Apri il menu principale

Gods and Generals

film del 2003 diretto da Ronald F. Maxwell



Gods and Generals
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2003
Durata214 min.
Generedrammatico, storico, guerra
RegiaRonald F. Maxwell
Soggettodall'omonimo romanzo di
Jeff Shaara
Musiche2nd South Carolina String Band
Interpreti e personaggi

Gods and Generals è un film drammatico di guerra americano del 2003 scritto e diretto da Ronald F. Maxwell. È un adattamento del romanzo del 1996 omonimo di Jeffrey Shaara e prequel del film di Maxwell del 1993, Gettysburg, con Jeff Daniels nei panni del tenente colonnello Joshua Chamberlain, Stephen Lang nei panni di Stonewall Jackson e Robert Duvall nel ruolo del generale Robert Edward Lee.

TramaModifica

Il colonnello Robert E. Lee si dimette dall'esercito dell'Unione mentre il sud si separa dall'Unione e entrambe le parti si preparano per la guerra. Il maggiore Jackson, che è un professore al Virginia Military Institute di Lexington all'inizio della guerra, si lascia la sua famiglia alle spalle per combattere a Manassas Junction. A Jackson viene chiesto dal generale Barnard Bee in rititata di fornire assistenza contro l'esercito nordista che li sta inseguendo dopo una breve sosta su Matthews Hill. Nel radunare le sue truppe sbandate, Bee lancia il nome di Stonewall nella Storia e i Confederati sbaragliano i Nordisti a Henry House Hill. Jackson mantiene una rigida disciplina nelle sue file durante la battaglia nonostante subisca una ferita alla mano sinistra da un proiettile vagante.

Nel frattempo, Chamberlain fa il suo passaggio da insegnante a ufficiale militare e fa esercitazioni con i suoi soldati, e gli vengono insegnate le tattiche militari dal colonnello Adelbert Ames, il comandante del 20º Reggimento di Fanteria dei Volontari del Maine. È chiamato a combattere nell'invasione di Fredericksburg dell'Unione. Le forze del Sud guidano una ritirata mentre l'esercito dell'Unione attraversa il fiume e fa irruzione nella città, e ci sono scene del successivo saccheggio di Fredricksburg da parte dell'esercito dell'Unione. Fuori dalla città, Lee, James Longstreet e Jackson hanno preparato un'elaborata difesa su Marye's Heights fuori dalla città, e il film si concentra sulle difese confederate dietro un formidabile muro di pietra. Diverse brigate dell'Unione, compresa la Brigata Irlandese, tentano di attraversare un campo aperto e attaccare il muro, ma vengono respinte con pesanti perdite dal fuoco confederato di fucileria e artiglieria. A un certo punto, due unità irlandesi sono costrette a combattere l'una contro l'altra, per l'angoscia di un Irlandese Sudista che ritiene di stare uccidendo i suoi parenti. Chamberlain conduce un attacco senza successo contro le difese di Longstreet, guidate dal Generale di Brigata Lewis Armistead, e trova la sua unità bloccata in campo aperto. Sopravvive proteggendosi con un cadavere fino al tramonto; alla fine lui e i membri sopravvissuti del 20° Maine sono costretti a ritirarsi e passare 2 notti sul campo di battaglia, dormendo con i morti. Chamberlain e i soldati dell'Unione sconfitti partono da Fredericksburg. Jackson e Lee ritornano in città, e Lee viene affrontato da un cittadino arrabbiato la cui casa è stata distrutta dall'artiglieria dell'Unione.

Jackson trascorre il resto dell'inverno in una piantagione locale, Moss Neck Manor, dove sviluppa un'amicizia con una ragazzina che vive lì. Più tardi, Jackson scopre che la piccola è morta per la scarlattina e inizia a piangere. Un soldato chiede perché piange per questa bambina ma non per le migliaia di soldati morti, e un altro soldato afferma che Jackson sta piangendo per tutti. Jackson è presto riunito con sua moglie e il figlio appena nato poco prima della Battaglia di Chancellorsville.

Fuori da Chancellorsville, Lee si rende conto che le truppe sudiste hanno di fronte forze nemiche in numero quasi doppio rispetto a loro. Jackson chiama il suo cappellano, Beverly Tucker Lacy, che conosce l'area, e gli chiede di trovare un percorso attraverso il quale le forze sudiste possano infiltrarsi in segreto. Jackson guida quindi le sue truppe in un attacco a sorpresa contro un impreparato 11º Corpo dell'Unione. Sebbene i suoi uomini inizialmente mandino in rotta gli avversari, si sparpagliano rapidamente nella mischia, e l'attacco di Jackson è in stallo. Mentre sta esplorando un percorso di notte, Jackson è sorpreso in terra di nessuno tra i 2 eserciti e gravemente ferito dai suoi stessi uomini, che avevano scambiato lui e il suo staff per la cavalleria dell'Unione. Durante la sua evacuazione, i suoi barellieri sono presi di mira dall'artiglieria e lasciano Jackson a terra. Viene quindi portato in un ospedale da campo dove gli viene amputato il braccio. Lee osserva che mentre Jackson ha perso il braccio sinistro, lui (Lee) ha perso il suo “braccio destro”. Jackson muore poco dopo di una polmonite che aveva contratto durante il recupero. Il corpo di Jackson viene restituito a Lexington, accompagnato dai VMI Cadets e coperto dalla nuova bandiera Confederata.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema