Finale della Coppa delle Coppe 1963-1964

1leftarrow blue.svgVoce principale: Coppa delle Coppe 1963-1964.

Finale della Coppa delle Coppe 1963-1964
Stade Roi Baudouin.JPG
Lo stadio Heysel teatro della spettacolare finale
Informazioni generali
SportFootball pictogram.svg Calcio
CompetizioneCoppa delle Coppe 1963-1964
Data13 maggio 1964
CittàBruxelles
ImpiantoHeysel
Spettatori3 208
Dettagli dell'incontro
Sporting Lisbona MTK Budapest
3 3
ArbitroBelgio Lucien van Nuffel
Successione
← Finale della Coppa delle Coppe 1962-1963 Finale della Coppa delle Coppe 1964-1965 →
Replay
Informazioni generali
SportFootball pictogram.svg Calcio
CompetizioneCoppa delle Coppe 1963-1964
Data15 maggio 1964
CittàAnversa
ImpiantoBosuilstadion
Spettatori13 924
Dettagli dell'incontro
Sporting Lisbona MTK Budapest
1 0
ArbitroBelgio Gérard Versyp
Successione
← Finale della Coppa delle Coppe 1962-1963 Finale della Coppa delle Coppe 1964-1965 →

La finale della 4ª edizione della Coppa delle Coppe UEFA fu ricordata per essere stata la seconda a terminare in parità e fu necessaria la ripetizione per assegnare il trofeo al vincitore. La prima gara si disputò il 13 maggio 1964 all'Heysel di Bruxelles tra Sporting Lisbona e MTK Budapest. All'incontro hanno assistito circa 3 000 spettatori. La partita, arbitrata dal belga Lucien van Nuffel, finì 3-3 dopo i supplementari e fu necessario il replay della gara, poiché all'epoca non erano previsti i tiri di rigore per la finale.

La seconda gara si disputò dopo due giorni, il 15 maggio, al Bosuilstadion di Anversa e la partita fu arbitrata dal belga Gérard Versyp. All'incontro assistettero circa 14 000 spettatori e il match terminò 1-0 per i portoghesi.

Il cammino verso la finaleModifica

Lo Sporting Lisbona esordì contro gli italiani dell'Atalanta perdendo 2-0 a Bergamo e vincendo 3-1 a Lisbona. Non essendo ancora stata introdotta la regola dei gol fuori casa fu necessario uno spareggio che condannò gli Orobici, i quali persero 3-1 dopo i tempi supplementari. Agli ottavi di finale i ciprioti dell'APOEL furono battuti in casa con un umiliante 16-1, che rese la trasferta a Nicosia una mera formalità e la partita finì 2-0. Ai quarti i Leões affrontarono gli inglesi del Manchester Utd, perdendo all'andata per 4-1 e vincendo al ritorno con un sonoro 5-0 che ribaltò la disfatta dell'Old Trafford. In semifinale i francesi dell'Olympique Lione furono sconfitti in gara 3 per 1-0, dopo che i due match di andata e ritorno si conclusero in parità.

L'MTK Budapest di Béla Volentik iniziò il cammino europeo contro i bulgari dello Slavia Sofia, battendoli con un risultato complessivo di 2-1. Agli ottavi contro i tedeschi orientali del Motor Zwickau fu necessaria una prova di forza in Ungheria per ribaltare l'1-0 subito nella DDR e la partita terminò 2-0. Ai quarti di finale i turchi del Fenerbahçe, furono sconfitti in gara 3 per 1-0, dopo che all'andata la squadra di Budapest vinse in casa 2-0 e perse in trasferta 3-1. In semifinale gli scozzesi del Celtic vinsero a Glasgow 3-0 ipotecando il passaggio in finale, ma nel retour match i sorprendenti ungheresi vinsero 4-0 staccando il pass per la finale di Bruxelles.

Le partiteModifica

A Bruxelles si incontrano lo Sporting, che giunge in finale nonostante due spareggi giocati, e l'MTK, prima squadra ungherese ad aver raggiunto una finale europea.[1] Il match è ricco di emozioni con gli ungheresi che si portano in vantaggio intorno al 20' e i biancoverdi che chiudono la prima frazione sul 2-1. La squadra di Budapest riesce a ribaltare il risultato e a dieci minuti dal termine conduce per 3-2, ma il gol di Ernesto Figueiredo spegne i sogni dei biancazzurri e porta il match ai supplementari. Finisce 3-3 ed è necessario lo spareggio.

Due giorni dopo ad Anversa scendono in campo quasi gli stessi 22 ad eccezione di José Pérides, ma il vero protagonista della serata è João Morais che realizza il gol della vittoria direttamente da calcio d'angolo, divenuto celebre come o cantinho de Morais. Lo Sporting vince così il suo primo e unico titolo europeo, ma è altresì l'unica squadra lusitana ad aver trionfato in Coppa delle Coppe.[2]

TabelliniModifica

FinaleModifica

Bruxelles
13 maggio 1964, ore 19:30
Sporting Lisbona3 – 3
(d.t.s.)
referto
MTK BudapestHeysel (3 208 spett.)
Arbitro:   Lucien van Nuffel

Sporting CP
MTK Budapest
P 1   Joaquim Carvalho
D 2   Pedro Gomes
D 5   Alexandre Baptista
D 4   José Carlos
D 3   João Morais
C 6   Fernando Mendes
C 7   Geo Carvalho
C 8   Mascarenhas
C 11   Osvaldo Da Silva
A 10   Ernesto Figueiredo
A 9   Bé Bocareli
Allenatore:
  Anselmo Fernández
P 1   Ferenc Kovalik
D 2   György Keszei
D 4   József Danszky
D 5   István Jenei
D 3   István Nagy
C 6   Ferenc Kovács
C 7   Károly Sándor
C 8   Mihály Vasas
C 11   László Bödör
A 9   István Kuti
A 10   István Halápi
Allenatore:
  Béla Volentik

Finale (ripetizione)Modifica

Anversa
15 maggio 1964, ore 19:30
Sporting Lisbona1 – 0
referto
MTK BudapestBosuilstadion (13 924 spett.)
Arbitro:   Gérard Versyp

Sporting CP
MTK Budapest
P 1   Joaquim Carvalho
D 2   Pedro Gomes
D 5   Alexandre Baptista
D 4   José Carlos
D 3   João Morais
C 6   Fernando Mendes
C 7   Geo Carvalho
C 8   Mascarenhas
C 11   Osvaldo Da Silva
A 10   Ernesto Figueiredo
A 9   José Pérides
Allenatore:
  Anselmo Fernández
P 1   Ferenc Kovalik
D 2   György Keszei
D 4   József Danszky
D 5   István Jenei
D 3   István Nagy
C 6   Ferenc Kovács
C 7   Károly Sándor
C 8   Mihály Vasas
C 11   László Bödör
A 9   István Kuti
A 10   István Halápi
Allenatore:
  Béla Volentik

NoteModifica

  1. ^ (HU) MTK: a Sporting a B-csapat edzőjével, 18-20 éves fiatalokkal jött, de nem alibizni, su nemzetisport.hu, 13 ottobre 2016.
  2. ^ (PT) Resumo Histórico, sporting.pt. URL consultato il 4 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 21 novembre 2016).

Voci correlateModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio