Apri il menu principale

Giuseppe Gamba (cardinale)

cardinale e arcivescovo cattolico italiano
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo calciatore, vedi Giuseppe Gamba (calciatore).
Giuseppe Gamba
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardinal-Giuseppe-Gamba.jpg
Template-Cardinal (Metropolitan Archbishop).svg
Dirige in conspectu Tuo viam meam
 
Incarichi ricoperti
 
Nato25 aprile 1857 a San Damiano d'Asti
Ordinato presbitero18 settembre 1880 dal vescovo Carlo Savio
Nominato vescovo16 dicembre 1901 da papa Leone XIII
Consacrato vescovo23 febbraio 1902 dal vescovo Giacinto Arcangeli
Elevato arcivescovo20 dicembre 1923 da papa Pio XI
Creato cardinale20 dicembre 1926 da papa Pio XI
Deceduto26 dicembre 1929 a Torino
 

Giuseppe Gamba (San Damiano d'Asti, 25 aprile 1857Torino, 26 dicembre 1929) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

BiografiaModifica

Nacque a San Damiano d'Asti il 25 aprile 1857.

Formazione e ministero sacerdotaleModifica

Dopo gli studi nel seminario vescovile di Asti sotto la guida spirituale di san Giuseppe Marello, fu ordinato sacerdote nel 1880. Esercitò il suo ministero come viceparroco e parroco della cattedrale di Asti e, dal 1883 al 1901, come vicario generale della diocesi.

Ministero episcopale e cardinalatoModifica

Fu quindi eletto vescovo di Biella il 16 dicembre 1901 da papa Leone XIII e ordinato vescovo il 17 maggio 1902 da monsignor Giacinto Arcangeli, vescovo di Asti.

Il 13 agosto 1906 fu eletto vescovo di Novara.

Il 20 dicembre 1923 fu eletto arcivescovo di Torino.

Papa Pio XI lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 20 dicembre 1926 con il titolo di Santa Maria sopra Minerva.

Morì il 26 dicembre 1929 all'età di 72 anni. Un suo monumento funebre è custodito nella navata destra del duomo di Torino, opera di Edoardo Rubino (1930).

Genealogia episcopaleModifica

BibliografiaModifica

Opere su Giuseppe GambaModifica

  • Giuseppe Angrisani, Il Cardinale Giuseppe Gamba: breve biografia illustrata, Torino-Roma, Marietti, 1930.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN77149617 · ISNI (EN0000 0000 6160 516X · SBN IT\ICCU\TO0V\369482 · GND (DE120570823 · WorldCat Identities (EN77149617