Apri il menu principale

Giancarlo Mazzuca

giornalista, scrittore e politico italiano
Giancarlo Mazzuca

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XVI
Gruppo
parlamentare
Il Popolo della Libertà
Circoscrizione Emilia-Romagna
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Il Popolo della Libertà
Titolo di studio Laurea in scienze politiche
Professione Giornalista

Giancarlo Mazzuca (Forlì, 25 luglio 1948) è un giornalista, scrittore e politico italiano, direttore de Il Resto del Carlino dal 2002 al 2008, direttore de Il Giorno per un breve periodo nel 2003 e dal 2013 al 2016 e deputato della XVI Legislatura.

Indice

BiografiaModifica

Giancarlo Mazzuca fu inviato speciale del Corriere della Sera, caporedattore della sezione economia a il Giornale di Indro Montanelli e suo vicedirettore a La Voce, 1994-1995, e poi vicedirettore di Fortune Italia. Sull'esperienza fallimentare a La Voce egli ha pubblicato nel 1995 un libro-intervista al direttore Montanelli.

Passato al Gruppo Monti, diventa capo della redazione economica del Quotidiano Nazionale[1].

Dal gennaio 2001 all'aprile 2008 è stato direttore editoriale del Quotidiano Nazionale[2]. Dal 26 febbraio 2002 al marzo 2008 ha assunto al contempo la carica di direttore responsabile de il Resto del Carlino e, tra il 30 aprile e il 25 settembre 2003, quella di direttore de Il Giorno.

Pur essendo stato molto critico nel 1994 verso Silvio Berlusconi[3], alle elezioni politiche del 13-14 aprile 2008 si candida con Il Popolo della Libertà e viene eletto alla Camera nella circoscrizione XI dell'Emilia-Romagna. Presenzia nella Commissione cultura della Camera dei deputati. Non sospende l'attività giornalistica, rimanendo editorialista del Quotidiano Nazionale. Scelto per sfidare il Governatore uscente Vasco Errani come Presidente della Regione Emilia-Romagna per il centrodestra nel 2010 decide di ritirarsi dalla competizione designando come candidato la deputata e viceportavoce vicario del PdL Anna Maria Bernini.

Il 3 febbraio 2013 torna alla direzione de Il Giorno che lascia il 5 maggio 2016.

Il 4 agosto 2015 viene eletto membro del Consiglio di Amministrazione della RAI dalla Commissione di Vigilanza RAI.[4]

Dal 7 maggio 2016 inizia a collaborare a il Giornale, sotto la direzione di Alessandro Sallusti.

Altri incarichiModifica

Giancarlo Mazzuca è stato presidente dell'«Accademia dei Filopatridi», che ha sede a Savignano sul Rubicone.
È membro della Fondazione Italia USA e dell'Accademia Angelico Costantiniana. Nel 2014 è stato premiato alla carriera dalla NIAF[5], National Italian American Foundation.

CuriositàModifica

È lontano cugino della giornalista e politica di centrosinistra, Carla Mazzuca. Ed è fratello di un altro giornalista, Alberto Mazzuca.

NoteModifica

  1. ^ Testata che comprende i tre giornali di proprietà del gruppo: Il Resto del Carlino La Nazione e Il Giorno.
  2. ^ Giancarlo Mazzuca, su rai.it. URL consultato il 26 aprile 2017.
  3. ^ 'Non c'era posto' in Piovono Rane - Blog di Alessandro Giglioli su L'Espresso
  4. ^ Riforma Rai, eletto nuovo cda. Blog Grillo: “Nome per M5S è Freccero. Non c’è tempo per voto online”, il Fatto Quotidiano, 4 agosto 2015. URL consultato il 4 agosto 2015.
  5. ^ 'Al giornalista Giancarlo Mazzuca Premio NIAF alla Carriera' in MP Marco Polo News[collegamento interrotto]

OpereModifica

  • G. Mazzuca - Angelo Maria Perrino, Vita da manager. Le regole d'oro di nove Top di casa nostra per diventare un Numero Uno, Sperling & Kupfer, Milano, 1988, ISBN 978-88-200-0814-7.
  • Claudio Lindner - G. Mazzuca, Il leone di Trieste. Il romanzo delle Assicurazioni Generali dalle origini austroungariche all'era Cuccia. Presentazione di Enzo Biagi, Sperling & Kupfer, Milano, 1990, ISBN 978-88-200-1056-0.
  • Paolo Mazzanti - G. Mazzuca, Eredi. Padri e figli del capitalismo italiano. Prefazione di Indro Montanelli. Introduzione di Luigi Abete, Sperling & Kupfer, Milano, 1992.
  • G. Mazzuca (intervista con), Indro Montanelli. La mia Voce, Collana Saggi n.163, Sperling & Kupfer, Milano, 1995, ISBN 88-200-1904-3.
  • I signori di Internet. La via italiana alla New Economy, prefazione di Bill Gates, Collana I Saggi n.163, Baldini & Castoldi, Milano, 2000.
  • Alberto Mazzuca - G. Mazzuca, La Fiat: da Giovanni a Luca. Un secolo di storia sotto la dinastia Agnelli, Collana I Saggi n.268, Baldini Castoldi Dalai editore, Milano, 2004.
  • L'Italia in chiaroscuro. Fatti, misfatti, volti e storie di un paese che cambia, Il Resto del Carlino, 2005.
  • Aldo Forbice - G. Mazzuca, I faraoni. Come le mille caste del potere pubblico stanno dissanguando l'Italia, Piemme, Novara, 2009, ISBN 978-88-566-1066-6.
  • Arrigo Petacco - G. Mazzuca, La Resistenza tricolore. La storia ignorata dei partigiani con le stellette, Collezione Le Scie, Mondadori, Milano, 2010, ISBN 978-88-046-0144-9.
  • G. Mazzuca - Luciano Foglietta, Sangue romagnolo. I compagni del duce. Arpinati, Bombacci, Nanni, Minerva Edizioni, Bologna, 2011, ISBN 978-88-738-1399-6
  • Compagni di camera. Il «reality» segreto di una legislatura, Minerva Edizioni, Bologna, 2013, ISBN 978-88-738-1456-6.
  • Nicholas Farrell - G. Mazzuca, Il compagno Mussolini, Collana Storie, Rubbettino, 2013, ISBN 978-88-498-3910-4.
  • Ernesto Preatoni - G. Mazzuca, La vita oltre l'euro. Prefazione di Paolo Savona, Rubbettino, 2014, ISBN 978-88-498-4208-1.
  • Indro Montanelli. Uno straniero in patria. Prefazione di Roberto Gervaso, Collana Saggi, Cairo Publishing, 2015, ISBN 978-88-605-2603-8.
  • Roberto Balzani-G. Mazzuca, Amarcord Romagna. Breve storia di una regione (e della sua idea) da Giulio Cesare a oggi, Collana Clessidra, Bologna, Minerva, 2016, ISBN 978-88-7381-472-6.
  • G. Mazzuca-Gianmarco Walch, Mussolini e i musulmani. Quando l'Islam era amico dell'Italia, Collana Ingrandimenti, Milano, Mondadori, 2017, ISBN 978-88-04-67540-2.
  • G. Mazzuca - Stefano Girotti Zirotti, Noi fratelli, Milano, Mondadori, 2018, ISBN 978-88-04-68169-4.
  • Quei patti benedetti. Cosa resta oggi dei Patti Lateranensi tra Mussolini e Pio XI, Postfazione di Gianfranco Ravasi, Collana Ingrandimenti, Milano, Mondadori, 2019, ISBN 978-88-047-0720-2.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN9904530 · ISNI (EN0000 0000 6155 6142 · SBN IT\ICCU\CFIV\011800 · LCCN (ENn93058749 · BNF (FRcb12247604b (data)