Apri il menu principale

Giovanni Vecchina

calciatore e allenatore di calcio italiano
Giovanni Vecchina
Giovanni Vecchina.jpg
Vecchina al Padova
Nazionalità Italia Italia
Altezza 181 cm
Peso 80 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 1940 - giocatore
1954 - allenatore
Carriera
Giovanili
19??-19?? non conosciuta Aurora Venezia
19??-19?? Venezia
Squadre di club1
1919-1922 Venezia ? (?)
1922-1924 Petrarca ? (?)
1924-1930 Padova 117 (86)
1930-1933 Juventus 68 (33)
1933-1935 Torino 32 (3)
1935-1936Servette? (?)
1935-1937 Biellese 20+ (6+)
1937-1938 Venezia[1] 3 (0)
1938-1939 Palmese ? (?)
1939-1940 Siracusa 14 (3)
Nazionale
1928-1931 Italia Italia 2 (0)
Carriera da allenatore
1938-1939 Palmese
1939-1940 Siracusa
1940-1941 Napoli Riserve[2]
1942-1943 Rovigo
1946-1947 Vicenza
1947-1948 Napoli
1949-1950 Pistoiese
1953-1954 Portogruaro
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Giovanni Vecchina (Venezia, 16 agosto 1902[3]Vicenza, 5 aprile 1973[4]) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Era noto anche come "Nane".[4]

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

ClubModifica

Dopo gli esordi, a cavallo degli anni 10 e 20 del XX secolo, con le maglie di Venezia e Petrarca, legò il suo nome principalmente a quello del Padova, club con cui disputò sei campionati prima dell'istituzione del girone unico, figurando tra i migliori marcatori del tempo. Accasatosi ai biancoscudati nel 1924, lasciò la formazione veneta nel 1930 dopo la prima edizione nella neonata Serie A.

 
Vecchina alla Juve del Quinquennio nel 1932, tra Orsi (a sinistra) e Munerati (a destra).

Nello stesso anno approdò alla Juventus di Carlo Carcano, dove rimase per tre stagioni. Per l'iniziale biennio fu il centravanti titolare dei bianconeri, perdendo il posto solo nell'ultima annata causa l'esplosione del giovane Felice Borel, vincendo sotto la Mole tre scudetti — i primi del cosiddetto Quinquennio d'oro — prima di cambiare squadra ma non città, passando ai rivali del Torino con cui esordì in una partita interna contro la Lazio (1-1), rimanendo in granata per due stagioni.

Nel 1935 si trasferì al Servette di Ginevra.[5] Tornato in Italia dopo una stagione, seguirono due anni nella Biellese, prima di far brevemente ritorno a Venezia e chiudere infine la carriera agonistica sul finire del periodo interbellico, con Palmese e Siracusa, club questi ultimi in cui si cimentò nel doppio ruolo di giocatore-allenatore.

NazionaleModifica

Ha giocato anche due partite con la maglia azzurra dell'Italia, la prima il 2 dicembre 1928 a Milano, contro i Paesi Bassi (3-2), e la seconda il 12 aprile 1931 a Oporto, contro il Portogallo (0-2), senza collezionare reti.

AllenatoreModifica

La sua prima esperienza da allenatore è stata a Palmi, in Serie C nella stagione 1938-1939, quando divenne allenatore-giocatore della Palmese. Ha chiuso la carriera da giocatore fungendo anche da allenatore a Siracusa:[3][6] in quella stessa annata ne fu anche il capitano.[3]

Condusse quindi il Rovigo nella stagione 1942-1943, dopo essere subentrato a Renato Bottaccini, guidando poi blasionate squadre come il Vicenza, dove fu esonerato il 28 settembre 1947 per lasciare il posto a Emilio Berkessy, e il Napoli, subentrando nel corso della stagione 1947-1948 a Raffaele Sansone.

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1939-1940   Siracusa C 14 3 CI 2 0 16 3
Totale carriera 14 3 2 0 16 3

Cronologia presenze e reti in nazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
2-12-1928 Milano Italia   3 – 2   Paesi Bassi Amichevole -
12-4-1931 Oporto Portogallo   0 – 2   Italia Amichevole -
Totale Presenze 2 Reti 0

Statistiche da allenatoreModifica

Stagione Squadra Campionato Piazzamento Andamento
Giocate Vittorie Pareggi Sconfitte % vittorie
1939-1940   Siracusa C 28 17 5 6 60,71
Totale 28 17 5 6 60,71

PalmarèsModifica

NoteModifica

  1. ^ [ Elenco dei giocatori italiani autorizzati a cambiare società nell'anno 1938-1939, in Il Littoriale, 6 agosto 1938, p. 4.
  2. ^ Il littoriale, 27 agosto 1940, p. 3.
  3. ^ a b c Agendina del calcio Barlassina 1939-1940, p. 121.
  4. ^ a b La Gazzetta dello Sport, 6 aprile 1973, p. 4.
  5. ^ Servette FC 1935/36 (PDF), su super-servette.ch.
  6. ^ G. Caia, A. Caia, Fontanelli, Messina, Scatà, p. 10.

BibliografiaModifica

  • Giancarlo Caia, Angelo Caia, Carlo Fontanelli, Alessio Messina e Paolo Scatà, Almanacco azzurro, Empoli, GEO Edizioni, 2011.
  • Davide Rota e Silvio Brognara, Football dal 1902: storia della Biellese, Biella, Editrice Il Biellese, 1996.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica