Apri il menu principale
Gwardia Ludowa
Orl.jpg
Insegna della Armia Ludowa
Descrizione generale
Attiva1942-1 gennaio 1944 trasformata in
Armia Ludowa
NazionePolonia Polonia
ServizioEsercito partigiano
Ruoloforza armata del PPR
Dimensione10 000 - 30 000
Battaglie/guerre2ª guerra mondiale
Rivolta del ghetto di Varsavia
Parte di
Comandanti
Degni di notaMichał Żymierski
Marian Spychalski[1]
Simboli
Insegna della Gwardia LudowaLogogl.jpg
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Gwardia Ludowa (italiano: Guardia del Popolo) è stata una organizzazione armata clandestina comunista polacca durante la Seconda guerra mondiale. Il 1º gennaio 1944,[2][3]. il Consiglio Nazionale di Stato, creato nella notte del 31 dicembre 1943 su iniziativa di Josif Stalin e del Partito dei Lavoratori Polacchi ribattezzò la Gwardia Ludowa Armia Ludowa.

I soldati della Gwardia Ludowa indossavano un triangolo rosso con la didascalia "GL" sul cappuccio: solo in seguito alla trasformazione in Armia Ludowa l'aquila Piast divenne il simbolo di questa formazione, anche se l'aquila era priva della corona e gli artigli e il becco non erano dorati.

Il nome adottato era uguale a quello di una formazione militare della resistenza polacca costituita dall'ottobre 1939 dal Partito Socialista Polacco - Libertà, Uguaglianza, Indipendenza PPS-WRN che continuava nella clandestinità le tradizioni del Partito Socialista Polacco. Il messaggio della Direzione centrale WRN del Comitato degli esteri del PPS del 22 giugno 1942 affermava: "I comunisti agiscono con tutta la loro nota perfidia: ad esempio, hanno adottato il nome di" Guardia Popolare "per la loro formazione, che è il nostro esercito organizzato come parte delle Forze Armate nel paese. Ovunque i comunisti possono apparire come emissari del governo polacco o rappresentanti del Partito socialista polacco (nome simile del partito polacco dei lavoratori).[4]

StoriaModifica

La Gwardia Ludowa venne costituita nel 1942 per combattere l'occupazione nazista della Polonia, mediante agguati, rapide imboscate e azioni di sabotaggio. Alla sua costituzione contava circa 3000 combattenti. Le prime formazioni partigiane vennero costituite nel maggio 1942 nelle aree intorno a Piotrków Trybunalski e Radom. Alla fine del 1942 l'organizzazione operava in sette regioni amministrative: Varsavia, Lublino, Radom-Kielce, Cracovia, Łódź, Slesia e Lviv.[5] Nell'area di Lviv la Gwardia Ludowa non arrivò a sviluppare completamente la lotta armata e in questa zona a partire dal 1943 la lotta armata venne svolta dai partigiani sovietici.

La Gwardia Ludowa dipendeva dal Partito dei Lavoratori Polacchi; il suo primo comandante fu Bolesław Mołojec e dopo la sua esecuzione, nel 1942, venne sostituito da Franciszek Jóźwiak.[5][6][7]

Durante la rivolta del ghetto di Varsavia del 1943, collaborando con l'organizzazione ebrea Żydowska Organizacja Bojowa, decine di pattuglie tedesche furono attaccate da formazioni partigiane polacche, guidate dai comunisti della Gwardia Ludowa, che compirono una serie di azioni nella zona tedesca della città e fecero pervenire armi, munizioni e finanziamenti ai combattenti del ghetto di Varsavia, operarando anche alcune azioni di salvataggio. Al termine della rivolta il ghetto ebraico venne distrutto, ma alcuni ebrei, a piccoli gruppi o singole persone, rimasero nascosti nei rifugi sotterranei e nelle fognature, continuando sporadicamente a combattere ed a tentare di fuggire, e, il 23 settembre, l'ultimo gruppo di insorti riuscì, armi alla mano, ad uscire dal ghetto ed a disperdersi nella zona tedesca della città e alcuni di loro entrarono a far parte della Gwardia Ludowa.

Il 29 luglio 1944, con decreto del Consiglio Nazionale di Stato (polacco: Krajowa Rada Narodowa) del 21 luglio 1944, la Armia Ludowa venne incorporata nell'Esercito Popolare Polacco.[5]

NoteModifica

  1. ^ (PL) Trójka Polskie Radio, Marszałek Polski Marian Spychalski, su polskieradio.pl, 17 giugno 2011. URL consultato il 14 novembre 2018.
  2. ^ Władysław Gomułka scriveva nei suoi diari: "(...) La decisione dare vita ad un'organizzazione militare come la GL PPR non venne presa fino a marzo 1942" - Wladyslaw Gomulka, Diari, Volume 2, Varsavia 1994, pag 133
  3. ^ Kazimierz Sobczak, Encyklopedia II wojny światowej., Warszawa 1975, p. 174.
  4. ^ My tu żyjemy jak w obozie warownym. Listy PPS-WRN Warszawa-Londyn 1940–1945, Londyn 1992, p. 163 (Viviamo qui come in un campo fortificato. Lettere PPS-WRN Varsavia-Londra 1940-1945, Londra 1992, p 163)
  5. ^ a b c (PL) Polish Institute of National Remembrance, Gwardia Ludowa, Armia Ludowa, su ipn.gov.pl. URL consultato il 14 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2014).
  6. ^ (PL) Tadeusz M. Płużański, Publicystyka Antysocjalistycznego Mazowsza, su asme.pl. URL consultato il 14 novembre 2018 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2012).
  7. ^ (PL) Milena, Polska w okresie okupacji. Kalendarium (IX 1939 do X 1944), interklasa.pl. URL consultato il 14 novembre 2018.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN162219234 · GND (DE4808762-2 · WorldCat Identities (EN162219234