Apri il menu principale

Franco Bertoli

pallavolista, allenatore di pallavolo e dirigente sportivo italiano
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando lo stilista, vedi Franco Bertoli (stilista).
Franco Bertoli
Franco Bertoli.jpg
Bertoli alla Panini Modena nel 1988
Nazionalità Italia Italia
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Ruolo Schiacciatore
Carriera
Squadre di club
1976-1977PetrarcaA1
1977-1983CUS TorinoA1
1983-1990ModenaA1
1990-1993Gonzaga MilanoA1
1993-1994ModenaA1
Nazionale
1980-1988Italia Italia 220
Carriera da allenatore
1999-2000ModenaA1
2000-2001Roma VolleyA1
2011-2012GenovaA2
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Bronzo Los Angeles 1984
 

Franco Bertoli (Udine, 29 aprile 1959) è un ex pallavolista, allenatore di pallavolo, dirigente sportivo e politico italiano.

BiografiaModifica

Anche il figlio Matteo è un giocatore professionista di pallavolo.

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

Soprannominato "Mano di Pietra" per la sua potenza in attacco. La maglia gialloblu di capitan Bertoli numero 4 di Modena è stata ritirata dal 1994 al 2014. Schiacciatore, crebbe sportivamente tra Udine e Padova, città dove esordì in Serie A con la maglia della Dermatrophine nella stagione 1976-77.

Andò poi a vestire la maglia di titolare nel glorioso CUS Torino di Silvano Prandi, con cui vinse tre scudetti (1978-79, 1979-80, 1980-81) e la prima storica Coppa dei Campioni vinta da una squadra non proveniente dall'Europa dell'Est (1980).

Nella stagione 1983-84 fu ingaggiato da un'altra storica formazione della pallavolo italiana degli anni ottanta, la Panini Modena, il cui posto di allenatore fu occupato, a partire dalla stagione 1985-86, da Julio Velasco. Dopo le prime vittorie in Coppa CEV (1984, 1985), Coppa delle Coppe (1986) e Coppa Italia (1984-85, 1985-86), la squadra di Bertoli inanellò una serie di quattro scudetti consecutivi (1985-86, 1986-87, 1987-88, 1988-89) che, sommati ai tre di Torino, rendono ancora oggi Bertoli uno dei giocatori più titolati della pallavolo italiana. A Modena vinse ancora la Coppa Italia 1988-89 e la Coppa dei Campioni 1990; per la potenza delle sue schiacciate fu soprannominato "Mano di Pietra".

Nel 1990 si trasferì da Modena al Mediolanum Milano del Presidente Berlusconi con cui vinse una Coppa delle Coppe e un Mondiale per Club e che guidò alla finale scudetto nel 1992-93. Chiuse la carriera dopo aver disputato il diciannovesimo campionato in Serie A1, nella stagione 1993-94, come settimo giocatore con la Daytona Modena, vincendo ancora la Coppa Italia a Perugia in final four contro Maxicono Parma e Mediolanum Milano.

NazionaleModifica

Olimpionico a Mosca nel 1980 e medaglia di bronzo a Los Angeles 1984 prima medaglia alle Olimpiadi della pallavolo italiana. Premio di "Mister Europa" come miglior giocatore agli europei di Berlino nel 1983 dove l'Italia arrivo quarta solo per differenza set. Uno dei primi grandi pallavolisti italiani degli anni Ottanta, allenato da Anderlini in nazionale Juniores e da Pittera, Prandi, Pavlica e Skiba nella seniores.

Esordì in azzurro l'11 maggio 1980 a Zagabria nell'ex Jugoslavia. Da Capitano di quella Nazionale di pallavolo contribui all'ascesa di quella che divenne poi, con l'avvento della cosiddetta "generazione di fenomeni", una delle più forti squadre del mondo. 219 presenze in nazionale e vinse anche un oro ai Giochi del Mediterraneo di Rabat nel 1983. Scelse di chiudere con l'Italia nel 1988 per dedicarsi unicamente alle squadre di club.

Allenatore e dirigenteModifica

Direttore Generale della Daytona dal 1994 al 2000, ottenendo la conquista di Scudetto, Champions, Coppa delle Coppe e Coppa Italia.

Allenatore in Serie A1 italiana di pallavolo maschile: 1996-97 Campione d'Italia d'Europa e della Coppa Italia con la "LAS Daytona" di Modena; 1999-2000 in finale play off scudetto con "CASA MODENA" di Modena persa a Roma contro la Piaggio; 1999-00 allenatore a Roma con la "Ford per il bambin Gesù" terzo in final four a Parigi in Champions.

Attualmente unico ad aver conquistato Scudetti, Coppe Campioni(Champions) e Coppe Italia nei tre ruoli di giocatore, allenatore e dirigente per un totale di 9 Scudetti, 5 Champions, 8 Coppe Italia.

Presidente del CONI di Modena dal 2001 al 2011; capitano e campione d'Europa 2009 della Nazionale di volley Masters over 50; commentatore di eventi sportivi per SKY Sport dal 2001; Marketing Director del Comitato Organizzatore Locale di Modena per il Mondiale maschile di Volley 2010.

Dal 3 aprile 2012, a seguito delle dimissioni di Horacio Del Federico ha ricevuto ed accettato l'incarico di allenatore della Carige Pallavolo Genova, squadra che milita in serie A2, per condurla nell'ultima giornata di campionato e nei successivi play-off promozione.

Dopo il ritiroModifica

Nel 2010 si candida per il Partito Democratico al Consiglio Regionale dell'Emilia-Romagna. Docente Scuola di Specialità di Medicina dello sport Università di Modena e Reggio Emilia. Delegato Nazionale CONI per i sani stili di vita. Consigliere Federale federazione italiana pallavolo fipav in rappresentanza degli atleti per un ciclo Olimpico, da febbraio 2017 a febbraio 2021. Coaching professionista e Pratictioner di Inner Game che permette di esercitare la professione di Formatore e Mental Coach. Mental Coach alla Sir Safety Perugia volley durante le stagioni 2015/16 e 2016/17.

PalmarèsModifica

Collegamenti esterniModifica