Isola di Čkalov

Isola di Čkalov
Остров Чкалова
Chkalov1w rus.png
Geografia fisica
LocalizzazioneMare di Ochotsk
Coordinate53°24′57″N 141°13′14″E / 53.415833°N 141.220556°E53.415833; 141.220556Coordinate: 53°24′57″N 141°13′14″E / 53.415833°N 141.220556°E53.415833; 141.220556
Dimensioni20 × 1
Geografia politica
StatoRussia Russia
Circondario federaleEstremo Oriente
KrajTerritorio di Chabarovsk
RajonNikolaevskij
Cartografia
Mappa di localizzazione: Distretto Federale dell'Estremo Oriente
Isola di Čkalov
Isola di Čkalov
voci di isole della Russia presenti su Wikipedia

L'isola di Čkalov (in russo: Остров Чкалова?) è un'isola della Russia nella parte meridionale del mare di Okhotsk. Amministrativamente appartiene al Nikolaevskij rajon del kraj di Chabarovsk, nel Circondario federale dell'Estremo Oriente. L'isola, che si chiamava precedentemente Udd (остров Удд), ha preso il nome del pilota Valerij Pavlovič Čkalov, eroe dell'Unione Sovietica.

GeografiaModifica

L'isola di Čkalov è un'isola costiera nel golfo di Sachalin, a nord della foce dell'Amur, che chiude a nord-est il golfo Sčast'ja assieme all'isola di Bajdukov, che si trova 2 km a sud-est. L'isola di Čkalov dista 5,5 km dalla terraferma e si trova di fronte all'isola di Sachalin; è lunga circa 20 km e larga 1 km[1].

FaunaModifica

Sull'isola vi sono molti uccelli, tra cui il piovanello pancianera, il gambecchio collorosso, il chiurlo piccolo, il piro-piro piccolo e la pittima minore. Nelle acque circostanti sono comuni i beluga.

Isole adiacentiModifica

StoriaModifica

Valerij Čkalov, a bordo del Tupolev ANT-25, assieme a Georgij Filippovič Bajdukov e Alexander Vasil'evič Beljakov, sbarcò sull'isola il 22 luglio 1936 durante il volo non-stop sulla tratta Mosca-Terra di Francesco Giuseppe-Severnaja Zemlja-Petropavlovsk-Kamčatskij di 9374 km, atterrando dopo 56 ore e 20 minuti[2][3]. Per riprendere il volo, dovettero costruire una pista lunga 500 metri. In ricordo dello sbarco, sull'isola di Čkalov c'è un monumento. Nel 2006, in onore del 70º anniversario del volo, il pilota Anatolij Nikolaevič Kvočur ha guidato il caccia multiruolo Sukhoi Su-30 sullo stesso percorso[4]. Nel 2011, per il 75º anniversario, il volo è stato ripetuto con due pendolari ultraleggeri[3][5].

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica