Europa di notte

film documentario del 1958 diretto da Alessandro Blasetti
Europa di notte
Titolo originaleEuropa di notte
Paese di produzioneItalia
Anno1959
Durata102 min
Generedocumentario
RegiaAlessandro Blasetti
SoggettoEnnio De Concini
SceneggiaturaEnnio De Concini
ProduttoreFabio Jegher - Avers Film
Produttore esecutivoFabio Jegher
FotografiaGábor Pogány
MontaggioMario Serandrei
MusicheCarlo Savina
ScenografiaFlavio Mogherini
Interpreti e personaggi

Europa di notte è un film documentario del 1959 diretto da Alessandro Blasetti, prodotto da Fabio Jegher.

TramaModifica

Uno spettacolo televisivo, mandato in onda a Roma, Parigi e Bruxelles, apre una scorribanda notturna attraverso i tabarin e i locali alla moda delle principali città d'Europa. Londra, Parigi, Vienna, Madrid sono le tappe più importanti di questo viaggio, i cui episodi sono costituiti da vari “numeri” eseguiti dai più celebri artisti e dai più noti complessi di varietà di fama internazionale. Balletti, spogliarelli, canzoni, giochi di prestigio si succedono e si alternano, finché le prime luci dell'alba metton termine alla rassegna.

Il filmModifica

Così il regista descrisse il film: «Questa volta me ne uscivo addirittura con l'assurdo: una frantumazione ancora più provocante del racconto unico, uno spezzatino di documentari ammucchiati in chissà quale guazzabuglio e in chissà quale padellone filmico. Proponevo niente di meno che lo spettacolo-documento, documento - in quel caso - dei più validi e rari numeri d'arte varia, a volte prodigiosi, che si producevano ancora brillantemente a quei tempi, 1956, da Madrid a Parigi, da Berlino a Londra e di cui in breve volgere di anni non sarebbe rimasta traccia».[1]

NoteModifica

  1. ^ Alessandro Blasetti, Cinema Nuovo, n. 246, 1978; citato in Gianfranco Gori, Alessandro Blasetti. Firenze, La nuova Italia, 1984. p. 96

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema