Apri il menu principale

Hrvatsko ratno zrakoplovstvo i protuzračna obrana

Hrvatsko ratno zrakoplovstvo i protuzračna obrana
Aeronautica militare croata
Seal of Croatian Air Force.png
Descrizione generale
Attiva1991 - oggi
NazioneCroazia Croazia
Servizioforze armate croate
Tipoforza aerea
Guarnigione/QGBase aerea di Pleso, a Zagabria
Anniversari12 dicembre
Comandanti
Comandantebrigadier generale Dražen Šćuri
Simboli
CoccardaRoundel of Croatia.svg Roundel of Croatia – Low Visibility.svg
Distintivo di codaCoat of arms of Croatia.svg Fin marking of the Croatian Air Force (low vis).svg
Voci su forze aeree presenti su Wikipedia

La Hrvatsko ratno zrakoplovstvo i protuzračna obrana (abbreviato HRZ i PZO) è l'aeronautica militare della Croazia e parte integrante delle forze armate croate.

StoriaModifica

La storia dell'aeronautica militare croata risale alla seconda guerra mondiale: durante il conflitto la maggior parte delle forze croate fu inviata sul fronte est con il nome croato Hrvatska zrakoplovna legija (in tedesco Kroatische Luftwaffen Legion). Questa forza aerea allora consisteva in uno squadrone di caccia equipaggiato con i Messerschmitt Bf 109 ed uno squadrone di bombardieri equipaggiato con i Dornier Do 17. In particolare lo squadrone di caccia servì in Russia e molti dei piloti croati divennero grandi assi, come Mato Dukovac, Cvitan Galić, Franjo Džal e molti altri. L'aeronautica militare dello Stato indipendente di Croazia (Zrakoplovstvo Nezavisne Države Hrvatske o ZNDH) divenne attiva il 19 aprile 1941. Alla fine della guerra tutti gli aeromobili catturati alla ZNDH furono inglobati dall'aeronautica dell'Armata popolare jugoslava.

L'aeronautica militare croata così come è conosciuta oggi è nata il 12 dicembre 1991, durante la guerra di indipendenza della Croazia dalla Jugoslavia. Il primo squadrone effettivamente attivo venne creato nel 1992, quando la Croazia fu in grado di acquistare tre MiG-21; nel giro di poco tempo, riuscendo ad eludere l'embargo militare, la Croazia riuscì ad acquistare un totale di 40 MiG-21. Di questi circa 25 furono messi in grado di combattere, mentre gli altri vennero utilizzati come parti di ricambio. Per quanto riguarda gli elicotteri, una forza aerea venne creata durante la guerra, con l'acquisto di circa venti Mil Mi-8 e dieci Mi-24, che vennero largamente utilizzati durante la guerra del 1995.

Dopo la fine della guerra la maggior parte degli aeromobili utilizzati vennero dismessi e ne vennero acquistati anche alcuni nuovi, come ad esempio venti Pilatus PC-9 e dieci Bell 206 nel 1997.

L'affare dei MiG-21 ucrainiModifica

Nel 2013 la Difesa croata firmò un accordo del valore di 17,5 milioni di euro con l’azienda ucraina UkrSpetsExport per la riparazione e ammodernamento di 7 dei suoi 12 Mig-21 bis/D e la fornitura di altre 5 macchine di provenienza ucraina con consegne completate nel 2015.[1] Nel 2013 la Difesa croata firmò un accordo del valore di 17,5 milioni di euro con l’azienda ucraina UkrSpetsExport per la riparazione e ammodernamento di 7 dei suoi 12 Mig-21 bis/D e la fornitura di altre 5 macchine di provenienza ucraina con consegne completate nel 2015. Nel 2016 esplode lo scandalo: due alti funzionari del Ministero Difesa croato vennero accusati di aver accettato tangenti dall’impresa statale ucraina UkrSpetsExport in cambio di “assistenza” nella chiusura del suddetto accordo. Secondo il Jutarnji List, un esame approfondito del velivolo ha rivelato che la parte ucraina ha falsificato la documentazione mentre l’inchiesta ha svelato che gli esemplari ucraini provenivano in realtà dalla Bulgaria (e non dallo Yemen come ipotizzato in un primo momento); alcuni di questi presentavano addirittura motori di origine sconosciuta e numeri seriali non coincidenti con quelli specificati nei documenti ucraini. Nel dettaglio i cinque MiG-21 “ucraini” si sono rivelati dunque essere vecchi caccia in servizio con l’aeronautica bulgara che hanno operato fino al 1998. UkrSpetsExport li comprò a prezzo scontato come “miniere” di pezzi di ricambio, modificò i numeri seriali sulle cellule, li ridipinse e li vendette come “attrezzature profondamente modernizzate”. Alla beffa si aggiunge anche la scoperta che i cinque MiG-21 sarebbero stati distrutti (sulla carta) da Sofia, la quale aveva informato per questo motivo la NATO dell’operazione di smantellamento e resta da chiarire in che modo i velivoli siano giunti in Ucraina dalla Bulgaria. Come se non bastasse le dichiarazioni dei vertici militari hanno denunciato un’operazione di manutenzione di scarso livello: il contratto per la riparazione dei MiG-21 e l’acquisto di esemplari di seconda mano indicava una durata operativa di circa 10 anni ma in realtà dopo pochi mesi l’Aeronautica militare croata ha ritenuto che i caccia fossero inadatti al volo per via delle costanti perdite di carburante dai serbatoi dei velivoli o persino dell’inaffidabilità della strumentazione di navigazione. Un terribile volo d’addestramento a tal proposito è salito alla ribalta delle cronache poiché solo l’abilità del pilota croato ha evitato una tragedia con la perdita dell’ufficiale e del MiG stesso. Il ministro della Difesa ucraino Stepan Poltorak, che ha visitato di recente una base aerea sita a Zagabria, ha ammesso alla stampa che l’accordo non è stato completamente realizzato come previsto. “Questa richiesta è una conferma ufficiale della scadente riparazione dei nostri caccia in Ucraina per i quali sono stati pagati 132,9 milioni di kunas (22 milioni di dollari) creando una minaccia per le vite dei piloti croati, e al contempo ha fiaccato notevolmente la prontezza al combattimento di un paese membro della NATO.” Secondo il Jutarnji, vi sono seri sospetti che tutta la documentazione fosse falsificata e la riparazione dell’aeromobile non sia mai stata effettuata, tanto che il giornale croato ha definito la storia dei “falsi MiG” come il più grande scandalo nella storia delle forze armate croate. Secondo la controparte ucraina invece, lo scandalo è effetto della pressione mediatica russa e della concorrenza sleale esercitata da Mosca che danneggerebbe i contratti stipulati da Kiev nonostante – recita il comunicato stampa – “l’esistenza di sanzioni dell’UE contro la Russia che dovrebbero escluderla totalmente da futuri contratti come accaduto invece con la revisione di dieci elicotteri Mi-171Sh croati effettuata da Russian Helicopters.” Il Ministero della Difesa croato ha chiesto che l’Ucraina sostituisca i velivoli MiG-21 sottoposti a riparazione con nuovi caccia idonei al volo. Secondo il quotidiano Jutarnji list, citando una fonte informata nel ministero della Difesa, si tratterebbe di sostituire almeno quattro aerei. In mezzo a tutto questo bailamme resta lo stato allarmante dell’Aeronautica Militare croata che si dibatte da una decina di anni ormai alla ricerca di validi sostituti dei Mig 21, tra le pressanti richieste delle NATO e i limiti del bilancio destinato alla Difesa.[1]

Progetti di modernizzazioneModifica

Già da tempo era stato previsto l'acquisto, a partire dal 2010, di 12 nuovi caccia multiruolo, tuttavia a causa della crisi economica globale che ha avuto le sue inevitabili ripercussioni anche in Croazia, l'anno di avvio del programma è stato spostato al 2011-2012. Però nel frattempo accurati studi hanno dimostrato che 12 caccia non sarebbero comunque sufficienti per pattugliare l'intero spazio aereo croato (infatti sarebbero necessari almeno 16-18 caccia). Ad ogni modo una decisione definitiva del governo croato in merito è attesa per la metà del 2009.

Aeromobili in usoModifica

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2019)[2][3]
Note Immagine
Aerei da combattimento
Mikoyan-Gurevich MiG-21 Fishbed   Russia aereo da caccia
conversione operativa
MiG-21bisD
MiG-21UMD
8[2][3][4]
4[2][3][4]
In totale sono stati consegnati 35 monoposto e 8 biposto.[2] 5 modernizzati acquisiti dalla Ukrspetsexport nel 2014 che ha anche aggiornato 7 dei velivoli già in dotazione. A marzo 2019 sono operativi solo 4 aerei (un monoposto e tre biposto) dei 12 in organico.[2][3][4]
Impieghi speciali
Air Tractor AT-802   Stati Uniti lotta aerea antincendio AT-802A
AT-802F
2[2][3]
4[2][3]
2 AT-802A e 4 At-802F consegnati.[2]
Canadair CL-415 Super Scooper   Canada lotta aerea antincendio CL-415 6[2][3] 6 CL-415 consegnati.[2]
Aerei da addestramento
Pilatus PC-9   Svizzera aereo da addestramento PC-9A
PC-9M
3[3][2]
12[3][2]
3 PC-9A e 15 PC-9M consegnati.[2]
Zlín Z 242   Rep. Ceca aereo da addestramento Z 242L 5[2][3] 5 Z 242L consegnati.[2]
Aerei da trasporto
Bombardier Challenger 601   Canada aereo da trasporto VIP CL-601 1[2] 2 CL-601 consegnati.[2]
Piper PA-31 Cheyenne II   Stati Uniti aereo da trasporto leggero PA-31T 2[2] 2 PA-31T consegnati.[2]
Elicotteri
Mil Mi-8 Hip   Russia elicottero da trasporto Mi-8T Hip-C
Mi-8MTV-1 Hip-H
Mi-171Sh
3[2][3]
11[2][3]
10[2][3]
6 Mi-8T Hip-C, 13 Mi-8MTV-1 Hip-H e 10 Mi-171Sh consegnati.[2]
Bell 206 JetRanger III   Stati Uniti elicottero utility 206B-3 8[2][3] 10 Bell 206B-3 consegnati.[2]
Bell OH-58 Kiowa Warrior   Stati Uniti elicottero da ricognizione OH-58D 16[2][3][5][6] 16 esemplari costruiti tra il 2010 ed il 2012 ed acquisiti dallo US Army.[2][3][5] Al 5 dicembre 2016 risultano tutti consegnati.[6]
Sikorsky UH-60 Black Hawk   Stati Uniti elicottero utility UH-60M 0 2 UH-60M donati dal governo USA.[3][2]

Aeromobili ritiratiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b "CROAZIA E UCRAINA AI FERRI CORTI PER L’AFFARE DEI MIG 21", su analisidifesa.it, 4 marzo 2018, URL consultato il 5 marzo 2018.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab "Le forze aeree del mondo. Croazia" - "Aeronautica & Difesa" N. 389 - 03/2019 pag. 70
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q (EN) World Air Force 2019 (PDF), su Flightglobal.com, p. 14. URL consultato il 19 dicembre 2018.
  4. ^ a b c "CROATIAN AIR FORCE DROPS TO JUST FOUR USABLE FIGHTER JETS", su total-croatia-news.com, 15 marzo 2017, URL consultato il 13 novembre 2017.
  5. ^ a b "Dall'US Army cinque OH-58 alla Croazia" - "Aeronautica & Difesa" N. 360 - 10/2016 pag. 68
  6. ^ a b "SPECIALE DIFESA: CROAZIA, ARRIVATI 11 ELICOTTERI MILITARI FORNITI DA STATI UNITI", su agenzianova.com, 5 dicembre 2016, URL consultato il 9 dicembre 2016.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN305018877 · LCCN (ENn2013042676 · WorldCat Identities (ENn2013-042676