Apri il menu principale

Gregory Jacobs

regista, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il rapper statunitense, vedi Shock G.
Gregory Jacobs

Gregory Jacobs (New Jersey, ...) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense.

BiografiaModifica

Nato e cresciuto a Harrington Park, New Jersey, dove si è diplomato alla Northern Valley Regional High School, Old Tappan. È il figlio di Rafael Jacobs, di professione avvocato, e Marti Jacobs. Ha un fratello, Douglas Jacobs, che è il presidente della Integrated Sports Media, una società sportiva che si trova a Hoboken. Jacobs si è laureato della Tisch School of the Arts e durante la pausa estiva dalla scuola di cinema ottiene il suo primo lavoro; assistente alla regia di John Sayles per il film indipendente Matewan.[1]

Jacobs ha iniziato la sua carriera verso la fine degli anni ottanta, come aiuto regista per registi come i fratelli Coen, Richard Linklater, Jodie Foster, John Schlesinger e Steven Soderbergh. La lunga collaborazione con Soderbergh inizia nel 1993 con il film Piccolo, grande Aaron, proseguita come primo aiuto regista in tutti i progetti cinematografici e televisivi di Soderbergh.

Nel 2004 ha realizzato Criminal, il suo primo lungometraggio come regista, che ha anche prodotto e scritto la sceneggiatura. Il suo secondo film come regista è stato Wind Chill - Ghiaccio rosso sangue. Nel 2013 ha vinto un Emmy Awards per il film TV Dietro i candelabri. Nel 2015 dirige Magic Mike XXL, sequel di Magic Mike diretto da Soderbergh nel 2012.

Nel 2015 crea, assieme a Joe Gangemi, la serie televisiva Red Oaks, prodotta da Amazon Studios e ispirata dalle sue reali esperienze giovanili.[2]

FilmografiaModifica

RegistaModifica

SceneggiatoreModifica

ProduttoreModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) GREG JACOBS LOVES THE '80S, interviewmagazine.com. URL consultato il 16 settembre 2015.
  2. ^ (EN) 'Red Oaks' co-creator Gregory Jacobs talks about his Amazon pilot, hitfix.com. URL consultato il 16 settembre 2015.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN5210972 · ISNI (EN0000 0000 3981 9428 · LCCN (ENn2007057517 · BNF (FRcb15033671c (data) · WorldCat Identities (ENn2007-057517