Apri il menu principale

Giffone

comune italiano
Giffone
comune
Giffone – Stemma Giffone – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Calabria.svg Calabria
Città metropolitanaProvincia di Reggio Calabria-Stemma.png Reggio Calabria
Amministrazione
SindacoAntonino Cutri (Sindaco) dal 31-5-2015
Territorio
Coordinate38°26′N 16°09′E / 38.433333°N 16.15°E38.433333; 16.15 (Giffone)Coordinate: 38°26′N 16°09′E / 38.433333°N 16.15°E38.433333; 16.15 (Giffone)
Altitudine594 m s.l.m.
Superficie14,72 km²
Abitanti1 825[1] (31-8-2017)
Densità123,98 ab./km²
Comuni confinantiAnoia, Cinquefrondi, Galatro, Mammola, Maropati
Altre informazioni
Cod. postale89020
Prefisso0966
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT080037
Cod. catastaleE025
TargaRC
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)
Nome abitantigiffonesi
PatronoSan Bartolomeo Apostolo
Giorno festivo24 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Giffone
Giffone
Giffone – Mappa
Posizione del comune di Giffone all'interno della città metropolitana di Reggio Calabria
Sito istituzionale

Giffone (Giffùni oppure Casàli nella variante calabrese del siciliano[2]) è un comune italiano di 1.825 abitanti della città metropolitana di Reggio Calabria, in Calabria.

Indice

Geografia fisicaModifica

Si trova su un altopiano circondato da montagne, tra cui il monte Sellata.

StoriaModifica

[3]Il paese venne fondato alla fine del Seicento da Francesco Giffone, marchese di Cinquefrondi.[4][5]

Stemma della famiglia Giffone nobili di (Polistena, Cinquefrondi e Tropea), dal cui il paese prese il nome e lo stemma.[6][7][8]

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Vi si trova la chiesa di Santa Maria del Soccorso, fondata sempre dal marchese Francesco Giffone fervente devoto a questo culto della Madonna, che conserva le statue della Madonna del Soccorso, della Madonna del Carmelo delle meravigliose statue di San Giuseppe e di San Bartolomeo apostolo, opera quest'ultima dello scultore Domenico De Lorenzo (1740-1812) della fine del Settecento. Il santuario di San Bartolomeo apostolo è situato in localita' Contura, a quota 963, ai piedi del monte Locardi (m 1004 s.l.m.) Qui i lavori furono iniziati nel 1973 su volontà dell'allora Parroco Don Antonio Ritorto di Anoia Superiore e di tutti i suoi seguaci, un gruppo di ragazzi saggi e lungimiranti, oltre che devoti a questo grande Santo protettore di ciascun giffonese.

Altri monumenti sono il "mulino del duca", il Calvario, i ruderi della chiesa di San Giuseppe e la fontana dei Sette Canali, situata nella piazza principale. Sulla strada principale, che porta verso la sopra citata piazza, è presente il monumento ai caduti, opera dello scultore oppidese Concesso Barca (1877-1968).

La Valle dei Mulini

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[9]

 

CulturaModifica

EventiModifica

  • Domenica di Pasqua, "Affruntata",
  • 19 marzo, Festa di "San Giuseppe"
  • 16 luglio, Festa "Madonna del Carmelo"
  • 23-24-25agosto, Festa patronale di San Bartolomeo

Geografia antropicaModifica

Nei dintorni sono diverse località di campagna: Cubbasina a Nord, Ariganello a Nord-Est e Sant'Antonio a Sud-Ovest.

AmministrazioneModifica

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2017.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 305/306.
  3. ^ Giffone (CAL) (Polistena, Tropea) Titolo: patrizio di Tropea scaccato di argento e di nero di sei file, con la fascia di rosso attraversante sul tutto (citato in (4) – Vol. III pag. 444 e in (19)) fascia di rosso su - scaccato di argento e di nero (citato in LEOM)
  4. ^ Cenni Storici - Comune di Giffon
  5. ^ Storia - Comune di Giffone
  6. ^ Discorso della famiglia Giffone de' marchesi di Cinquefondi con le notizie della sua prima origine, e delle sue discendenze, Napoli editore Giuseppe Roselli 1703
  7. ^ TropeaMagazine - Notizie delle famiglie nobili di Tropea e Cinquefrondi Giffone desunte ...
  8. ^ La Nobile Famiglia Giffone
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progettiModifica