Goffredo II di Cerdanya

saluti a monsieur popsy
Goffredo II
Cerit3.jpg
Isarn et Dalmau, signori di Castellfollit, omaggiano Goffredo II
Conte di Cerdanya
In carica 988 - 1035
Predecessore Oliba Cabreta
Successore Raimondo
Nome completo Goffredo
Altri titoli conte di Berga e di Conflent
Nascita 970 circa
Morte Casteil, Francia, 31 luglio 1050
Luogo di sepoltura Abbazia di Saint-Martin du Canigou
Dinastia casa di Barcellona
Padre Oliba Cabreta
Madre Ermengarda d'Empúries
Consorte Guisla
Isabella
Figli Raimondo
Goffredo
Berengario
Arduino
Guglielmo e
Fede, di primo letto
Bernardo e
Berengario, di secondo letto

Goffredo, Guifred in francese, Guifré in catalano, Wuifredo in spagnolo, in portoghese e in galiziano, Wuifredus in latino (970 circa – Casteil, 31 luglio 1050), fu conte della Cerdanya e di Berga e di Conflent, dal 988 al 1035.

OrigineModifica

Goffredo, sia secondo il Gesta Comitum Barchinonensium, sia secondo lo storico catalano Pròsper de Bofarull i Mascaró, nel suo Los condes de Barcelona vindicados, Tome I, era il figlio maschio secondogenito del Conte di Cerdanya, di Conflent e di Besalú, Oliba Cabreta[1] e di Ermengarda d'Empúries[2] (?-dopo il gennaio 995, data in cui compare citata in un documento[3]) di cui non si conoscono gli ascendenti, come conferma il Bofarull[4].
Oliba Cabreta, secondo il Gesta Comitum Barchinonensium[5], era il figlio maschio terzogenito del Conte di Cerdanya, di Conflent e di Besalú, Miró II e di Ava[1] (?-prima del 26 febbraio 961, data in cui secondo Pròsper de Bofarull i Mascaró, Ava risultava defunta[6]), che, secondo alcuni storici figlia del conte Fedele di Ribagorza.

 
La penisola iberica nella prima metà del X secolo. La marca di Spagna è vassallo del regno di Francia

BiografiaModifica

Goffredo lo troviamo citato in documento, per la prima volta, assieme ai fratelli, Bernardo e Oliva (Bernardus prolis, Wifredus prolis, Oliba prolis) nel documento n° 5 del Diplomatari i escrits literaris de l'abat i bisbe Oliba, datato 981, inerente ad una donazione fatta dai genitori (Oliba comes et coniux mea Ermengards)[7].

Secondo il Bofarull, suo padre, Oliba, nel 988, andò a Montecassino e indossò l'abito talare[8], dopo aver abdicato, lasciando la contea di Besalú a Bernardo, la Contea di Cerdanya a Goffredo[1] e la contea di Berga a Oliva.
Prima di lasciare la Catalogna, Oliba fece un'offerta affinché i suoi figli fossero sotto la protezione di papa Giovanni XV[9].

Il Bofarull riporta che Oliba morì nel 990 e fu tumulato a Montecassino[8]; la morte nel 990 viene confermata sia dal Chronicon alterum Rivipullense (990. Obiit Olibanus Capreta comes)[10], sia dalle Gesta Comitum Barchinonensium[1].
Venuta a conoscenza della morte di suo padre, Oliba, sua madre, Ermengarda, assieme a suo fratello, Oliva fece una donazione in suffragio dell'anima del marito (Ermengardis, gratia Dei comitissa, cum suo prole Olibane)[11].

Nel 1002, suo fratello, Oliva, secondo il Chronicon alterum Rivipullense, fu ordinato monaco (Oliba comes factus est monachus)[10]; il governo della contea di Berga, passò a Goffredo[12][13].

Nel 1006, Goffredo, assieme alla prima moglie, Guisla (Guifredus gratia Dei comes et uxor mea nomine Wisla comitissa), fece una donazione alla chiesa di Saint-Martin du Canigou, come riporta il documento n° CLIII della Marca Hispanica sive Limes Hispanicus[14].

Secondo il Chronicon breve monasterii Canigonensis, Goffredo nel 1009, fondò l'Abbazia di Saint-Martin du Canigou[15].

Nel 1011, Goffredo, assieme alla prima moglie, Guisla (Wifredus gratia Dei comes et uxori meæ Wisla comitissa), fece una donazione al Monastero di Ripoll, come riporta il documento n° 43 del Diplomatari i escrits literaris de l'abat i bisbe Oliba[16].

Nel 1019, Goffredo assieme al fratello Bernardo (dompno Bernardo comite et fratre suo dompno Gifredo), presenziò a un giudizio per l'assegnazione di una chiesa del Conflent, come riporta il documento n° MMCLXXIV della Colección diplomática del Condado de Besalú[17].

Nel 1035, Goffredo redasse un testamento, dividendo i suoi domini tra i figli di primo e di secondo letto, si ritirò nell'Abbazia di Saint-Martin du Canigou, e abdicò; nella Cerdanya e nel Conflent gli succedette il figlio primogenito, Raimondo, mentre nella contea di Berga, gli succedette Bernardo, figlio primogenito di secondo letto; il testamento di Goffredo è riprodotto nello Spicilegium sive collectio veterum aliquot scriptorum, Volume 3[18]; anche il Gesta Comitum Barchinonensium conferma che nella Cerdanya e nel Conflent gli succedette il figlio Raimondo e a Berga, Bernardo[19].

Ancora secondo il Chronicon breve monasterii Canigonensis, Goffredo nel 1036, si fece monaco nell'Abbazia di Saint-Martin du Canigou, da lui fondata[20].

Sempre secondo il Chronicon breve monasterii Canigonensis, Goffredo morì il 31 luglio 1050, nell'Abbazia di Saint-Martin du Canigou, da lui fondata[20], dove fu tumulato[19]. Goffredo prima di morire scrisse il suo epitaffio che fu scolpito sulla roccia vicino alla sua tomba; l'epitaffio si può leggere al documento n° 15 delle Histoire Générale de Languedoc, Preuves[21]. Anche la Cronica universal del principado de Cataluña, Volumen 7, ricorda la morte di Goffredo al 31 luglio del 1049, e riporta che, nel 1332, le ossa del conte e della sua seconda moglie Isabella, furono traslate nella basilica superiore[22].

Matrimoni e discendenzaModifica

Verso il 1006, Goffredo aveva sposato Guisla o Wisla, di cui non si conoscono gli ascendenti. Wisla compare citata come moglie di Goffredo in diversi documenti, tra cui il n° CLIII della Marca Hispanica sive Limes Hispanicus (Guifredus gratia Dei comes et uxor mea nomine Wisla comitissa)[14] e il n° 43 del Diplomatari i escrits literaris de l'abat i bisbe Oliba (Wifredus gratia Dei comes et uxori meæ Wisla comitissa)[16].
Guisla morì nel 1020, poiché in quella data fece testamento, con relativa approvazione e donazione all'Abbazia di Saint-Martin du Canigou, come viene riprodotto dai documenti CLXXXIII, CLXXXIV e CLXXXV della Marca Hispanica sive Limes Hispanicus[23].
Goffredo da Guisla ebbe sei figli[24][25]:

Dopo essere rimasto vedovo Goffredo, verso il 1025, aveva sposato Isabella, di cui non si conoscono gli ascendenti. Anche Isabella compare citata come moglie di Goffredo in diversi documenti, e soprattutto viene ricordata nel testamento[18], e ancora, come seconda moglie di Goffredo, dalla Cronica universal del principado de Cataluña, Volumen 7[22].
Goffredo da Isabella ebbe due figli[24][25]:

NoteModifica

  1. ^ a b c d (LA) Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, Tomus IX, Ex Gestis Comitum Barcinonensium, pag 69
  2. ^ (EN) #ES Bofarull i Mascaró, Los condes de Barcelona vindicados, Tome I, pagg. 94 e 95
  3. ^ (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy : COMTES de CERDANYA 897-1118-OLIBA II "Cabreta" de Cerdanya
  4. ^ (EN) #ES Bofarull i Mascaró, Los condes de Barcelona vindicados, Tome I, pag. 94
  5. ^ Il Gesta Comitum Barchinonensium è una cronaca scritta in latino dai monaci del monastero di Ripoll, nella seconda metà del XII secolo ed inizia con la presa del potere di Goffredo il Villoso e arriva sino alla morte di Raimondo Berengario IV di Barcellona. In un secondo tempo e poi in un terzo la cronaca fu ampliata con le gesta dei primi re della Corona d'Aragona, sino a Giacomo I d'Aragona
  6. ^ (EN) #ES Bofarull i Mascaró, Los condes de Barcelona vindicados, Tome I, pag 106
  7. ^ (LA) Diplomatari i escrits literaris de l'abat i bisbe Oliba, doc. 5, pag. 10
  8. ^ a b (EN) #ES Bofarull i Mascaró, Los condes de Barcelona vindicados, Tome I, pag 95
  9. ^ (LA) Diplomatari i escrits literaris de l'abat i bisbe Oliba, doc. 10, pagg. 15 e 16
  10. ^ a b (LA) Viage Literario, Tome V, Apendice, Chronicon alterum Rivipullense, pag. 244
  11. ^ (LA) Diplomatari i escrits literaris de l'abat i bisbe Oliba, doc. 12, pagg. 17 e 18
  12. ^ (CA) comtat de Berga (XML), su enciclopedia.cat, Gran enciclopèdia catalana.
  13. ^ (EN) County of Berga, su grec.cat.
  14. ^ a b (LA) Marca Hispanica sive Limes Hispanicus, doc. CLIII, colonne 961 e 962
  15. ^ (LA) Histoire Générale de Languedoc, Preuves, Documento 11, colonna 54
  16. ^ a b (LA) Diplomatari i escrits literaris de l'abat i bisbe Oliba, doc. 43, pag. 57
  17. ^ (ES) Colección diplomática del Condado de Besalú, doc. MMCLXXIV, pagg. 243 - 246
  18. ^ a b c d (LA) Spicilegium sive collectio veterum aliquot scriptorum, Volume 3, pagg. 392 e 393
  19. ^ a b c d e f g h (LA) Rerum Gallicarum et Francicarum Scriptores, Tomus XI, Ex gesta Comitum Barchinonensium, pag. 290
  20. ^ a b (LA) Histoire Générale de Languedoc, Preuves, Documento 11, colonna 55
  21. ^ (LA) Histoire Générale de Languedoc, Preuves, Documento 15, pag. 6
  22. ^ a b (ES) Cronica universal del principado de Cataluña, Volumen 7, pag. 367
  23. ^ (LA) Marca Hispanica sive Limes Hispanicus, Documento CLXXXIII, colonne 1019 - 1022
  24. ^ a b (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy : COMTES de CERDANYA 897-1118-GUIFRÉ III de Cerdanya
  25. ^ a b (EN) #ES Genealogy : Barcelona 1-Wifredo III

BibliografiaModifica

Fonti primarieModifica

Letteratura storiograficaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica