Apri il menu principale
Francesco Megale
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Isola (1679-1681)
 
Nato3 marzo 1615 a San Mauro
Ordinato presbiteroin data sconosciuta
Nominato vescovo27 novembre 1679 da papa Innocenzo XI
Consacrato vescovo30 novembre 1679 dal cardinale Alessandro Crescenzi, C.R.S.
Deceduto4 novembre 1681 (66 anni) a Isola di Capo Rizzuto
 

Francesco Megale (San Mauro, 3 marzo 1615Isola di Capo Rizzuto, 4 novembre 1681) è stato un vescovo cattolico italiano.

BiografiaModifica

Nacque a San Mauro, in arcidiocesi di Santa Severina[1], il 3 marzo 1615. Fu parente di Martino, anche lui futuro prelato, di cui però non si conosce l'esatto grado di parentela[2].

Ordinato presbitero in data ignota, fu per un tempo parroco della chiesa di Santa Maria delle Grazie alle Fornaci a Roma, nella zona di Porta Cavalleggeri[3].

Il 27 novembre 1679 fu nominato vescovo di Isola da papa Innocenzo XI; ricevette la consacrazione episcopale il successivo 30 novembre dal cardinale Alessandro Crescenzi, arcivescovo (titolo personale) di Recanati e Loreto, e dai co-consacranti Prospero Bottini, arcivescovo titolare di Mira, e Pier Antonio Capobianco, già vescovo di Lacedonia.

Megale si spense a Isola di Capo Rizzuto, dopo appena 2 anni di episcopato, il 4 novembre 1681 all'età di 66 anni.

Genealogia episcopaleModifica

NoteModifica

  1. ^ Giuseppe Cappelletti, Le chiese d'Italia dalla loro origine sino ai nostri giorni, vol. 21, Venezia, G. Antonelli, 1870, p. 198.
  2. ^ Luigi Accattatis, Le biografie degli uomini illustri delle Calabrie, Cosenza, dalla tipografia municipale, 1870, p. 402.
  3. ^ Mariano Armellini, Le chiese di Roma dal secolo IV al XIX, Roma, Edizioni del Pasquino, 1891, pp. 958-959.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica