Apri il menu principale
Francesco Guizzi

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature X
Gruppo
parlamentare
Partito Socialista Italiano
Coalizione Pentapartito
Circoscrizione Campania
Collegio Torre del Greco
Incarichi parlamentari
  • Vicepresidente della 1ª Commissione permanente (Affari Costituzionali)
  • Vicepresidente dell'Assemblea Parlamentare del Consiglio d'Europa:
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico PSI
Titolo di studio laurea in giurisprudenza
Professione Avvocato, docente universitario

Francesco Guizzi (Salerno, 28 ottobre 1933) è un politico e docente italiano.

BiografiaModifica

Storico del diritto romano, si è laureato in Giurisprudenza nell'Università di Napoli Federico II nel 1956. Ha conseguito la libera docenza nel 1960 ed ha vinto il concorso a cattedra nel 1975. Nei suoi studi si è occupato principalmente degli assetti istituzionali di Roma antica, e soprattutto delle modifiche dell'assetto dello stato agli inizi del principato: tra essi si ricordano Aspetti giuridici del sacerdozio romano: il sacerdozio di Vesta (Napoli, 1968); Il principato tra "res publica" e potere assoluto (Napoli, 1974); Augusto. La politica della memoria (Roma, 1999); Variazioni sul tardoantico (Napoli, 2011).

È stato professore ordinario di diritto romano nelle Università di Ferrara, Bari, Napoli Federico II, Roma La Sapienza e LUISS. È stato componente del collegio giudicante nel processo costituzionale - primo e unico nella storia della giustizia italiana - nei confronti dei Ministri Luigi Gui e Mario Tanassi, nonché nei confronti degli altri soggetti imputati, per le vicende di corruzione legate al ben noto scandalo Lockheed, negli anni dal 1977 al 1979. È stato membro del Consiglio Superiore della Magistratura dal 1981 al 1985.

È stato senatore dal 1987 al 1991, ma venne eletto giudice della Corte costituzionale dal Parlamento in seduta comune il 14 novembre 1991 e ha giurato il 21 novembre 1991; dopo la sua nomina venne sostituito in Senato da Giuseppe Russo.

È stato nominato vicepresidente della Corte l'11 novembre 1999 dal neoeletto presidente Giuliano Vassalli e confermato nella carica il 23 febbraio 2000 dal nuovo presidente Cesare Mirabelli. È cessato dalla carica il 21 novembre 2000.[1]

OnorificenzeModifica

NoteModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN64132071 · ISNI (EN0000 0000 6129 3071 · SBN IT\ICCU\CFIV\084103 · LCCN (ENn00036847 · GND (DE1049452917 · BNF (FRcb12809210v (data) · BAV ADV10210701