notevole esperienza e bravura in questo genere di cose. Visto che ciò è illegale si tenta di nascondere il più possibile alla troupe questo fatto, ma alla fine sono in molti ad entrare nel gioco in maniera interessata, ad eccezione di Stanis, che viene ritenuto l'unico a poter creare dei veri impedimenti alla riuscita dell'operazione. Nel frattempo sta andando in crisi il rapporto tra Alessandro e la sua fidanzata, che lo raggiunge a Roma per ottenere un chiarimento con lui. Ma si rende conto che ormai lo stagista non ha più lei nel cuore, per cui decide di troncare definitivamente la relazione. Le riprese vanno avanti difficilmente perché la scena della pubblicità occulta non si riesce ad inserire nel contesto della trama della serie, finché non interviene Glauco, che con molta fantasia, riesce ad ottenere il risultato aspettato. La presenza di Glauco preoccupa Duccio poiché teme sia venuto a soffiargli il posto, ma si rassicura quando Glauco, a modo suo, gli confida che quel posto di lavoro gli fa schifo e con i soldi che si guadagnano in un anno lui si paga a malapena la villa a Johannesburg. Al termine della giornata di riprese anche Stanis scopre la macchinazione e rimprovera severamente René Ferretti, ottenendo in cambio una nuova scena di pubblicità occulta in favore di una ditta di un amico.

A morte il conteModifica

TramaModifica

Tra i personaggi della serie entra in scena Mariano Giusti, l'attore che interpreta il conte, il quale vive in maniera molto burrascosa i suoi drammi interiori con la fede, dando pericolosi segni di squilibrio. In particolare ogni volta che sente una bestemmia, si scatena e distrugge tutto ciò che gli sta intorno. La produzione vieta quindi di bestemmiare a tutto il gruppo, e ciò provoca malumori specialmente a Biascica, sempre più in crisi con sé stesso.

Inoltre Mariano, in preda ad una crisi mistica e sempre convinto di voler abbandonare "Gli occhi del cuore" per provare ad ottenere un posto nella fiction dedicata a Padre Frediani, provoca una serie di problemi al regista poiché si rifiuta di girare alcune scene; solo alla fine viene convinto e si riescono così a portare a termine le riprese della scena del conte.

Alessandro ha un nuovo problema, questa volta è stato sfrattato da casa ed è alla ricerca di una nuova sistemazione ma non riesce a trovare niente che lo soddisfi. Dopo aver ricevuto molti rifiuti, e le inconsuete proposte di Mariano e Stanis, non trovando niente di meglio è costretto a passare la notte all'interno degli studi televisivi. Qui casualmente incontra Karin con la quale passa una notte di passione amorosa, ma la mattina seguente vengono scoperti da Arianna.

Il cielo sopra StanisModifica

TramaModifica

Arianna si scopre gelosa e irritata del legame appena scoperto tra Alessandro e Karin, ma cerca in tutti i modi di non darlo a vedere. Tuttavia, per la prima volta, appare nervosa e distratta, fino a compiere piccoli errori nell'organizzazione della troupe. A fine giornata è talmente scossa da scoppiare in un pianto solitario in macchina. René, venuto a conoscenza della situazione di Alessandro lo invita a stare a casa sua, approfittandone per affidargli tutti i compiti di manutenzione e pulizia della casa.

Le scene da girare in giornata riguardano tutte Cristina e Stanis, il cui personaggio deve recitare un importante monologo in carcere: per l'importanza e la drammaticità di tale scena, Stanis invita il regista Wim Wenders ad assistere alle riprese, e, nonostante René voglia girare più di 14 minuti, Stanis si rifiuta di recitare la scena più importante fin quando non sarà arrivato il famoso regista per vederlo. Cristina, inoltre, stanca del set, inventa una scusa e dice a René di essere a New York. Per risolvere la situazione, Arianna chiama Beatrice Di Mauro, che interpreta il ruolo del Magistrato Pardieri, attrice che si rivela stranamente seria e professionale. Alla fine della giornata, con Wim Wenders che non si fa vivo, René riesce a convincere Stanis a girare la scena principale del suo monologo in carcere.

Nel frattempo, rientra sul set Pinuccio, l'operatore che era stato temporaneamente sostituito da Lorenzo che aveva finalmente avuto la possibilità di abbandonare il ruolo di schiavo. Sergio approfitta della situazione licenziando definitivamente Pinuccio per assumere al suo posto Lorenzo, a un salario notevolmente inferiore.

La figlia di MazingaModifica

TramaModifica

René Ferretti viene convocato dal direttore di rete per comunicargli l'affidamento di una nuova serie televisiva: "Machiavelli". Tuttavia il regista interpreta il fatto come la volontà di allontanarlo dal lavoro per un po' di tempo, essendo noto che quella serie non rientra nei piani dell'azienda per cui lavora. Nel gruppo intanto cresce il malcontento verso la nuova protagonista Cristina, della quale è nota a tutti la protezione del padre (il ricco finanziere "Avola Burkstaller" soprannominato Mazinga). A René, sempre più preoccupato per la notizia ricevuta, viene invece chiesto di proteggere ed aiutare la ragazza, ma questa non riesce a sostenere le condizioni di lavoro a cui viene sottoposta ed ha un lieve malore.

Lorenzo, promosso da "schiavo" ad aiutante alla fotografia, si scontra con i nuovi colleghi che non hanno la sua stessa passione per il lavoro, anzi, ritenendolo un pericoloso "esempio" per il gruppo, decidono di punirlo con una lezione in stile militaresco.

Un tuzzoModifica

TramaModifica

Le scene della giornata sono rese difficoltose dal mancato feeling sul set tra Karin e Stanis, dalla mancata convinzione da parte di Cristina circa la qualità delle scene che deve interpretare e dalla delusione di René dopo la notizia di Machiavelli. A complicare la situazione, Duccio approfitta delle continue pause sul set per rivendere, a chiunque gli capiti sotto tiro, parte dei saraghi pescati il giorno prima.

La situazione si risolverà grazie ad Arianna che rassicurerà, mentendo, Stanis circa il proprio fascino e con René che tirerà uno schiaffo a Cristina per convincerla a girare.

A fine giornata René si allontana dal set convinto che la sua carriera sia ormai giunta al termine; Stanis si scopre innamorato di Arianna; Alessandro lascia Karin, ormai conscio delle profonde differenze caratteriali esistenti tra loro; e viene rivelato che la quasi totalità della troupe ha partecipato il giorno precedente ad un pestaggio collettivo ai danni di Lorenzo, resosi colpevole di un eccesso di zelo nel proprio lavoro.

L'Italia che lavoraModifica

TramaModifica

Sergio, ricevuti 25 mila euro dalla produzione e costretto a fatturare più del solito, paga gli straordinari di Libeccio a Biascica, che guarisce di colpo da tutti i suoi mali interiori. René, intanto, è in ansia per il suo nuovo incarico, e comincia ad esser tormentato da Sandroni, il regista suicida a cui era stata inizialmente commissionata la direzione di Machiavelli. Sul set, e durante un'intervista per la televisione, si intuiscono intanto i primi dissapori tra Padre Gabrielli e Mariano, quest'ultimo ormai stufo de Gli occhi del cuore e sempre più intenzionato ad interpretare la fiction su Padre Frediani.

Nell'episodio, inoltre, si viene anche a conoscenza che sia Stanis che Alessandro sono innamorati di Arianna: il divo alla fine della sua prima rappresentazione teatrale si dichiarerà apertamente all'aiuto-regista.

Usa la forza, FerrettiModifica

TramaModifica

Durante la giornata, René viene sostituito da Duccio, che tuttavia riesce a terminare poche scene di qualità molto scadente. Nel corso delle riprese, inoltre, Cristina si mostra sempre più scettica sul suo ruolo di attrice e sul soggetto de Gli occhi del cuore. Alla fine delle riprese Arianna cede all'insistente corteggiamento di Stanis e accetta di uscire a cena con lui. Tuttavia, per sopportare la noiosa serata beve troppo e finisce ubriaca a letto con il divo.

René, nel frattempo è negli uffici della rete, ricercando maggiori informazioni su Machiavelli: tutto ciò riuscirà ad ottenere, tuttavia, è l'incontro con Ettore Fabiani, alias Tarzanetto (il cui nome gli era stato comunicato nella puntata precedente dal fantasma di Sandroni): troverà un uomo completamente avulso dalla realtà, terrorizzato al solo sentir pronunciare la parola Machiavelli.

Il sordomuto, il senatore e gli equilibri del Paese (prima parte)Modifica

TramaModifica

Arianna, frastornata dopo la notte con Stanis, scopre di aver dimenticato di convocare un attore. Alessandro la tira fuori dai guai interpretando il ruolo vacante, quello del sordomuto che viene maltrattato dal Magistrato Pardieri. Tale scena viene fatta ripetere più volte per il divertimento generale della troupe, senza che Alessandro, con il morale a terra dopo aver appreso della notte di Stanis e Arianna, si lamenti. Alla fine della giornata, però, Arianna confida ad Alessandro che quanto successo la notte precedente è stato solo un errore, e di provare qualcosa per lui, con il quale tuttavia intende solamente avere rapporti professionali. Successivamente Stanis, in un impeto di vanità, comunica ad Arianna (intimamente contenta di ciò che sente) di non voler dare seguito alla loro storia.

Durante la puntata, Cristina cerca in tutti i modi, anche ricorrendo all'avvocato di famiglia, di lasciare la fiction; ma il padre è restio a pagare la clausola di scioglimento del contratto con la rete.

Alla fine dell'episodio Lopez comunica a René che probabilmente alcune scene dovranno essere rigirate per venire incontro ai nuovi equilibri politici del paese all'indomani delle elezioni.

Il sordomuto, il senatore e gli equilibri del Paese (seconda parte)Modifica

TramaModifica

Le scene da girare si svolgono tra l'incertezza su come terminerà Gli occhi del cuore, dato che l'ultima puntata sarà influenzata dai risultati degli exit-polls: alla notizia di un sostanziale pareggio elettorale, viene deciso di far ricadere la colpa dell'uccisione del conte sul Magistrato Pardieri (che alla fine della puntata uccide il commissario Gusberti, facendo così uscire di scena l'attrice Karin, sostituita nel ruolo di bellona da un'attrice maggiormente raccomandata). Nel corso dell'ultima puntata, anche Cristina riesce a fare in modo che il suo personaggio esca di scena.

Nel frattempo, Mariano, ormai stanco della strada che la sua carriera ha intrapreso, uccide Padre Gabrielli. Una forte svolta avviene anche nella vita di Lorenzo, il cui zio diviene parlamentare.

Alla fine della giornata, mentre Arianna e Alessandro si baciano dietro una quinta, René, riconfermato dalla produzione, a sorpresa, annuncia di lasciare Gli occhi del cuore per iniziare a girare Machiavelli.

La puntata si conclude con un flash-forward che mostra René con l'intera troupe mentre gira una scena di Machiavelli.

Altri progettiModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione