Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Slesia (disambigua).
Slesia
Slesia – Stemma Slesia – Bandiera
Silesia (Now).png
Slesia. L'immagine mostra:
  • i confini attuali dopo il 1994 (in rosso);
  • i confini della Slesia Prussiana nel 1871 (in giallo);
  • i confini della Slesia prima dell'annessione da parte della Prussia avvenuta nel 1742 (in celeste)
Stati Germania Germania
Polonia Polonia
Rep. Ceca Rep. Ceca
Capoluogo Breslavia
Superficie 40 319 km²
Lingue
Nome abitanti slesiani

La Slesia (in polacco: Śląsk; in antico polacco Ślążsk[o]; in tedesco: Schlesien; in ceco: Slezsko; in slovacco Sliezsko; in tedesco slesiano Schläsing; in slesiano Ślůnsk ɕlonsk; in lusaziano superiore Šleska; in lusaziano inferiore Šlazyńska; in latino Silesia) è una regione storica dell'Europa centrale, appartenente oggi per la maggior parte alla Polonia e in misura minore alla Repubblica Ceca e alla Germania.

Indice

GeografiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Bassa Slesia.

La Slesia corrisponde all'alto e medio corso del fiume Oder (Odra) ed è delimitata nettamente a sud dalla catena montuosa dei Sudeti. Suo capoluogo storico nonché centro principale è la città di Breslavia.

EtimologiaModifica

(DE)

«Da die Silingen offensichtlich ihren Namen im mittelalterlichen pagus silensis und dem mons slenz - möglicherweise mit dem Zobten gleichzusetzen [...] - hinterließen und damit einer ganzen Landschaft – Schlesien – den Namen gaben [...]»

(IT)

«Poiché gli slesiani evidentemente diedero i loro nomi al pagus silensis e al mons slenz –probabilmente per identificare il monte Zobten […] – diedero ad un'intera regione il nome Slesia […]»

(Reallexikon der Germanischen Altertumskunde[1])

L'origine del nome è controverso; secondo taluni deriverebbe dal fiume Ślęza, o forse dal monte Ślęża nella Slesia meridionale (la montagna era un luogo di culto nei tempi preistorici). Ślęża si trova in toponimi originari di molte lingue preindoeuropee.[2]

Secondo gli slavisti polacchi M. Rudnicki, T. Lehr-Splawinski, S. Rospond e lo storico W. Semkowicz, le parole polacche ‘Ślęża' o ‘Ślęż' (tradotta in latino Silesia, in slesiano Ślunsk, in tedesco Schlesien) sono in relazione con la parola paleoslava "ślęg" o "śląg" che significa umidità, in questo caso con il significato di terreno umido.[3] Inoltre, tra alcuni studiosi tedeschi circola l'ipotesi che il nome derivi dalla parola Śląsk, ovverosia la tribù dei Silingi.[1]

La Slesia oggiModifica

Attualmente la Slesia è condivisa da tre diversi Stati:

StoriaModifica

Nel medioevo, la Slesia era una provincia di Piast (prima dinastia polacca), che divenne possedimento boemo sotto il Sacro Romano Impero e quindi tornò alla corona degli Asburgo nel 1526. Nel 1742, la gran parte della Slesia fu conquistata da Federico II di Prussia nella Guerra di successione austriaca. Questa parte della Slesia costituiva le province prussiane dell'Alta e Bassa Slesia e alla fine della prima guerra mondiale un plebiscito assegnò una piccola parte dell'Alta Slesia alla Polonia. Con Federico II il Ducato di Slesia con capoluogo Breslavia fu amministrativamente ripartito in:

  • Alta Slesia comprendente i ducati di Oppeln, Glatz e Habelschwerdt, Leobschütz, Münsterberg, Friedland, Ratibor, Jägerndorf, Pless, Beuthen, Gleiwitz;
  • Media Slesia con i ducati di Breslavia, Brieg, Ohlau, Öls, Schweidnitz, Jauer;
  • Bassa Slesia con i ducati di Liegnitz, Trachenberg, Glogau, Schweibus, Sagan, Waldenburg.

Nel 1945, la quasi totalità della regione passò alla Polonia, eccetto una piccola parte sulla riva sinistra dell'Oder (ex ducato di Glatz). Quei territori invece che furono assegnati all'Austria, sono ora entro i confini della Repubblica Ceca.

CittàModifica

Le città della Slesia con una popolazione superiore a 100.000 abitanti (al 2006) sono:

Breslavia
Ostrava
Katowice
Bielsko-Biała
Opole
Görlitz
Nome Popolazione Superficie Regione Stato
1 Breslavia 632.162 293 km² V. della Bassa Slesia   Polonia
2 Ostrava* 336.556 214 km² R. di Moravia-Slesia   Rep. Ceca
3 Katowice 317.220 165 km² V. della Slesia   Polonia
4 Gliwice 199.451 134 km² V. della Slesia   Polonia
5 Bytom 187,943 69 km² V. della Slesia   Polonia
6 Zabrze 191.247 80 km² V. della Slesia   Polonia
7 Bielsko-Biała* 176.864 125 km² V. della Slesia   Polonia
8 Ruda Śląska 146.658 78 km² V. della Slesia   Polonia
9 Rybnik 141.580 148 km² V. della Slesia   Polonia
10 Tychy 131.153 82 km² V. della Slesia   Polonia
11 Opole 128.268 97 km² V. di Opole   Polonia
12 Wałbrzych 126.465 85 km² V. della Bassa Slesia   Polonia
13 Zielona Góra 118.221 58 km² V. di Lubusz   Polonia
14 Chorzów 114.686 33 km² V. della Slesia   Polonia
15 Legnica 105.750 56 km² V. della Bassa Slesia   Polonia

* In parte

NoteModifica

  1. ^ a b (DE) Jankuhn, Herbert; Beck, Heinrich et al. (a cura di), Wandalen, in Reallexikon der Germanischen Altertumskunde, vol. 33, 2ª ed., Berlino; New York, de Gruyter, 2006.
  2. ^ Zbigniew Babik, Najstarsza warstwa nazewnicza na ziemiach polskich w granicach średniowiecznej Słowiańszczyzny, Uniwersitas, Kraków, 2001.
  3. ^ Rudolf Fischer, Onomastica slavogermanica, Uniwersytet Wrocławski, 2007. t. XXVI. 2007. str. 83

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN126084153 · LCCN (ENsh85122476 · GND (DE4052678-1