INTERSOS
Sede INTERSOS.jpg
Sede centrale a Roma, Via Aniene, 26a
TipoONG
Fondazione25 novembre 1992
Roma (Italia)
FondatoreNino Sergi, Confederazioni sindacali ed altri[1]
Scoposoccorso sanitario e progetti di sviluppo in aree di conflitti e di catastrofi
Sede centraleItalia Roma
Area di azione40 Paesi del mondo
PresidenteItalia Marco Rotelli
Lingua ufficialeItalia italiano
Bilancio63.436.528,31€[2] (2016)
Impiegati2.419[2] (2016)
Sito web
2014: una donna libanese parla a due rifugiate siriane relativamente alla violenza di genere ed ai matrimoni infantili nel sud del Libano.
Una mina antiuomo Tecnovar VAR-40. INTERSOS realizza campagne di bonifica di terreni dalle mine antiuomo.

INTERSOS è un'organizzazione non governativa italiana, umanitaria e senza scopo di lucro[3] e una di quelle con più collaboratori.[4]

Attualmente è presente in 17 paesi del mondo, fra cui Libano, Sud Sudan, Iraq. È l'unica organizzazione non governativa italiana presente in Yemen.

StoriaModifica

INTERSOS è stata fondata il 25 novembre 1992[5] da Nino Sergi con il sostegno delle confederazioni sindacali italiane,[6] ed altri.

Nasce per portare aiuto alle vittime di disastri naturali, conflitti ed in generale, delle condizioni di estrema esclusione della persona.

Ha gestito interventi e progetti in occasione della disgregazione della Jugoslavia, in Somalia nel post-Siad Barre, nel conflitto in Cecenia con la Federazione russa, nei conflitti Afghani, dopo il conflitto in Iraq, in occasione dei conflitti Darfur, Ciad, Repubblica democratica del Congo, Sudan del Sud e per bonificare le mine anti-uomo disseminate in occasione di numerosi conflitti.[7]

Dal 2015 Kostas Moschochoritis, esperto di questioni umanitarie, è il Segretario Generale di INTERSOS.

PresidenzaModifica

AttivitàModifica

INTERSOS gestisce progetti, direttamente ed in collaborazione con altre organizzazioni umanitarie, per fornire assistenza in Italia[8] ed all'estero[9] in situazioni di emergenza umanitaria, con particolare riferimento ai temi della tutela dei migranti,[10] della persona e della famiglia, l'infanzia[8] con programmi specifici per le spose-bambine,[11] e i bambini soldato.[12]

In Italia gestisce il centro A28 per minori stranieri non accompagnati.

Inoltre, ha gestito programmi di bonifica dalle mine anti-uomo[13] che fanno la maggior parte delle vittime tra la popolazione civile.

NoteModifica

  1. ^ http://www.vita.it/it/article/2015/04/01/nino-sergi-lascia-la-presidenza-di-intersos/131957/
  2. ^ a b https://www.intersos.org/wp-content/uploads/2018/07/annual-Intersos-2017_ENG_WEB.pdf
  3. ^ Alessandra Appiano, Intersos, l'ong che crede nelle storie a lieto fine, il Fatto Quotidiano, 17 dicembre 2015. URL consultato il 26 agosto 2018 (archiviato il 5 agosto 2010).
  4. ^ https://www.open-cooperazione.it/web/top-10-organizzazioni.aspx?anno=2016
  5. ^ http://www.emmenews.com/la-storia-intersos-raccontata-dalla-giornalista-lucana-sonia-grieco/
  6. ^ http://www.cislbrescia.it/wp-content/uploads/2004/10/Pieg.-sui-sentieri-pace.pdf
  7. ^ http://www.pisticci.com/cultura-spettacoli/6239-emergenze-umanitarie-e-cooperazione-sonia-grieco-racconta-la-storia-di-intersos.html
  8. ^ a b http://blog.savethechildren.it/nel-nostro-logo-la-promessa-di-salvare-i-bambini-ad-ogni-costo-la-storia-di-mohamed/
  9. ^ http://www.onuitalia.com/2016/06/07/sud-sudan-intersos-lincontro-tra-nyagal-e-la-madre-ritrovata/
  10. ^ http://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2016/03/09/migranti-intersos-ibm-assieme-per-cartelle-cliniche-nel-cloud_Vr8Q1DG6r8WNS6J7lv5TbL.html
  11. ^ http://www.onuitalia.com/2016/03/07/spose-bambine-la-storia-di-fatu-maliana-di-11-anni-raccontata-da-intersos/
  12. ^ http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2016/02/12/news/l_infanzia_violata_dei_bambini_soldato-125415505/
  13. ^ http://www.pagina99.it/2016/04/04/mine-la-guerra-di-vito-lo-sminatore-che-vendeva-armi/

BibliografiaModifica

  • Sonia Grieco, Abbiamo stretto molte mani. Venti anni nelle emergenze umanitarie, Roma, Carocci editore, 2013, ISBN 978-88-4307-144-9

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto