Apri il menu principale

Guardia di Rocca Nucleo Uniformato

(Reindirizzamento da Guardia di Rocca)


Guardia di Rocca Nucleo Uniformato
Stemma Guardia di Rocca.jpg
Descrizione generale
Attiva26 maggio 1754
NazioneSan Marino San Marino
ServizioGuardia permanente al Palazzo Pubblico di San Marino
Guardia ai confini di San Marino
TipoMilitare
RuoloPolizia doganale e giudiziaria
Dimensione40 uomini circa
EquipaggiamentoGlock 17, Beretta M12, Revolver, Beretta BM 59, Benelli M4, Taser Axon X2, Spray balistico a gel urticante, Sfollagente estensibile in metallo
PatronoSan Marino e Santa Barbara
ColoriVerde e Rosso
Anniversari26 maggio (fondazione del Corpo)
Decorazionimedaglia alla Bandiera oro di 1 classe
Comandanti
Comandante attualeCapitano Massimo Ceccoli
Simboli
SimboloStemma di Stato con due cannoni incrociati che passano dietro lo Stemma.
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Guardia di Rocca Nucleo Uniformato è un Corpo militare della Repubblica di San Marino.

Origini del CorpoModifica

 
Squadra della Guardia di Rocca Nucleo Uniformato durante la Rassegna militare del 25 marzo

La Guardia di Rocca Nucleo Uniformato, Corpo ripristinato nel 1959 con l'attuale denominazione, trae le sue origini dal Corpo militare della Guardia di Rocca istituito il 26 maggio 1754, con Decreto Reggenziale, il cui ruolo era di controllare i confini ed il carcere di San Marino che fino al 1969 era nella Prima Torre (Rocca) ed a comandare era una guardia castellana della Rocca, che aveva anche il potere di eleggere un ufficiale subalterno con una squadra di 12 militi con il titolo di Squadra di Soccorso. Il 12 settembre 1755 le squadre divennero 2 da 12 militi ognuna, e il loro ruolo d'iscrizione degli effettivi era (Della Milizia di Rocca o sia di Soccorso.)
Nel 1762 al Corpo venne affidato anche il servizio di guardia d'onore e di sicurezza al Palazzo Pubblico.
La Guardia di Rocca Nucleo Uniformato all'inizio della sua ricostituzione (1959) ebbe il compito di vigilanza ai confini della Repubblica e di prestare servizio di guardia all'ingresso del Palazzo Pubblico, funzioni ora ampliate con un servizio di sorveglianza e sicurezza esteso anche a Palazzo Begni (Segreteria di Stato per gli Affari Esteri); ha, inoltre, poteri di controllo di Polizia Doganale e funzioni di Polizia Giudiziaria.
Dal 2005 fa parte dell'Interpol.

Funzioni e ServiziModifica

I Servizi espletati dal Corpo sono:

  • Servizio di controllo del territorio e pattugliamento dei Confini di Stato
  • Servizio di controlli transfrontalieri inerenti al trasporto di denaro contante e strumenti analoghi
  • Servizio di scorte ai portavalori
  • Servizio di ordine pubblico
  • Controllo della circolazione stradale e della viabilità
  • Accertamento delle violazioni amministrative e penali
  • Squadra antisommossa denominata SPS (Squadra di Pubblica Sicurezza)
  • Sorveglianza e rappresentanza presso le sedi istituzionali
  • Visti di transito e presa in deposito di armi
  • Servizio visto merci con controllo di bolle e di merci in entrata e in uscita dal territorio
  • Servizio di guardia d'onore, di sicurezza e di ordine pubblico al Palazzo Pubblico
  • Sentinella e cambio della Guardia a Palazzo Pubblico

Con Legge 13 novembre 1987 sono attribuite alla Guardia di Rocca anche le mansioni di «Agenti di Polizia giudiziaria».

UniformeModifica

  • L'Uniforme per il cambio della guardia presso il Palazzo Pubblico è costituita da una giacca verde a doppio petto, pantaloni rossi con banda verde, chepì nero composto da: nappina rossa, fregio in ottone, cordellino rosso e bianco, ghette bianche per coprire la parte superiore delle scarpe, guanti bianchi, e cinturone in cuoio nero con fibbia in ottone con lo stemma del Comando Superiore delle Milizie. I Militi della Guardia di Rocca che prestano servizio di guardia si contraddistinguono per l'uso di una ottocentesca carabina, di derivazione inglese, corredata da una lunga baionetta. Saltuariamente e per i picchetti di rappresentanza, sono armati con il Fal (Beretta BM 59) calibro 7.62 NATO.
  • La tenuta di alta uniforme è la stessa usata per il cambio della guardia con l'aggiunta di spalline metalliche dorate ed, al posto del chepì, un elmo bavarese in cuoio con rifiniture ottonate, con sottogola lavorato a scaglie, e con piume di struzzo bianche e rosse che scendono a coprire l'elmo.
  • L'uniforme d'ordinanza per gli Ufficiali e per la sorveglianza alle sedi istituzionali, è una normale divisa giacca e cravatta, sempre nei rispettivi colori verde e rosso, corredata di cinturone e spallaccio, con fibbia ottonata.
  • La tenuta per i servizi di ordine pubblico e servizio di pattugliamento del territorio è di colore blu notte della Tactical 5.11 anti strappo, con basco blu notte, tutti gli stemmi e fregi sono in stoffa con il retro in velcro per motivi di sicurezza.
  • Il cinturone per il servizio di pattuglia è in cordura, di colore nero.

GradiModifica

Ufficiali

  • Capitano - Comandante del Corpo
  • Tenente
  • Sottotenente

Sottufficiali

  • Sergente Maggiore Aiutante
  • Sergente Maggiore
  • Sergente

Graduati e Militi

  • Caporale Maggiore
  • Guardia
  • Allievo Guardia

Autovetture di ServizioModifica

BibliografiaModifica

LibriModifica

  • Comandi della Guardia di Rocca Artiglieria e Uniformata, La Compagnia di Artiglieria il Nucleo Uniformato della Guardia di Rocca, AIEP Editore, 2004.
  • Ufficio di Segreteria del Comando Superiore delle Milizie, I Corpi Militari della Repubblica di San Marino, 2012.
  • Alessandro Gentili, Repubblica di San Marino, uno Stato permanentemente armato, pubblicato su www.Report Difesa.it 11 luglio 2017

Atti normativiModifica

  • Regolamento del Nucleo Uniformato della Guardia di Rocca - Legge 13 novembre 1987 n.132, modificata con Legge 24 luglio 1992 n.61 e con Legge 5 settembre 1997 n.99.
  • Regolamento Organico e di Disciplina dei Corpi Militari - Legge 26 gennaio 1990 n.15, modificata con Legge 19 dicembre 1991 n.157 e con Legge 18 febbraio 1999 n.28.
  • Cerimoniale Militare - approvato dal Congresso Militare il 23 giugno 2000 e Delibera del Congresso di Stato n.1 del 22 settembre 2003.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica