Apri il menu principale

Heta-uma (ヘタウマ o ヘタうま?) è una corrente artistica giapponese nata, nell'ambiente dei manga anticonformisti, sulle pagine del magazine mensile antologico Garo nella seconda metà degli anni settanta.

Le parole heta e uma significano rispettivamente poco abile e abile o anche scarso ed eccellente, in definitiva un’unione di “alto” e “basso”. Il contrasto estetico è voluto, ribelle e provocatorio. Il tratto del disegno rimane infantile, volutamente sgraziato ed essenzialmente ironico[1].

Autori[2]Modifica

  • Teruhiko Yumura (湯村 輝彦?)
  • Yoshikazu Ebisu (蛭子能収?)
  • Imiri Sakabashira (逆柱 いみり?)
  • Yusaku Hanakuma (花くまゆうさく?)
  • Makoto Aida (会田 誠?)
  • Hashiguchi Chiyomi (橋口 千代美?)
  • Takashi Nemoto (ねもと たかし?)
  • Jiro Ishikawa (石川次郎?)
  • Keiichi Tanaami (田名網 敬?)
  • Yuka Goto (後藤友香?)
  • Kanako Inuki (犬木加奈子?)
  • Motohiro Hayakawa (早川モトヒロ?)
  • Kosuke Kawamura (河村康輔?)
  • Hideyasu Moto (本秀康?)
  • Suehiro Maruo (丸尾 末広?)
  • Shintarō Kago (駕籠 真太郎?) in parte
  • Mimiyo Tomozawa (友沢ミミヨ?)

NoteModifica

  1. ^ Yusaku Hanakuma, Tokyo zombie, in Coconino Gekiga, traduzione di Vincenzo Filosa, Coconino Press - Fandango, 2018.
  2. ^ HETA-UMA, in Catalogo dell'esposizione Mangaro, Taco Chè, 2014.