George Mikan

cestista e allenatore di pallacanestro statunitense
George Mikan
GeorgeMikan.jpg
Mikan con il numero 99 mentre gioca con la DePaul University
Nazionalità Stati Uniti
Altezza 208 cm
Peso 111 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Centro
Allenatore
Termine carriera 1956 - giocatore
1958 - allenatore
Hall of fame Naismith Hall of Fame (1959)
Carriera
Giovanili
Quigley Prep High School
1942-1946DePaul B. Demons
Squadre di club
1946-1947Chicago Gears33
1947-1954Minneapolis Lakers402 (9 766)
1955-1956Minneapolis Lakers37 (390)
Carriera da allenatore
1957-1958Minneapolis Lakers9-30
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

George Lawrence Mikan jr. (Joliet, 18 giugno 1924Scottsdale, 1º giugno 2005[1]) è stato un cestista, allenatore di pallacanestro e dirigente sportivo statunitense, ritenuto uno dei migliori giocatori dei primi anni della National Basketball Association.

Nel primo anno della sua carriera giocò nella NBL, per poi trasferirsi nell'allora BAA nel 1947, vestendo la maglia numero 99 dei Minneapolis Lakers. Mikan divenne la prima grande stella della storia della lega, e contribuì notevolmente all'aumento della sua popolarità.

Con lui i Lakers divennero la prima dinastia della storia della lega, che vinse cinque anelli in sei stagioni tra il 1949 e il 1954. Era soprannominato Mr. Basketball e The Gentle Giant, per via della sua personalità amichevole dentro e fuori dal campo.

Nei suoi ultimi anni soffrì di diabete e insufficienza renale, a tal punto che i medici furono costretti ad amputargli la gamba destra sotto il ginocchio. Morì poco prima di compiere 81 anni a Scottsdale, in Arizona, il 1 giugno 2005, per complicazioni dovute al diabete e ad altri disturbi.

Caratteristiche tecnicheModifica

Alto 2,08 metri, era un giocatore veramente imponente per l'epoca. Grande rimbalzista e stoppatore, insieme a Ray Meyer, suo allenatore al college, inventò il cosiddetto gancio, una tecnica di tiro che divenne velocemente diffusa in quegli anni, per poi evolversi nei decenni successivi. Inoltre era ambidestro, e fu il primo giocatore a tirare i liberi a due mani partendo dal basso, prima che questo divenisse una caratteristica di Rick Barry.

CarrieraModifica

Formazione giovanile e collegeModifica

La carriera cestistica di Mikan fu ripetutamente ostacolata negli anni della giovinezza: infatti, George fu escluso dalla squadra del suo istituto, e venne rifiutato anche dal college di Notre Dame presso il quale si era inizialmente iscritto. Passò dunque alla DePaul University, con l'intenzione di dedicarsi esclusivamente allo studio, ma fu notato, anche in virtù della notevole altezza di 2,10 metri, dall'allenatore della squadra universitaria Ray Meyer, che ne seguì molto attentamente la maturazione e ne curò la crescita tecnica con allenamenti durissimi. I risultati giunsero e molto più proficui del previsto: George perfezionò in maniera devastante la tecnica offensiva, affinando il gancio ed il movimento in post, tanto da guidare per due stagioni consecutive la classifica dei marcatori del torneo NCAA.

Alla DePaul fu eletto miglior giocatore del National Invitation Tournament 1945. Nel 1946, ormai maturo sotto il profilo atletico, tecnico e mentale, Mikan approdò al basket professionistico con i Chicago American Gears, franchigia militante nella NBL.

Carriera professionisticaModifica

I Gears trovarono immediatamente in Mikan una guida ineccepibile, che li condusse senza grosse difficoltà alla conquista del titolo. La stagione successiva, i Chicago Gears furono trascinati dal presidente Maurice White nello sfortunato esperimento della Professional Basketball League of America, che fallì dopo nemmeno un mese trascinando con sé tutte le franchigie iscritte; Mikan vinse comunque nel 1946 il riconoscimento di MVP del World Professional Basketball Tournament. I giocatori vennero smistati fra le squadre della NBL attraverso un "dispersal draft", e Mikan fece così capolino ai Minneapolis Lakers.

I Lakers di Mikan trovarono in breve il trionfo sin dalla stagione 1948, per poi trasferirsi l'anno seguente nella BAA (L'attuale NBA). Mikan fu ancora protagonista assoluto ed assicurò alla sua squadra il secondo anello consecutivo. Con i Lakers vinse anche il World Professional Basketball Tournament, venendo eletto miglior giocatore per la seconda volta a distanza di due anni. In questi primi anni George rese il suo dominio in campo un fattore trascendentale, assolutamente impossibile da arginare per gli avversari per tecnica, fisico ed agilità; ogni giocata offensiva dei Lakers e difensiva degli avversari si accentrava ossessivamente attorno a Mikan. Il suo strapotere era tale che le squadre avversarie, pur di far arrivare il meno possibile la palla in mano ai Lakers ed a Mikan, restavano in attacco per moltissimo tempo con azioni interminabili. Fu così che la NBA fu costretta ad inserire la regola dei 24 secondi per il possesso offensivo.

Al termine del 1949 le due leghe (BAA e NBL) si fusero nella NBA. Nonostante l'elevato livello medio della neonata NBA, i Lakers giunserò ancora una volta alla vittoria nei playoff, aggiudicandosi il 3º titolo consecutivo di squadra ed il 4º di fila per Mikan. Nel 1951 fu interrotta la striscia vincente di Minneapolis, in favore dei Rochester Royals. L'attesa durò molto poco: il dominio dei Lakers fu infatti riconfermato per tre stagioni consecutive (1952, 1953, 1954), e Mikan si confermò ancor di più assoluto dominatore dei parquet di tutta l'America.

A conclusione dei play-off, Mikan annunciò al mondo il suo ritiro dal basket, che lo avrebbe allontanato dalla palla a spicchi per una sola stagione: Mikan abbozzò un rientrò nella stagione 1955-56, che però concluse dopo meno di 40 partite a causa della mancanza di forma.

Curiosità e statisticheModifica

  • Nei primi anni del dominio di Mikan, la NBA raddoppiò le dimensioni dell'area dei tre secondi per tenere il centro n° 99 di Minneapolis il più possibile lontano da canestro, tanta era la sua predominanza sugli altri lunghi.
  • Celebre fu la scritta esposta un giorno al di fuori del Madison Square Garden di New York, che annunciava la partita del giorno: "I New York Knickerbockers contro George Mikan", a testimonianza del suo strapotere sul campo. Mikan stesso raccontò che prima della partita, negli spogliatoi, nessuno dei suoi compagni volle cambiarsi, innervositi proprio dal cartellone esposto fuori dal Garden. Alla fine tuttavia riuscì a convincerli a entrare in campo.
  • Mikan detiene il record per la maggior percentuale di punti segnati in una partita all'interno di una stessa squadra: nel 1950, nel corso della partita col più basso punteggio nella storia della NBA, Mikan mise a segno 15 dei 18 punti totali dei Lakers, con una percentuale dell'83,3%. Suo è sempre il record comprendente solo partite che abbiano avuto un alto punteggio totale: 67,0%, mettendo a referto ben 61 punti dei 91 segnati dei suoi Lakers, in un incontro del 1952.

Questi sono stati le statistiche e i riconoscimenti attribuiti a George Mikan:

  • Ha totalizzato una media di 23,1 punti e 13,4 rimbalzi (in un'epoca dalle medie realizzative molto più basse di quelle odierne).
  • Ha vinto la classifica dei realizzatori per tre anni di fila (1949, 1950, 1951).
  • Si è aggiudicato per due anni, 1952 e 1953, il titolo di miglior rimbalzista (la NBA ha iniziato a fare il conteggio dei rimbalzi soltanto a partire dalla stagione 1950-51).
  • È stato convocato per le prime 4 edizioni dell'All-Star Game (dal 1951 al 1954) vincendone il titolo di MVP nel 1953.
  • Il suo nome figura sia nella Basketball Hall of Fame sia nella lista dei 50 migliori giocatori del cinquantenario della NBA.
  • Nel 1950 è stato dichiarato il miglior giocatore della storia della pallacanestro.
  • L'unico vincitore di 7 anelli totali nelle 3 leghe che hanno fatto la storia del professionismo americano: NBL (1947 Chicago Gears - 1948 Minneapolis Lakers), BAA (1949 Minneapolis Lakers), NBA (1950 e 1952-1954 Minneapolis Lakers).
  • Ha vinto solo 1 MVP nella NBL nel 1948, e nessuno nella BAA o NBA che lo ha istituito nel 1956. Ma se si considerano i voti ottenuti per l'All Team, allora risulta votato al primo posto dal 1949 al 1953, per un totale di 6 MVP.

StatisticheModifica

Legenda
  PG Partite giocate   PT  Partite da titolare  MP  Minuti a partita
 TC%  Percentuale tiri dal campo a segno  3P%  Percentuale tiri da tre punti a segno  TL%  Percentuale tiri liberi a segno
 RP  Rimbalzi a partita  AP  Assist a partita  PRP  Palle rubate a partita
 SP  Stoppate a partita  PP  Punti a partita  Grassetto  Career high
Denota le stagioni in cui ha vinto il titolo
* Primo nella lega

Regular seasonModifica

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
1948-1949 Minneapolis Lakers 60 - - 41,6 - 77,2 - 3,6 - - 28,3
1949-1950 Minneapolis Lakers 68 - - 40,7 - 77,9 - 2,9 - - 27,4
1950-1951 Minneapolis Lakers 68 - - 42,8 - 80,3 14,1 3,1 - - 28,4
1951-1952 Minneapolis Lakers 64 - 40,2 38,5 - 78,0 13,5 3,0 - - 23,8
1952-1953 Minneapolis Lakers 70 - 37,9 39,9 - 78,0 14,4 2,9 - - 20,6
1953-1954 Minneapolis Lakers 72 - 32,8 38,0 - 77,7 14,3 2,4 - - 18,1
1955-1956 Minneapolis Lakers 37 - 20,7 39,5 - 77,0 8,3 1,4 - - 10,5
Carriera 439 - 34,4 40,4 - 78,2 13,4 2,8 - - 23,1

PalmarèsModifica

Minneapolis Lakers: 1949, 1950, 1952, 1953, 1954
Chicago American Gears: 1947
Minneapolis Lakers: 1948
Minneapolis Lakers: 1949, 1950, 1952, 1953, 1954,

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN63292655 · ISNI (EN0000 0000 3406 3932 · LCCN (ENn97052979 · WorldCat Identities (ENlccn-n97052979